23 Agosto 2022

ANTITRUST: COS’È E COSA DOVREBBE ESSERE
La democrazia tra dispotismo e multinazionali

Andrea Gandini

Tempo di lettura: 4 minuti

antitrust, potere economico. capitalismo

 

L’AntiTrust è una Autorità pubblica indipendente dal Governo che controlla che sul mercato di riferimento non si formino monopoli, cioè la presenza di pochi o addirittura di un solo operatore che può così determinare il prezzo senza controlli da parte degli altri concorrenti.
Fu inventato dagli americani dopo la prima guerra mondiale quando si resero conto che i grandi arricchimenti avvenuti dai singoli petrolieri e altri monopolisti nel periodo 1870-1914 non andavano a vantaggio della popolazione. L’Italia è arrivata dopo 70 anni con le prime Autority e anche l’Europa ha le sue.

Purtroppo non esistono Autority mondiali e quindi oggi ci troviamo spesso con giganti multinazionali che operano sui mercati mondiali in condizione di quasi monopolio. +
Amazon per esempio si può permettere di aumentare l’abbonamento ‘prime’ a 49 dollari in quanto ha un enorme potere di mercato Uno strapotere che gli è conferito dai suoi milioni di clienti, che sono quindi conniventi e complici delle sue politiche di distruzione dei piccoli negozi (di cui poi ci si lamenta della sparizione).

Anche la Cina ha le sue Autority, le quali hanno ora obbligato tutte le grandi società ad alta tecnologia digitale a comunicare gli algoritmi che usano, che è come chiedere di sapere il tuo segreto industriale.
Alibaba (e-commerce), Byte Dance, Baidu (il Google cinese), Sina Weibo (social network), Tencent (app WeChat), Kuaishou (video brevi), Meituan (consegna cibo a domicilio) insieme a molte altre hanno comunicato alla Autority cinese Cyberspace Administration of China i dettagli dei loro software, quindi le tecniche che usano per ‘servire’ i loro clienti-consumatori.
Alibaba, per esempio, propone nuovi prodotti in base alla cronologia di navigazione. ByteDance, invece, in base al tempo trascorso dai potenziali utenti su Douyin (il TikTok cinese). La documentazione è stata resa pubblica ma è probabile che la parte più sensibile sia nota solo all’Autority cinese (e soprattutto al Governo che in Cina tutto controlla), In Cina non si scherza, e le aziende hanno subito fornito i dati.

In Europa e Usa invece non ne sappiamo ancora nulla: in Occidente il potere delle multinazionali (supportate dalla finanza) ha una grande influenza sui governi.

La domanda che ci facciamo è: in questo caso, è dunque migliore il comportamento della Cina verso i suoi cittadini? Direi di si, ma è anche evidente che in una società dispotica (come la Cina) il Governo può usare questo potere per censurare e/o influenzare/manipolare i propri cittadini, in quanto le Autority cinesi non sono indipendenti dal Governo.

L’ indipendenza delle Autority è  una delle tante clausole di ‘economia di mercato’ che l’Occidente non ha mai preteso fossero osservate dalla Cina da quando è entrata nel 2001 nel Commercio Mondiale (WTO).  E come mai non sono state pretese? Perché gli interessi a fare affari delle multinazionali occidentali erano più potenti dell’ interesse dei Governi occidentali a far crescere la democrazia in Cina.

L’ideale sarebbe infatti disporre di Autority indipendenti dai Governi (come in Occidente, almeno in teoria) che possiedono però i dati (come in Cina), ma che hanno anche come controllori nel CdA non solo i rappresentanti del Governo ma anche le Associazioni dei consumatori.
Dare ai consumatori,
che sono alla fine i veri fruitori del servizio, un reale potere ti controllo sarebbe un modo per rendere efficace e vera la democrazia (al di là delle elezioni) sulle cose che contano.

Il noto economista Daron Acemoglu (vincitore nel 2005 della John Bates Clark Medal) ci dice che la democrazia si realizza quando c’é uno Stato forte che serve con efficacia i suoi cittadini e fa rispettare le leggi, e al tempo stesso, quando i cittadini hanno la capacità di tenere sotto controllo e chiamare in causa le autorità, tramite Istituzioni che non sono lasciate alla “benevolenza” dello Stato o al Governo di turno, ma che sono garantite dalla Costituzione.

Altrimenti  il dispotismo statale è sempre in agguato: sia nella versione cinese (dove il Governo si fa dare i dati e li tiene sotto chiave), sia nella versione occidentale (dove il Governo non chiede i dati e lascia spazio allo strapotere delle multinazionali). La libertà e la potestà dei cittadini (articolo 1 della Costituzione) diventano sempre più una finzione, perché vengono manipolate dal dispotismo politico orientale o dal consumismo materialista occidentale.

Questo articolo, con altro titolo, è uscito il 21 agosto su il blog di madrugada

Cover: vignetta satirica contro il potere economico delle grandi multinazionali, Stai Uniti, inizio ‘900


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Andrea Gandini

Andrea Gandini

Ti potrebbe interessare:

  • Le Elezioni, l’Elettore e il Partito che non c’è

  • Ferrara, Ciak si (ri)gira: 100 preludi

  • PRESTO DI MATTINA /
    Desiderio desideravi

  • VITE DI CARTA
    Dopo il Festivaletteratura di Mantova (seconda parte).

  • BOMBE NUCLEARI STRATEGICHE E TATTICHE
    Un tema di drammatica attualità

  • ALLE CINQUE DELLA SERA
    Lamento per Giuliano De Seta

  • Il surfista

  • LA GIUSTIZIA È PER L’ALTRO
    Enzo Bianchi al Festival della Filosofia

  • CONTRO IL PROGETTO FE.RIS.
    Idee a confronto: sabato 24 settembre ore 9,30

  • Parole a capo
    Daìta Martinez: Testi tratti da “Nutrica”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi