Home > COMUNICATI STAMPA > Agroalimentare – Dal 16 aprile cinque imprese dell’Emilia-Romagna in Cina e Giappone con la missione commerciale del commissario europeo Hogan

Agroalimentare – Dal 16 aprile cinque imprese dell’Emilia-Romagna in Cina e Giappone con la missione commerciale del commissario europeo Hogan

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Caselli: “un’iniziativa importante. Internazionalizzazione scelta strategica”. I gruppi: Conserve Italia, Cantine Riunite, Caviro, Romagna Coop Food e Filiera d’eccellenza del grana padano piacentino.

Bologna – Il made in Emilia-Romagna alla conquista dei mercati asiatici. Sono cinque i grandi gruppi dell’agroalimentare regionale che da sabato 16 aprile saranno in Cina e in Giappone, grazie alla missione commerciale guidata dal Commissario europeo all’agricoltura Phil Hogan. Si tratta di Conserve Italia di Bologna, Cantine Riunite di Reggio Emilia, Caviro di Faenza, oltre a due consorzi per l’export costituiti a loro volta da diverse realtà produttive: la Filiera d’eccellenza del Grana padano piacentino, che associa 4 caseifici di questa provincia (per un totale di oltre 20mila forme prodotte) e Romagna Coop Food che riunisce i marchi Cevico, Co-ind, Deco industrie, Fruttagel, Molino Spadoni, Borgo Buono. La missione fa parte delle iniziative Ue per rafforzare la competitività del settore agricolo e agroalimentare europeo sul mercato interno e nei paesi terzi, previste nell’ambito del programma “Enjoy it’s from Europe”. Le imprese partecipanti (che dovevano presentare la propria candidatura entro il 15 febbraio) sono state selezionate dalla stessa Commissione. Per l’Italia si tratta di 9 realtà produttive di cui 5 dell’Emilia-Romagna, su un totale di 45 in rappresentanza dei diversi paesi Ue. “In questa missione c’è molta Emilia-Romagna, rappresentata da alcuni grandi marchi di rilevanza non solo nazionale – spiega l’assessore regionale all’agricoltura Simona Caselli – è un’iniziativa importante che come Regione abbiamo sostenuto perché pensiamo che l’internazionalizzazione sia la scelta strategica per il nostro agroalimentare. Quello asiatico poi è un mercato emergente dalle grandi potenzialità”. La missione, che si svolgerà dal 16 al 22 aprile, avrà come tappe Shangay e Beijing in Cina e Tokyo in Giappone. Il programma prevede incontri B2B, visite e iniziative presso centri di ricerca in campo agricolo, aziende produttrici e catene della grande distribuzione.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi