Home > Al cantóη fraréś / RUBRICA > Al cantón fraréś
Alberto Ridolfi: “La Céśa dal Sufràģ” e “A son un zitadìn”
Tempo di lettura: 5 minuti

Alberto Ridolfi ha chiamato ”pensieri” le prime poesie pubblicate. Trattano della quotidianità, di ricordi famigliari, della sua Ferrara, ma anche di temi universali. Inoltre ha scritto zirudele e storielle con smaliziato umorismo. Di seguito: a) una poesia dedicata ad una piccola chiesa, a un rituale pietoso che vi si svolgeva e alla musica del suo organo Cipri del 1551, b) un pensiér in cui l’autore presenta se stesso.
Ciarìn

 

La Céśa dal Sufràģ

Quand as viéη su piaη piaη par Saη Rumàn
dop soquànt mètar, uη puchìη źó ad man
a gh’è ‘na céśa, coη la sò fazàda
ad préda viva, briśa intunacàda.
L’entrada, du scalìn uη póch slisà;
al marciapié par fàragh da sagrà.
Cot più da gli intempèri che dal sól,
che la sóta al gh’ariva quand che al pòl,
un brut purtóη l’è mis int al pasaģ
pr’ andàr déntr’ a la Céśa dal Sufràģ.
La s’ciàma acsì parché i cundanà
che in piaza dal Travàj gniśéa cupà,
j’ i ciapàva i Cumpàgn dla Bona Mort
e i faśéva fiη chi al sò traspòrt;
una Messa in sufràģ dl’anima ria
e po’ iη spala, una cróś e via.
Comunque, apéna déntar, che splendór!
Una penombra, il candél, l’udór,
tut iηmasćià da céśa e da umdità,
che as sént sól int i pòst ch’è tgnù sarà.
Sénza lusso, però bén adurnàda,
e la Madòna sémpr’ iηluminàda.
Un òrgaη, che s’tié tanta furtunà
da capitàr intànt che al viéη sunà,
al t’ciapa da la strada e po’ al t’mena
déntr’ a la céśa, cóme ‘na siréna
e apéna al t’a tirà déntr’ al purtón
al t’fa gnir vója ad dir il tò urazión.

La Chiesa del Suffragio
Quando si viene su pian piano per San Romano / dopo alcuni metri, un po’ giù di mano / c’è una chiesa, con la sua facciata / di pietra viva, non intonacata. / L’entrada, due scalini un poco lisci; / il marciapiede per farci da sagrato. / Cotto più dalle intemperie che dal sole, / che là sotto gli arriva quando può, / un brutto portone è messo nel passaggio / per entrare nella Chiesa del Suffragio. / Si chiama così perché i condannati / che nella piazza del Travaglio venivano accoppati, / li prendevano i Compagni della Buona Morte / e facevano fin qui il loro trasporto; / una messa in suffragio dell’anima malvagia / e poi in spalla, una croce e via. / Comunque, appena dentro, che splendore! / Una penombra, le candele, l’odore, / tutto mischiato da chiesa e da umidità, / che si sente solo nei posti tenuti al chiuso. / Senza lusso, però per adornata, / e la Madonna sempre illuminata. / Un organo, che se sei tanto fortunato / da capitare mentre vien suonato, / ti prende dalla strada e poi ti accompagna / dentro alla chiesa, come una sirena / e appena ti ha attirato dentro al portone / ti fa venir voglia di dire le tue orazioni.

 

A son uη zitadìη

Mi a son uη zitadìη;
mi a son uη ‘d quéi
nat avśìn al zéntar
tacà al Ghétt di ebrèi.

A scriv ad quél che a véd,
a scriv ad quél che a sént,
iη fraréś parché agh créd,
ma briśa par la źént.

Par fisàr il j idèi,
par métar źó i peηsiér,
par dscórar di mié cvèi,
prima che i dvénta iér.

Sono un cittadino
Sono un cittadino; / sono uno di quelli / nati vicino al centro / vicino al Ghetto degli ebrei. /
Scrivo di quello che vedo, / scrivo di quello che sento, / in ferrarese perché ci credo, / ma non per la gente. /
Per fissare le idee, / per mettere giù I pensieri, / per parlare delle mie cose, / prima che diventino ieri.

Tratte da: Alberto Ridolfi, Pensiér in frarés, Ferrara, AMGA,1992.

Alberto Ridolfi (Ferrara 1931- 2012)
Ingegnere elettronico, insegnante di informatica. Presidente del Tréb dal Tridèl dal 2003 al 2006. Socio anche del Gruppo Scrittori Ferraresi. Simpaticissimo attore dialettale dalla memoria formidabile, attento e puntuale studioso del nostro vernacolo. Altre sue poesie nella raccolta Fora dal temp (2000).
Ideatore di un utile opuscolo Scrìvar e lèzar al fraréś, dó o tré pìlul ad gramatica (2006). Co-autore di un Vocabolario italiano-ferrarese (2007).

Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica settimanale curata da Ciarin per Ferraraitalia, con il grande caldo rallenta il passo ma non chiude per ferie. Nei mesi di luglio ed agosto uscirà ogni quindici giorni, sempre il venerdì. Per leggere le puntate precedenti clicca [Qui]

 

Cover:  Ferrara, via San Romano, Chiesa del Suffragio (foto di Marco Chiarini, giugno 2020)

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi