9 Marzo 2016

Anche oggi chi dice donna dice…. / 2

Ingrid Veneroso

Tempo di lettura: 7 minuti

SEGUE. Passato il Santo passata la festa, ma non per noi. Anche se è il 9 marzo, continuiamo a raccontare della vita delle donne che hanno avuto un peso nella storia della civiltà. Per quelle che oggi continuano su questa strada, ma delle quali non conosciamo nomi né storie, cerchiamo tutti di aguzzare la vista e l’udito: ce ne sono tante e non sono mai troppo lontane. A loro il nostro grazie.

Artemisia Gentileschi: pittrice romana vissuta nel 1600 (1593 – 1653), la sua estetica si potrebbe innestare senza fatica nell’immaginario dell’arte caravaggesca, ma la sua fama postuma viene legata soprattutto al processo per stupro al quale trascinò uno dei suoi maestri di pittura.
Primogenita del pittore Orazio Gentileschi, Artemisia fu istruita ed educata alla bellezza e all’arte. Grazie alla vicinanza del padre alle botteghe romane, ebbe l’opportunità di osservare da vicino molte opere che vari pittori, intorno a lei, stavano producendo in quel momento: dalla Galleria Farnese, affrescata da Annibale Carracci, alla alla chiesa di S. Luigi de Francesi, dove stava all’epoca lavorando Caravaggio. Al tempo la carriera artistica per una donna era un’idea pressoché inconcepibile, eppure – spinta e sostenuta dal padre, con il quale lavorava – Artemisia Gentileschi riuscì ad inserirsi nel contesto artistico della Roma del Seicento, arrivando a conoscere diversi pittori, tra cui lo stesso Caravaggio e il nipote di Michelangelo. Affidata al paesaggista Agostino Tassi perché imparasse le regole della prospettiva, questi si invaghì della bella allieva. Le cronache del tempo vogliono che i due avessero una tresca amorosa e che Orazio, disgustato dalla relazione, denunciò l’amico Tassi per stupro. La realtà dei fatti non è chiara, ma lo stesso Tassi ammise di aver violentato la giovane nel corso di un cruento interrogatorio. Gli atti del processo sono raccolti in “Lettere precedute da Atti di un Processo”, della stessa Artemisia, che scriveva: “… quando fummo alla porta della camera lui mi spinse e serrò la camera a chiave e doppo serrata mi buttò su la sponda del letto dandomi con una mano sul petto …. e doppo ch’ebbe fatto il fatto suo mi si levò da dosso et io vedendomi libera andai alla volta del tiratoio della tavola e presi un cortello et andai verso Agostino dicendo: “Ti voglio ammazzare con questo cortello che tu m’hai vituperata””.
Dopo il processo sposò un pittore fiorentino, Pietro Antonio di Vincenzo Stiattesi, che frequentava come lei l’Accademia del Disegno, dove Artemisia diventò socio ufficiale nel 1616. In questo periodo produsse tante opere, fra le quali la celebre “Giuditta che decapita Oloferne”. A Firenze la nostra artista vinse il sostegno delle famiglie De Medici e Buonarroti. Da quest’ultima ricevette la commissione di completare un affresco all’interno della propria residenza e – nel frequentare l’Accademia – divenne amica di Galileo Galilei.
Celebre e riconosciuta nel panorama culturale fiorentino, grazie alla collaborazione con il padre Orazio pote’ viaggiare e farsi apprezzare a Genova, dove incontrò Anthony Van Dick, tornare a Roma e proseguire nella sua crescita artistica, conclusasi a Napoli dove si spense nel 1653, lasciando un’opera di 34 dipinti e 28 lettere.

Ada Lovelace (1815 – 1852) è stata il primo programmatore della storia. Il suo nome era Augusta Ada Byron, unica figlia del poeta inglese George Byron, non ebbe mai contatti con il padre e fu spinta dalla madre – che temeva che la ragazza potesse in qualche modo seguire le orme del padre – allo studio delle materie scientifiche. Di salute cagionevole, la giovane Ada non smise mai di studiare e, viste le notevoli capacità riconosciutele, venne affidata a eminenti matematici dell’epoca perché la istruissero sui più complessi e moderni modelli di analisi e calcolo matematico.
A oggi è considerata una pioniera dell’informatica, poiché contribuì in maniera significativa all’ideazione della macchina analitica ideata da Charles Babbage, conosciuto nel 1833. Babbage stava lavorando a una macchina di calcolo: si trattava di una struttura fatta con diversi ingranaggi numerati capaci di fare calcoli. Ada fu affascinata dal progetto che era solo un prototipo e cominciò una collaborazione intensa con il matematico: nei suoi appunti è stato rintracciato un algoritmo per generare i numeri di Bernoulli, il primo algoritmo creato per essere elaborato da una macchina di calcolo. In un suo articolo, pubblicato nel 1843, la Lovelace descriveva tale macchina come uno strumento programmabile e, con incredibile lungimiranza, prefigurava il concetto di intelligenza artificiale, spingendosi ad affermare che la macchina analitica sarebbe stata cruciale per il futuro della scienza, anche se non riteneva che la macchina potesse divenire “pensante” come gli esseri umani. Negli Stati Uniti Ada Lovelace è diventata il simbolo “di quello che le donne possono fare se ne hanno l’opportunità” e la sua figura è persino festeggiata il 15 ottobre di ogni anno.

Sheikha Al-Mayassa è la presidente del Quatar Museum e, anche se in Europa il suo nome non dice granché, in realtà è una delle donne più influenti nella vita culturale dei nostri giorni. Sheikha Al-Mayassa bint Hamad bin Khalifa al-Thani, questo è il suo nome per esteso. Nel 2013 fu definita dalla rivista di arte contemporanea ArtReview la “personalità più influente del mondo in campo artistico”. Mayassa è figlia di Hamad al-Thani, ex emiro del Quatar e uomo fra i più ricchi del mondo, e di Mozah (seconda moglie dell’emiro e vera eminenza grigia del piccolo emirato). Pochi anni fa suo fratello Sheikh Tamim ha ereditato il titolo di emiro del Qatar e ha voluto che Mayassa mantenesse il ruolo per il quale è stata educata: mettere l’allora sconosciuto Qatar al centro del mappamondo artistico internazionale, trasformando Doha in una delle capitali mondiali della scultura, dell’architettura e della pittura. Con un budget stellare la giovane donna, laureata alla Duke University, ha acquisito una collezione di opere d’arte di tutto rispetto, ha implementato il museo di arte islamica dell’archistar Pei sul lungomare e quello di arte araba contemporanea alla periferia della città. Nel contempo, Mayassa – attraverso l’organizzazione non governativa Reach Out To Asia – è impegnata in una costante campagna di alfabetizzazione, per la diffusione dell’educazione primaria e secondaria di alto livello rimanendo all’interno della propria comunità locale.

Dorothea Lange (1895 – 1965) è stata una fotoreporter. La giovanissima Dorothea studiò fotografia a New York sotto la guida di alcuni fotografi celebri e a soli 18 anni partì per una spedizione fotografica per il mondo. Rientrata negli Stati Uniti, aprì uno studio a San Francisco e sposò il pittore Maynard Dixon. Vicina ai fotografi del Gruppo F/64, aderì alla filosofia della “straight photography”, una fotografia pura che non doveva avere alcuna velleità qualitativa, tecnica o stilistica, ma doveva dedicarsi in maniera essenziale, diretta a catturare la quotidianità del mondo e delle attività umane.
Dorothea raccontò la vita degli Stati Uniti con la sua capillare opera di ricognizione tra disoccupati e senzatetto della California, fra i contadini mandati sul lastrico dalla desertificazione, immigrati, braccianti e operai. Divorziata da Dixon, Dorothea sposò George Rodger, cofondatore dell’agenzia Magnum (1947) e della rivista Aperture (1952). Il rapporto con Rodger rese Dorothea più consapevole delle proprie capacità di narratrice per immagini e nella sua produzione di quel periodo troviamo scatti che sono diventati emblema della storia della fotografia, come “Migrant motore”, ad oggi il suo scatto più celebre.

CONTINUA


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Ingrid Veneroso

Ingrid Veneroso

Ti potrebbe interessare:

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi