Home > ECOLOGICAMENTE / RUBRICA > Amare la città
ferrara
Tempo di lettura: 3 minuti

E’ vero, siamo sempre sotto elezioni, ma non sempre sappiamo davvero valutare cosa ci aspetta. Ora si avvicina anche il momento di votare il Sindaco, e allora credo che sia utile proporre qualche considerazione sul tipo di città che vogliamo. Di seguito propongo qualche riflessione.
La città rappresenta la società in cui viviamo, in cui corriamo, talvolta senza sapere in quale direzione. Siamo spesso travolti dalla complessità creata da noi stessi ed abbiamo crescenti difficoltà a gestire i valori. Che cosa facciamo affinché le città siano un luogo di felicità? Perché le stiamo distruggendo?
In realtà forse abbiamo difficoltà a capire cosa sia una città da un punto di vista sociologico, urbanistico o economico; le città sono oggi delle realtà molto complesse, differenziate e turbolente, non si lasciano guidare da progettualità tradizionali, ma richiedono impegni globali e risorse trasversali. È un errore molto diffuso ritenere che l’appartenenza collettiva sia in contrasto con progetti legati a individualità e universalità. Vero è piuttosto il contrario: anche il più universale dei consensi ha bisogno, per realizzarsi, di essere delimitato dall’approvazione dei singoli. Ciò che è grave è che spesso l’uomo, immerso com’è nella complessità, si abbandoni alla fatalità. Se ritiene lontana la soluzione o il suo reale coinvolgimento tende ad escludersi o meglio a vivere da “esterno” il problema. Troppo spesso, anche sull’ambiente, comunichiamo i disastri, le situazioni ingestibili e comunichiamo paure, non coinvolgimento. L’uomo si è arreso a “qualcosa” (non a qualcuno come in passato) e cerca sicurezza, certezza, conforto.
Oggi assistiamo al primato della comunicazione sulla conoscenza e, talvolta, è la comunicazione a fare politica e non viceversa. Invece il consenso, come il profitto, può essere giudicato e se ne possono mettere in luce la natura e le condizioni.
Siamo dunque in una fase di passaggio dalla comunità alla società, dunque dalla sociologia alla soggettività in una divaricazione crescente tra sistema e attori nelle società moderne. La vita sociale si riduce all’interesse e al piacere dell’individuo e perde la coscienza collettiva. Si parla molto di emarginazione, di povertà, di criminalità, disoccupazione e si pensa alla repressione; diventa così paradossale che ci si rifaccia a qualcosa che esclude e segrega. Diventa sempre più difficile parlare dei diritti dell’uomo e del cittadino, cioè identificare diritti collettivi e diritti civili. E’ giusto parlare di diritti politici, sociali e culturali, ma anche di doveri nei confronti delle collettività private e pubbliche a cui si partecipa.
Conoscere come la gente spera e chiede di star bene sarà lo scopo basilare di ogni politica futura. Dalla politica fatta di rappresentanza alla politica di motivazione; da quella degli specialisti alla politica di tutti, con progressivo sganciamento della politica dal potere. A tutti toccherà comandare, insegnare e aiutare. Cominciamo dalla scelta del nostro Sindaco.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
ABITARE UNA CASA DI VETRO
Cattolici e politica nel Terzo Millennio
ABBATTERE STATUE E’ COME BRUCIARE I LIBRI
La memoria di un popolo non si può cancellare
LA SCOMODITA’ DI ISRAELE
Arabeschi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi