Home > PARTITI & DINTORNI > Alan Fabbri (Ln): “Governo ascolti le proteste dei pescatori e degli operatori della nostra costa”

Alan Fabbri (Ln): “Governo ascolti le proteste dei pescatori e degli operatori della nostra costa”

Tempo di lettura: < 1 minuto

Da ufficio stampa Lega Nord Emilia-Romagna

La protesta di pescatori e vongolai si è fatta sentire, anche nei palazzi romani, circondati nelle ultime ore dalla vivace contestazione degli operatori della costa: vongolai, pescatori, impiegati nell’indotto. Nel mirino, in particolare, «le ennesime imposizioni provenienti da Bruxelles – dice il capogruppo regionale della Lega Nord, Alan Fabbri – e le misure di “semplificazione” e “sicurezza agroalimentare”.» Le quali, manco a dirlo, «mettono a rischio la sopravvivenza di molte imprese», a causa di multe spropositate, in caso di pesca “sottomisura”. Le limitazioni e l’inasprimento delle sanzioni previste dall’articolo 39 della legge 154/’16 mettono praticamente sullo stesso piano le aziende di piccola entità emiliano-romagnole, rispetto ai grandi gruppi dei mari del nord Europa. Per fare qualche esempio, multe che sfiorano i 75mila euro per sarde, triglie e alici e che possono arrivare addirittura a 150mila euro per un tonno… «Siamo solidali – conclude Fabbri – con le categorie che protestano e ci auguriamo che, almeno questa volta, il Governo ascolti il lamento di un settore in difficoltà e dei tanti lavoratori che vivono grazie al mare.»

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi