Home > Al cantóη fraréś / RUBRICA > Al cantón fraréś
Vito Cavallini: “Fetónt”
pioppi golena
Tempo di lettura: 4 minuti

 

Nella Storia dal mié paés Vito Cavallini, cui è dedicato questo Cantón fraréś, racconta in dialetto il territorio ferrarese, figure della corte estense, personaggi della cultura, e si sofferma fra le leggende in quella di Fetonte.
Il figlio di Febo Apollo, dirigendosi verso il Sole con il suo carro, incapace di governare i cavalli precipita nell’Erìdano. Proprio da queste parti. Le Eliadi, sorelle di Fetonte, mentre addolorate lo piangono sono tramutale in pioppi da Zeus. Pioppi che ancora oggi caratterizzano le rive del Po. (Ciarìn)

 

Fetónt

A ghè na fòla iη mèź a tanti fòl
che la par fata apòsta par sti cò,
quéla ‘d Fetónt, al fiòl ad Fèbo Apòl
ch’al vléva andàr pr’al ziél come in landò
sul cariàģ da purtàr iη źir al Sól,
e a và a finìr ch’al casca, al casca in Po,
int l’Erìdan, iη riva a ‘η paiśìη
che adès la źént l’al ciama Fraηculìη.

Pòvar Fetónt, al jéra uη bel źuvnòt,
uη cosmonauta col so sangv bujént,
al vléva spadrunzàr sul dì e la nòt
e ‘l Sól e ill stéll tacàdi ai finimént:
un iηsóni tant bel, che po’ al s’è rót,
e ill so surèli ill jà tacà ‘η lamént
su cla graη sćiùma iη meź al fium, e dop
si j’àrźan, col dulór è nat i piòp.

È nati ill piopi, j’àrbul dla pianura
d’atórn a Frara luηgh i so canàl,
co’ la fója d’arźént int la calura
ch’l’as móv apena apena al fià dla val,
e ill ran ill canta al temp dla trebiadùra,
dorm al vilàn, arspónd sol ill zigàl…
Fetónte, nat iη ziél e mort a Frara,
l’è chi coη nu, iη Po, ch’l’è la so bara.


Fetonte
(traduzione dell’autore)

C’è una favola in mezzo a tante favole / che pare fatta apposta per questi luoghi, / quella di Fetonte, il figlio di Febo Apollo, / che voleva andare per il cielo come in carrozza / sul carriaggio per portare in giro il Sole, / e va a finire che casca, casca in Po, / nell’Eridano, in faccia a un paesino / che adesso dalla gente è chiamato Francolino. /

Povero Fetonte, era un bel giovanotto, / un cosmonauta col suo sangue bollente, / voleva spadroneggiare sul giorno e su la notte / e il sole e le stelle attaccate ai finimenti: / un sogno tanto bello, che poi si è rotto, / e le sue sorelle hanno avviato un lamento / in quella gran schiuma in mezzo al fiume, e dopo / su gli argini col dolore, son nati i pioppi. /

Sono nate le pioppe, gli alberi della pianura / attorno a Ferrara, lungo i suoi canali, / col fogliame argenteo nella calura / che si muove appena appena al fiato della valle, / e le rane cantano al tempo della trebbiatura, / dorme il villano, rispondono le cicale… / Fetonte, nato in cielo e morto a Ferrara, / è qui con noi, in Po, ch’è la sua bara.

 

 

 

 

 

Tratto da: Vito Cavallini, Storia dal mié paés (Storia del mio paese), Milano, Gastaldi, 1965.

 

Vittore “Vito” Cavallini (Portomaggiore 1905 – Ferrara 1983)
Altre note biografiche nel Cantóη fraréś del 15 maggio 2020 [Qui]

 Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia, esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca (Qui)

In copertina:  Alberi in golena sul Po – foto di Marco Chiarini, 2021

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Azienda Concato
Al cantón fraréś
Alessandro Corazza: “L’ùltim śmèrgul”
Edizioni Pinocchio
Al cantón fraréś
Italo Verri: “Gli aventur ad Pinochio”
Fiume Po
Al cantón fraréś
Bruno Pasini: a Milva “Par na guranta”
PRESTO DI MATTINA
Il dono dell’aquila

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi