Home > COMUNICATI STAMPA > Al via il pagamento dei ticket sanitari, emessi dall’Azienda Ospedaliera di Ferrara, tramite i canali elettronici delle Banche del Gruppo Intesa Sanpaolo

Al via il pagamento dei ticket sanitari, emessi dall’Azienda Ospedaliera di Ferrara, tramite i canali elettronici delle Banche del Gruppo Intesa Sanpaolo

da: organizzatori

Per le Aziende Sanitarie dell’Emilia Romagna al via il Servizio CBILL, per il pagamento dei ticket tramite i canali elettronici delle Banche del Gruppo Intesa Sanpaolo.
È possibile pagare i ticket sanitari emessi da Azienda Ospedaliera di Ferrara, Azienda Ospedaliera di Modena, AUSL di Modena e AUSL della Romagna, direttamente dal proprio PC, tablet, smartphone e tramite gli sportelli automatici.

In Emilia Romagna, pagare il ticket sanitario è da oggi ancora più comodo e veloce, grazie al servizio CBILL, messo a punto dal Consorzio CBI, che consente la consultazione e il pagamento delle bollette in multicanalità.
Le famiglie emiliane e romagnole possono effettuare il pagamento dei ticket tramite i canali elettronici messi a disposizione dalle Banche del Gruppo Intesa Sanpaolo, che nella regione sono Carisbo e Cariromagna, utilizzando quindi il proprio servizio di internet banking (accessibile da PC, tablet e smartphone) oppure gli sportelli automatici (ATM).
Il servizio è al momento attivo per i ticket emessi da Azienda Ospedaliera di Ferrara, Azienda Ospedaliera di Modena, AUSL di Modena e AUSL della Romagna, e sarà progressivamente esteso a tutte le Aziende Sanitarie e Ospedaliere dell’Emilia Romagna di cui il Gruppo Intesa Sanpaolo è divenuto tesoriere, aggiudicandosi la gara indetta dalla Regione per lo svolgimento del Servizio di Tesoreria.
Grazie al servizio CBILL è sufficiente collegarsi al proprio internet banking o tramite qualunque altro canale bancario abilitato, per consultare e pagare le bollette di qualsiasi azienda e pubblica amministrazione che abbia adottato il servizio.
Il Servizio CBILL – lanciato da circa un anno – ha già fatto registrare oltre 1 milione e 300 mila operazioni, ciascuna del valore medio di circa 180 euro, per un controvalore complessivo di oltre 230 milioni di euro. Numeri destinati a crescere, considerando che è prevista a breve l’adesione di altre aziende private e pubbliche amministrazioni.
Per quanto riguarda invece gli istituti finanziari, al momento sono già 525 – pari all’82% dei consorziati CBI – quelli che offrono il servizio. I fatturatori attivi sono oltre quaranta, tra i quali ENEL Energia, ENEL Servizio Elettrico, Wind, Azienda USL 8 Arezzo, Consorzio della Bonifica Renana, Rai ed Equitalia, e altri ancora.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi