Home > COMUNICATI STAMPA > Antichità archeologiche e tesori nella storia del diritto

Antichità archeologiche e tesori nella storia del diritto

Da: Comunicazione Istituzionale e Digitale Unife Ufficio Stampa
Mercoledì 10 aprile alle ore 11, nel Dipartimento di Scienze Giuridiche, Corso Ercole I d’Este, 43 (Palazzo Giordani), avrà luogo la presentazione del libro di Arrigo D. Manfredini , Antichità archeologiche e tesori nella storia del diritto, Torino, 2018, Giappichelli Editore. Ne parleranno G. Cazzetta, M. Magri, G. Santucci, R. Varese.

La scoperta di un tesoro – nel significato più semplice, antico e durevole, di ‘deposito di oro’ – ha da sempre rappresentato un evento unico nel suo genere, non paragonabile, per rilevanza economica ed emozionale, al reperimento di antichità sepolte. Queste ultime hanno raggiunto il livello di attenzione del biondo metallo solo più tardi, con epicentro nella Roma dei Papi. È il momento in cui le distanze tra il Laocoonte ed i tesori di Alarico o di sir F. Drake prendono ad avvicinarsi. Ma il diritto le mantiene, fino all’avvento del Code civil e, a cascata, dei codici di mezza Europa, Italia compresa, quando nasce, quasi di soppiatto, il tesoro archeologico, autentica mina vagante per la conservazione e la fruizione collettiva dei reperti. La fine è rapida, e giudicata prematura solo nelle botteghe degli antiquari… Questo libro, dedicato ad un piccolo argomento, dilata l’orizzonte della narrazione dalla classicità al presente, sul filo del secolare conflitto tra appartenenza privata e pubblica delle antichità di scavo. Un libro che l’autore ha cercato di tenere un po’ scostato dal ‘canone’, anche per dare voce ad una componente popolare della propria formazione, il cinema e la radio, alla quale, in definitiva, si sente debitore.
ARRIGO D. MANFREDINI è stato professore di Diritto romano nell’Università di Ferrara, ora è professore emerito. Tra i suoi libri più recenti: «“Chi caccia e chi è cacciato…”. Cacciatore e preda nella storia del diritto» (Giappichelli, 2006); «Il suicidio. Studi di diritto romano» (Giappichelli, 2008); «Rimetti a noi i nostri debiti. Forme della remissione del debito dall’antichità all’esperienza europea contemporanea» (Il Mulino, 2013).

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi