Home > Al cantóη fraréś / RUBRICA > Al cantón fraréś
A l’ombra dal Castèl
Tempo di lettura: 4 minuti

Al cantón fraréś. Testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese

Quasi cento anni fa, dal 1924 al 1926, furono pubblicate tre antologie dialettali, con traduzione in italiano, dal titolo A l’ombra dal Castèl, redatte da Luigi Ferri e Francesco De Sisti.
Erano rivolte agli alunni delle III, IV, V elementari, al fine di diffondere la lingua nazionale anche attraverso il vernacolo.
Le antologie erano composte da modi di dire, racconti, proverbi, filastrocche, indovinelli, poesie, spesso ripresi dai lunari “Chichett da Frara”, “La Rana” e “Al Campanon dal Dom”, dai giornali umoristici “L’Omnibus” e “L’Usel grifon”. Fra gli autori: Girolamo Baruffaldi, Ubaldo Magri Farolfi, Francesco Aventi, don Artemio Cavallina, Rinaldo Lodi, Giovanni Pazzi, Nando Bennati.
Di seguito tre esempi tratti dal testo per la classe terza: un dialogo, una filastrocca, un indovinello.
Ciarìn

I źógh
-Źughégna a la cut?
-È mèi l’urbina.
-Par ciapàr ‘n iηzucàda!
– Alora źughén a batmùr.
-Oibò, źugàr di sold!
-Fén na partida al boć.
As pol far di bei rumanìn.
-A mì am piaś ad più al bach e pandón.
-E se a źugàsan a buśola?
-No, no, mi am god ad più ai quàtar cantùn
-E se a źugàsan al tavèli?
-A putrìsaη źugàr a castlét, o a pita pitèla,
ai gratìn, a nugarola, a fighét…
-Déηgh un tai, feη paiéta e po’ a farén al
źógh ch’saltarà fóra.

Traduzione degli stessi autori (con parole in lingua oggi desuete).

I giuochi
Giochiamo a rimpiattino? / È meglio a mosca cieca. / Per prendere una testata? / Allora giochiamo a ristornino. / oibò, giocare dei soldi! / Facciamo una partita alle bocce. Si possono fare dei bei tiri a colombella. / A me piace di più la lippa. / E se giocassimo a buchetta? / No, no, io mi diverto di più a toccapoma. / E se giocassimo alle murielle? / Potremmo giocare a castellina, o a te a te, a giraneve, a querciuolo, al volàno… / Smettiamola, facciamo bruschette e poi faremo il gioco che salterà fuori.

 

Filastroca par zugàr
Tira la réd, – A l’ho tiràda.
Fagh un gróp, – Agh l’ho fat.
Fàghin ‘n àltar, – Agh al farò.
Tira la réd, – Ch’a pasarò.

Filastrocca per giocare
Tira la rete, – L’ho tirata. / Falle un nodo, – Gliel’ho fatto. / Fagliene un altro, – / Glielo farò. / Tira la rete, – Che passerò.

 

Indvinèl
Na roba piculìna, piculìna
Ch’la s’tira sémpar adré la so budlìna.

Indovinello
Una roba piccolina, piccolina / Che si tira sempre dietro la sua budellina. (L’ago e il filo)

Tratto da: Ferri e De Sisti, A l’ombra dal Castèl : Antologia dialettale ferrarese per gli esercizi di traduzione in italiano, in conformita dei programmi ufficiali 1. ottobre 1923, 1: Classe 3. Elementare, Palermo, Remo Sandron, 1924.

Luigi Ferri (1854-1935)
Ispettore scolastico, Presidente della Società Pedagogica degli insegnanti di Ferrara, autore fra l’altro del Vocabolario Ferrarese – Italiano del 1889, compilato sullo studio accurato del dizionario ferrarese di Carlo Azzi…
Francesco De Sisti (1878-1954)
Insegnante, sportivo, autore de L’influenza psicologica della educazione

 

Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia, esce regolarmente ogni venerdì.
Per leggere tutte le puntate clicca [Qui]

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi