28 Gennaio 2014

Al voto, al voto: l’Europa, le banche e noi

Francesco Lavezzi

Tempo di lettura: 6 minuti

crisi-euro-zona

Fra il 22 e il 25 maggio si voterà per rinnovare il Parlamento europeo. Sono 73 in tutto i deputati che gli italiani sono chiamati ad eleggere, su un’assemblea che in totale ne conta 751, rappresentativi dei 28 Stati membri.
Dopo aver dato i numeri, sarebbe bello se si cominciasse a farsi un’idea di cosa, e soprattutto chi, votare. Tenuto conto che in campagna elettorale non mancherà chi sbraita di uscire dall’euro e comunque sentiremo poco e niente parlare di Europa da una classe politica che, spesso, ha visto quelle poltrone poco più che una gita all’estero.
Dico subito che chi volesse trovare qualche barlume di chiarezza in queste righe temo rimarrà deluso.
Parto dalla seconda parte del titolo del libro di Luciano Gallino (2013), di cui ho raccontato l’ultima volta: “L’attacco alla democrazia in Europa”.

Abbiamo sentito in questi anni da Bruxelles un disco sempre uguale: si esce dalla crisi solo se si diminuiscono deficit e debiti pubblici. E l’unico modo, questa la medicina amara ripetuta fino allo sfinimento, è fare tagli alla spesa sociale che, ormai, non possiamo più permetterci.
Significa usare le forbici su pensioni, sanità, scuola e mercato del lavoro.
Per questo all’Italia è stato detto e ridetto che bisogna fare i compiti a casa per mettersi in ordine, altrimenti non ne usciamo. E non c’è destra, sinistra e persino governi tecnici che tengano: tutti allineati nel ripetere il mantra del riordino dei conti pubblici.

Ma è proprio così? Oddio, su burocrazia e sprechi ben pochi darebbero il sangue, ma secondo Gallino le cose non stanno così.
L’analisi prende spunto dalle due cause della grande crisi globale (Gcg): un eccesso di credito concesso dal sistema bancario, e trasferito fuori bilancio nel labirinto della finanza ombra, e un eccesso di debito contratto dalle famiglie, spinte a comprare da un colossale programma tipo “a me gli occhi”, volto a sostenere gli acquisti per ovviare al problema strutturale della stagnazione, tendenziale esito del ciclo produttivo capitalistico. Un ceto medio, occorre aggiungere, nel frattempo lasciato in modo miope con le tasche vuote a causa di un colossale trasferimento di redditi e ricchezza dal basso verso l’alto.

Il risultato è un’enorme bolla finanziaria, e cioè denaro creato dal nulla e senza alcun riferimento all’economia reale, tanto che ancora oggi questa montagna di capitali fittizi varrebbe cinque volte il prodotto dell’economia mondiale.

La traduzione di questo disastro è stato un debito ciclopico accumulato dalle banche, che per non farle fallire, e ridurre sul lastrico milioni di risparmiatori, gli Stati si sono offerti a coprire. È accaduto negli Usa, in Irlanda, Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna e anche in Italia, nonostante ci abbiano sempre detto che il nostro sistema bancario è solido e sostanzialmente immune dall’infezione finanziaria.

Secondo il presidente della Commissione europea, Manuel Barroso, in una dichiarazione resa nel 2011, il totale della spesa pubblica in Ue per coprire i buchi del sistema bancario è stato di 4,6 trilioni di euro. Un Everest di soldi che equivale a oltre il 32 per cento del Pil dell’intera Ue.

Così negli anni della crisi i deficit dei bilanci pubblici sono effettivamente cresciuti in media di dieci volte, mentre i debiti pubblici sono lievitati di una ventina di punti passando da una media del 60 all’80 per cento del Pil.
Sia chiaro che qui non è il caso di alzare le mani in aria in segno di vittoria, se in Italia siamo attorno al 130 per cento.

Parallelamente, però, la media della spesa sociale durante gli stessi anni si è mantenuta costantemente attorno al 25 per cento della ricchezza prodotta in Europa.
“Ne consegue – scrive Gallino – che è del tutto scorretto imputare alla spesa sociale l’aumento del debito pubblico”.
Quindi ci troveremmo di fronte ad una colossale menzogna detta e ridetta come in una seduta di ipnosi, per convincerci che la colpa è nostra e che in questi anni abbiamo vissuto – altra formula magica – al di sopra delle nostre possibilità.
Omettendo, tra l’altro, di dire che un capitolo della spesa sociale, e cioè quella previdenziale e parte degli ammortizzatori sociali, sono il frutto di contributi di lavoratori e imprese e non spesa pubblica.

E invece pare sia ormai assodato che sul banco degli imputati debba stabilmente starci non chi ha causato questo crac planetario, ma un intero sistema di protezione sociale che costituisce uno dei pilastri fondamentali dello stare insieme e della qualità civile dell’Europa.

Una delle travi portanti della casa europea, volutamente issata da chi ha a lungo sognato questo edificio, al di là delle sue traduzioni nei rispettivi modelli scandinavo, cristiano-sociale tedesco, francese e catto-socialdemocristiano italico.
Un sistema, tra l’altro, i cui primi vagiti risalgono alla Gran Bretagna di Churchill e alla Germania di Bismarck, e cioè a quel medesimo mondo liberale che oggi vorrebbe usare il bisturi e rinnegare se stesso e le proprie radici.

Da qui l’attacco alla democrazia in Europa che sarebbe in atto e pure i pericoli irresponsabilmente non calcolati di una tensione sociale che può finire nelle braccia di nuovi populismi sempre dietro l’angolo.
Irresponsabilmente non calcolati, si badi, specie da chi ha usato modelli matematici come se piovesse, e con l’aiuto di pezzi importanti del mondo accademico, per produrre questo disastro.
E adesso sono gli stessi che avrebbero deciso di mettere le mani sull’ultimo, forse, diaframma che distingue ancora un continente democratico dal pianeta delle scimmie.
Ma allora che si fa il maggio prossimo davanti all’urna?
Ve l’avevo detto di non aspettarvi granché da queste righe.
Eppure, se si iniziasse a riflettere e discutere, innanzitutto se questo ragionamento tiene, forse non sarebbe tempo perso.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Francesco Lavezzi

Laurea in Scienze politiche all’Università di Bologna, insegna Sociologia della religione all’Istituto di scienze religiose di Ferrara. Giornalista pubblicista, attualmente lavora all’ufficio stampa della Provincia di Ferrara. Pubblicazioni recenti: “La partecipazione di mons. Natale Mosconi al Concilio Vaticano II” (Ferrara 2013) e “Pepito Sbazzeguti. Cronache semiserie dei nostri tempi” (Ferrara 2013).
Francesco Lavezzi

Ti potrebbe interessare:

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

  • rondini

    Per certi versi / La partenza delle rondini

  • Le Elezioni, l’Elettore e il Partito che non c’è

  • IRAN: Dopo la morte di Mahsa Amini
    si riaccende in tutto il paese la rivolta delle donne

  • Ferrara, Ciak si (ri)gira: 100 preludi

  • PRESTO DI MATTINA /
    Desiderio desideravi

  • VITE DI CARTA
    Dopo il Festivaletteratura di Mantova (seconda parte).

  • BOMBE NUCLEARI STRATEGICHE E TATTICHE
    Un tema di drammatica attualità

  • ALLE CINQUE DELLA SERA
    Lamento per Giuliano De Seta

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi