26 Novembre 2021

Al cantón fraréś
Mendes Bertoni: “La Divina Cmedia”.

Ciarin

Tempo di lettura: 8 minuti

Sandro_Botticelli inferno dante

 

Da molti secoli autori dialettali si cimentano in traduzioni delle maggiori opere della letteratura italiana: la Commedia, l’Orlando, la Gerusalemme…
Quest’anno, in cui si celebra il settecentesimo anniversario della morte di Dante, sono rispuntate, in particolare sugli scaffali delle biblioteche, le versioni della “Commedia” rese nei vari dialetti della penisola: romagnolo, veneto, calabrese, pugliese, siciliano, oltre che in genovese, napoletano, mantovano, milanese, romanesco, ecc.
Due sono le versioni che conosciamo nel nostro vernacolo:
– la prima di Luigi N. Cittadella (Ferrara 1806 -1877), storico, impegnatosi nella riduzione in ferrarese del primo canto dell’Inferno nel 1870, intitolata “La Cmedia Divina”;
– la seconda di Mendes Bertoni, una “Antologia” dall’Inferno dei canti primo, terzo, quinto, decimo, diciottesimo, trentaduesimo, trentatreesimo, del 1967.
Di quest’ultima riportiamo, dal primo canto, i versi iniziali fino all’incontro con Virgilio.
(Ciarìn)

Prim cant

Dla nostra vita a mità strada giusta
am son truvà int uη bosch acsì tant scur,
che com’un dspers andava avanti a usta

e con ados mi’η’so quanti paur.
Iη meź a sproch, a ram, arvéd e sas
d’andar avanti an jéra più sicur

tant jéra fadigoś alvàr al pas.
Ma ‘l beη ch’a j’ho truvà mi ‘v voi cuntàr
e d’jàltar cvei par vostr’e par mié spas.

Com’abia fat là dentr’a scapuzàr
al źur, ch’an am so dar propria raśóη,
ma źa, quand uη l’aη s’ferma a raśunàr

al casca iη zerti tràpul da miηción;
e acsì ho fat mi, ch’am jéra imbambanà,
drit fil ho fat, sui vizi, uη bel sbliśgón.

Ma quand ai pié d’uη mont am son truvà,
là dóva cla valàda la finiva,
am soη santì, ad bota, iηcuragià;

ho guardà in su… Che bléza! Viva… viva!
Al sol, iluminàndam al stradèl,
ad graη fiducia al cuor al m’impinìva.

Come pr’iηcant st’miràcul acsì bel
l’ha fat sparìr parfìn tut cal spavént
che iηcapunàram l’éva fat la pel.

E come quel che ‘n tl’aqua, pr’azidént,
al casca déntar e’l riésc a tucàr riva,
al s’volta indré a guardarla pr’uη mument,

acsì ho fat mi ch’aηcora impalidìva:
ho butà n’oć iη présia a cal stradèl
che mai l’ha fat pasàr critura viva.

Strach amazà, tut’iη sudòr la pel,
am soη farmà uη puchìn a ripusàr,
ho ciapà fià e vié com’uη fringuèl.

Ma sol diéś pas aveva putù far
ch’am son truvà davanti na bastiàza;
na lòηza smaciuzàda ch’a pié par

l’am s’jéra impantalàda propria iη faza
e l’an’am vléva più lasàr pasàr.
Decìś am jéra d’bandunàr la piàza,

ma ‘l sol ch’iη ziél al stava par spuntàr
al m’ha in cuor mis na tal sicuraziòn
ad psér, aηch st’al parìcul, evitàr.

Ma eco, póch distant, spunt’uη leoη
che a boca ‘verta vers a mi ‘l s’avśìna,
ruźénd come s’al fus sarà iη gabión;

e ‘ηsiém a lu na lupa magrulina.
A tal visión tut al curaģ ho pers
e la speranza d’arivàr parfìna.

E come quel che pr’un destin avèrs
al perd la so furtuna e ‘l resta dur,
ad dàras paś l’an trova mod e vers,

acsì cla bestia, andand a colp sicùr,
l’am rimandava piaη pianin indré
e ‘ηcora n’altra volta iη mez al scur.

E méntar, spavantì, m’n’andava vié,
a l’impruvìsa am ved davanti al naś
una parsóna ferma e drit iη pié.

Ma che furtuna! Banadét al caś!
Un om int al desert… ma che beléza!
Par mi, ch’an am savéva dar più paś,

a l’jéra come n’àηcora ad salvéza.
“O ombra, o om, se t’aη m’aiut da bòn”
-agh ho zigà- “par mi aη gh’è più peza!”

Al m’ha rispost: “Mi òmaη più ‘n’al són
e i mié parent ad raza jè mantvàna,
ad Pietole, pr’amor ad preciśión.

Nat sot’a Zeźar al temp dla graη bubàna,
a Roma, po’ ho visù, sot’Agustìn,
al temp d’na religion tropa bagiana.

A soη sta’ aηch puèta e iη latìn
dal fiòl d’Anchise a j’ho cantà ill prudéz,
dal prode Enea s’uη mudèst librìn.

Ma ti parché ‘n continui briśa iηvéz
a caminàr sul mont s’at vó truvàr
cla gioia e cal piaśér ch’at zérch da ‘η pez?”

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .   .

 Canto Primo
Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
che la diritta via era smarrita.
Ahi quanto a dir qual era è cosa dura
esta selva selvaggia e aspra e forte
che nel pensier rinova la paura!
Tant’è amara che poco è più morte;
ma per trattar del ben ch’i’ vi trovai,
dirò de l’altre cose ch’i’ v’ho scorte.
Io non so ben ridir com’i’v’intrai,
tant’era pien di sonno a quel punto
che la verace via abbandonai.
Ma poi ch’i’ fui al piè d’un colle giunto,
là dove terminava quella valle
che m’avea di paura il cor compunto,
guardai in alto e vidi le sue spalle
vestite già de’ raggi del pianeta
che mena dritto altrui per ogni calle.
Allor fu la paura un poco queta,
che nel lago del cor m’era durata
la notte ch’i’ passai con tanta pieta.
E come quei che con lena affannata,
uscito fuor del pelago a la riva,
si volge a l’acqua perigliosa e guata,
così l’animo mio, ch’ancor fuggiva,
si volse a retro a rimirar lo passo
che non lasciò già mai persona viva.
Poi ch’èi posato un poco il corpo lasso,
ripresi via per la piaggia diserta,
sì che ‘l piè fermo sempre era ‘l più basso.
Ed ecco, quasi al cominciar de l’erta,
una lonza leggiera e presta molto,
che di pel macolato era coverta;
e non mi si partia dinanzi al volto,
anzi ‘mpediva tanto il mio cammino,
ch’I’ fui per ritornar più volte vòlto.
Temp’era dal principio del mattino,
e ‘l sol montava ‘n sù con quelle stelle
ch’eran con lui quando l’amor divino
mosse di prima quelle cose belle;
sì ch’a bene sperar m’era cagione
di quella fiera a la gaetta pelle
l’ora del tempo e la dolce stagione;
ma non sì che paura non mi desse
la vista che m’apparve d’un leone.
Questi parea che contra me venisse
con la test’alta e con rabbiosa fame,
sì che parea che l’aere ne tremesse.
Ed una lupa, che di tutte brame
sembiava carca ne la sua magrezza,
e molte genti fé già viver grame,
questa mi porse tanto di gravezza
con la paura ch’uscia di sua vista,
ch’io perdei la speranza de l’altezza.
E qual è quei che volontieri acquista,
e giugne ‘l tempo che perder lo face,
che ‘n tutti suoi pensier piange e s’attrista;
tal mi fece la bestia sanza pace,
che, venendomi ‘ncontro, a poco a poco
mi ripigneva là dove ‘l sol tace.
Mentre ch’i’ rovinava in basso loco,
dinanzi a li occhi mi si fu offerto
chi per lungo silenzio parea fioco.
Quando vidi costui nel gran diserto,
Miserere di me”, gridai a lui,
qual che tu sii, od ombra od omo certo!”.
Rispuosemi: “Non omo, omo già fui,
e li parenti miei furon lombardi,
mantoani per patria ambedui.
Nacqui sub Iulio, ancor che fosse tardi,
e vissi a Roma, sotto ‘l buono Augusto
nel tempo de li dèi falsi e bugiardi.
Poeta fui, e cantai di quel giusto
figliuol d’Anchise che venne di Troia,
poi che ‘l superbo Ilión fu combuto.
Ma tu perché ritorni a tanta noia?
Perché non sali il dilettoso monte
ch’è principio e cagion di tutta gioia?”.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Tratto da:
Mendes Bertoni, Antologia della Divina Commedia in dialetto ferrarese, Ferrara , SATE, 1967

Mendes Bertoni (Ferrara 1905 – 1987)
Prolifico autore di poesie e commedie dialettali molto rappresentate.
Altre notizie nel “Cantón fraréś” del 19 marzo 2021 [Qui].

 Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia,
esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca [Qui]

Cover: Sandro Botticelli, Mappa dell’Inferno, 1480-90, Biblioteca Apostolica Vaticana



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Ciarin

Ciarin

Ti potrebbe interessare:

  • LE RINNOVABILI NON DECOLLANO…
    Le Comunità energetiche e solari sono una soluzione

  • ACCORDI /
    Gli Interpol e le luci del nuovo millennio

  • MEGALOMEN:
    L’Ombelico del mondo e la società dello spettacolo

  • interno autobus semivuoto

    Diario di un agosto popolare
    9. LA METRO, IL BUS E LO SCOOTER

  • Maternità parallele in un dramma collettivo:
    Almodóvar colpisce ancora

  • TERRA & ACQUA DA SCOPRIRE.
    La  Ciclabile Burana

  • Il treno di Margherita
    …un racconto

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi