Home > Al cantóη fraréś / RUBRICA > Al cantón fraréś
Guido Angelo Facchini: “Piaza dal Dòm”

Al cantón fraréś
Guido Angelo Facchini: “Piaza dal Dòm”

Tempo di lettura: 4 minuti

L’autore, Guid’Anzul per gli amici, ha cantato con nostalgia e calore le bellezze di Ferrara. I palazzi, le vie, i monumenti, le mura, i miti, sono presentati con passione in un dialetto nitido, gradevole e schietto. La poesia di oggi è accompagnata, nel volume da cui è tratta, da riproduzioni di E. Baglioni, M. di Shar, A. Pisa, M. Quilici Buzzacchi, G. Barberis.

Piaza dal Dòm

Piaza dal Dòm! L’è ‘l cuór dla mié zità:
na piaza bèla, placida e serena
aηch quand tut i źanìn jè chì al marcà
e i vénd furmént o i compra sac d’avena
propria davanti a cal miràcul d’art
che da ot sècul al sta lì in dispàrt!

Piaza dal Dòm! L’as pòl ben dir parfèta
s’la dèsta in ogni cuór l’amirazióη:
la tór ad Rigobèlo, la turéta,
la statua dla Vitoria e ‘l graη vultóη;
po’, da na part, la nóva pizunàra
e, s’il culòn, i du graη sgnóri ‘d Frara.

Davanti al Dòm agh è du omn ad sass
che, iη zima a di leùn, i fa ‘η graη sforz
par tgnir su la fazàda; lì da bass
as ved cal graη gueriér che l’è Saη Źorź,
ma la cosa più bèla, più divina,
l’è là più iη sù e l’è la Madunìna!

Basta star soquànt dì luntan da Frara
par sintìrs int al cuór uη zèrt śbliśghìη,
na nustalgìa ch’la dvénta na fugàra
sól che ‘s posa sugnàr uη cvèl divìη:
la Madona dil Grazi, al cvèl più bel
ch’agh sia s’la tera e ch’al sta vśin al ziél!

 

Piazza del Duomo (traduzione dell’autore)

Piazza del Duomo! È il cuore di Ferrara: / solare e ariosa, placida e serena / pur se i ‘giannini’ fanno qui cagnara / nel contrattar frumento oppur avena / proprio davanti a quel miracol d’arte / che sta da otto secoli… in disparte. /
Piazza del Duomo! Si può ben dir perfetta / se desta in ogni cuore ammirazione: / la Torre dei Ribelli, la Torretta, / la Vittoria alata e il gran voltone / con, su in alto, i signori di Ferrara; / da una parte, la nuova piccionara! /
Presso il portal due uomini di sasso, / in groppa a dei leon, fan sforzo fiero / per regger la facciata, dove, in basso, / si vede Giorgio, Santo e gran guerriero. / Ma la cosa più bella, più divina / è un po’ più in su ed è la Madonnina. /
Basta che sia Ferrara un po’ lontana / per sentirsi nel cuor un gran languore / di nostalgia che divien caldana / sol che si pensi, pregando con fervore, / alla Madonna, fiore sullo stelo / ch’è qui con noi e sta vicina al cielo.

Tratto da: Guid’Anzul, Il blezz ad Frara, Ferrara, Banca di Credito Agrario, 1976. Presentazione di Luciano Chiappini. Strenna corredata da splendide illustrazioni di artisti molto noti.

 

Guido Angelo Facchini (Ferrara 1904 – Prato 1977)

Laureato in matematica e fisica, giornalista, poeta e storico, direttore artistico della Gazzetta Ferrarese, poi dirigente amministrativo del Corriere Padano.
Il Resto del Carlino del 27 marzo 1977 riporta: “… fu l’appassionato promotore di manifestazioni culturali e artistiche negli anni ’30, quali La settimana ferrarese, L’ottava d’oro, Le Celebrazioni Ariostesche e la ripresa del tradizionale Palio di San Giorgio”. Nel dopoguerra insegnò fisica e matematica; si dedicò anche all’amministrazione e alla consulenza commerciale di aziende tessili. (Note biografiche dall’Archivio Storico di Leopoldo Santini)

Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica settimanale curata da Ciarin per Ferraraitalia, esce al venerdì mattina.
Per leggere le puntate precedenti clicca [Qui]

Cover:  Ferrara, piazza Trento Trieste (piazza del Duomo, Listone), foto di Marco Chiarini, luglio 2020)

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi