Home > INTERVENTI > Antonio Buonafede il conquistatore delle valli di Comacchio

Antonio Buonafede il conquistatore delle valli di Comacchio

Tempo di lettura: 4 minuti

da: Consulta Popolare San Camillo

Il 18 settembre ricorre il duecentesimo anniversario dell’assassinio di Amanzio Antonio Buonafede, un nome del quale alla Comacchio di oggi non resta che una pallida memoria, un’idea fugace e confusa legata ad un personaggio allora addirittura idolatrato, tanto da essere annoverato tra i padri della Patria per la grande impresa dell’acquisto delle Valli di Comacchio, riscattate con dura compera da Napoleone Bonaparte, l’11 luglio 1797. Fu un acquisto che condusse a concretezza il sogno pressocché millenario dei comacchiesi di ritornare ad essere proprietari delle loro Valli. L’unico ricordo è oggi affidato alla strada che porta il suo nome, l’antica Via Nuova, ove il Buonafede abitava nel suo palazzo signorile che attualmente porta il nome di Palazzo Patrignani. Per quasi tutti i nostri concittadini l’11 di luglio è soltanto una giornata estiva, ma allora, quando le Valli divennero veramente il fondamento economico-industriale di Comacchio, quel giorno si trasformava in una grande festa e di giubilo popolare, in cui tra l’altro si rinnovava solennemente la riconoscenza della Comunità a Bonaparte, il vero riparatore dei torti secolari subiti dai comacchiesi, sia da parte dei Signori Estensi che dello Stato Pontificio…Il prezzo di cessione fu convenuto in un milione di lire tornesi d’oro, coniate a Tours in Francia, oltre ad un canone annuo di £. 20,000, affrancabile in £.400.000. Aggiungiamo 15.000 scudi “per un presente di convenienza” per far pervenire un superbo collier di perle nelle mani di Giuseppina Bonaparte. Per fronteggiare l’impegno assunto fu costituita una società per azioni, una sorta di projet financing ante litteram, sostenuto dai maggiori abbienti locali. Antonio Buonafede, nipote del celebre letterato e polemista Appiano Buonafede, nato a Comacchio da una delle prime famiglie della Città, era dotato di grande ingegno, conseguendo la laurea in Idrostatica nell’Istituto delle Scienze e Diritto dell’Università di Bologna all’età di appena 21 anni ed era solito scrivere versi poetici in greco classico.. Il primo marzo 1797 fu nominato da parte dl Consiglio Generale di Comacchio “Pubblico Deputato” per trattare con Napoleone l’acquisto delle Valli in favore della Città e del popolo di Comacchio, impresa che condusse a termine non senza difficoltà con l’atto di compravendita stipulato a Milano l’11 luglio 1797. Ma l’acquisto delle Valli segnò anche l’inizio della rovina del Buonafede. L’epilogo si ebbe col tramonto delle fortune napoleoniche e il conseguente clima reazionario che accentuarono le incomprensioni, le invidie e le calunnie che armarono la mano dei congiurati che lo uccisero in un agguato dinnanzi la chiesa del Rosario nella notte di domenica 18 settembre, venendo il lunedì 19…La sua antica dimora, oggi Palazzo Patrignani, nel 1986 fu acquistata dal Comune di Comacchio al prezzo di 650 milioni di lire. Pressochè inutilizzato, subisce un colpevole disfacimento.
L’impresa straordinaria di Antonio Buonafede purtroppo non conseguì nei decenni successivi l’auspicata rinascita economica della Città di Comacchio anche per le numerose e sfortunate cause civili dovute all’incertezza dei confini territoriali delle Valli acquistate. Il contratto d’acquisto, o Rogito “Giletti”, non conteneva il documento fondamentale e incontestabile che attestasse l’iscrizione in catasto dei beni acquistati, ciò che scatenò le pretese più assurde dei vicini privati e anche dello Stato. Il Buonafede ne era consapevole e invano nel 1804 cercò di rimediarvi…E oggi, la “bonifica” di oltre 40.000 ettari di Valli, prima imposta dallo Stato centrale, poi supinamente accettata e anzi reclamata a gran voce, ha infine compiuto lo scempio maggiore di una ricchezza ambientale ed economica unica in Italia.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi