COMUNICATI STAMPA
Home > IL QUOTIDIANO > Alessio Bolognesi e le antiche carte ferraresi

Alessio Bolognesi e le antiche carte ferraresi

Tempo di lettura: 2 minuti

Alessio Bolognesi è un artista ferrarese, membro dell’ artistic street art and graffiti collective Vida Krei (VKB). Ama sperimentare, far evolvere il suo linguaggio ed esplorare nuove tematiche e soggetti.
Qualche anno fa un altro artista ferrarese, Daniele Cestari, gli regalò alcuni pacchi di antichi documenti d’archivio destinati al macero provenienti dal consorzio di bonifica di Bondeno. L’età di queste carte va dagli anni Quaranta dell’Ottocento alla metà del Novecento. Dopo circa un anno dalla ricezione del dono, Bolognesi provò a utilizzarle come sfondo dei suoi disegni; le prime prove furono alcune rappresentazioni del suo alter-ego Sfiggy, il personaggio con cui iniziò la sua carriera. Il risultato fu notevole e venne subito apprezzato: veniva a crearsi un contrasto interessante tra il disegno e il documento ingiallito, scritto a mano in bella grafia. Inoltre, lo sfondo non necessitando di importanti ritocchi permetteva all’artista di far cadere maggiormente l’attenzione sul soggetto disegnato. I documenti antichi ferraresi diventarono così uno sfondo frequente per molte sue opere appartenenti a diversi progetti.
Molti dei progetti di Bolognesi sono percorsi di comunicazione attraverso gli animali e il mondo naturale, legati a tematiche ambientali. Uno di questi è [R]evolve[r], in cui rappresenta la natura che si arma e si ribella contro i soprusi degli umani. È stata esposta per la prima volta nel 2018. Da questa serie ho scelto come immagine di copertina L’uccello che girava le viti del mondo, opera di tecnica mista su carta antica, che rappresenta un colibrì intento a far scattare l’allarme: “il mondo va a fuoco”. Il titolo è la citazione di uno dei romanzi di Murakami Haruki preferiti dall’autore. Ora quest’opera, insieme al suo remake a colori Open fire, appartiene a una collezione privata.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
gino-strada e teresa-sarti
Insisto nella proposta:
“Gino Strada e Teresa Sarti”, un bel nome per una scuola primaria.
RUSPE E DIRITTI UMANI:
come far passare un violento sgombero come “buona pratica”
festa-libro-ebraico-kasher
A Ferrara dal 23 al 26 settembre 2021
TORNA LA FESTA DEL LIBRO EBRAICO
comunità afgana in italia
Presidio a sostegno della popolazione Afghana
Ferrara, piazza Trento Trieste – 24 agosto ore 18

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi