Home > COMUNICATI STAMPA > Appello nazionale avverso alla costruzione dell’autostrada a pedaggio Orte-Mestre

Appello nazionale avverso alla costruzione dell’autostrada a pedaggio Orte-Mestre

Tempo di lettura: 4 minuti

da: Comitato stop OrMe Ferrara

Regioni attraversate: VENETO, EMILIA ROMAGNA, TOSCANA, UMBRIA, LAZIO, per un tracciato di 396 km, di cui 139 km di ponti e viadotti, 64 km di gallerie. Inoltre 20 cavalcavia, 226 sottovia, 83 svincoli, 2 barriere di esazione, 15 aree di servizio. Comuni attraversati 48. Spesa preventivata 10 miliardi di euro.
Comuni attraversati in provincia di Ferrara : MESOLA, COMACCHIO, BERRA, CODIGORO, FISCAGLIA, OSTELLATO, ARGENTA.

AI SINDACI DEI COMUNI ATTRAVERSATI, AL SINDACO DI FERRARA, ALLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI FERRARA
Rivolgiamo unanime appello ad opporsi a questa opera costosa ed inutile, che in un periodo di ristrettezze economiche e di crisi ambientale conclamata diventa particolarmente dannosa, sottraendo risorse preziose al complesso di provvedimenti indispensabili per imboccare la strada di un vero progresso. Enumeriamo qui di seguito gli inconvenienti tecnico-ambientali che deriverebbero dalla sua costruzione, e a seguire il ventaglio di proposte concrete che noi avanziamo per migliorare la viabilità generale, tutelare il paesaggio e le zone protette, sanare il dissesto idrogeologico.
Il tutto con risorse meno ingenti di quelle destinate alla “grande opera”, i cui meccanismi di finanziamento sono studiati per ripercuotersi sull’erario pubblico mediante l’inganno del project financing, togliendo ossigeno alle istituzioni locali.

INCONVENIENTI TECNICO-AMBIENTALI-ECONOMICI
1)- Emissioni di CO2 e inquinanti dovuti alla cantierizzazione e all’aumento prevedibile dei trasporti su gomma, in controtendenza alle direttive dell’Europa, già ampiamente contravvenute dall’Italia.
2)- Esternalità negative dovute alle emissioni in una zona come la Val Padana, la più inquinata d’Europa per ragioni geografiche e antropiche, meritevole invece di una bonifica.
3)- Ulteriore, ingente consumo di suolo, per la sede stradale, gli svincoli di ingresso ed uscita, l’edilizia indotta. Ripercussioni negative su ambiente, paesaggio, agricoltura, popolazione faunistica.
4)- I flussi di traffico sulla ss. Romea e sulla E-45 non giustificano un’autostrada, che appare quindi come un fatto speculativo. Anche i pedaggi dirotterebbero parte del traffico altrove.
5)- Il costo preventivato dell’opera, 10 miliardi, destinati come d’uso ad aumentare con gli ingenti tempi di cantierizzazione.
6)- La fragilità geologica dei tratti appenninici, come la perenne cantierizzazione e chiusura a Verghereto, dove i suoli già non sopportano il peso delle strutture E-45, che verrebbe raddoppiato con la trasformazione.
7)- Compromissione di aree ad altissimo valore ambientale come il Mezzano ( ZPS ) .

PROPOSTE ALTERNATIVE ALLA COSTRUZIONE
1)- Opere manutentive e di sicurezza su s.s.9 Romea ed E-45, danneggiate e pericolose: manto stradale, corsie di emergenza, piazzole di sosta, segnaletica, rotonde negli incroci a raso.
2)- Deviazione del traffico pesante sulla A-13, dove già esiste la linea degli Interporti. Potenziamento della Ferrara-Mare senza trasformazione in autostrada a pedaggio. Completamento delle varianti alla s.s.16 già previste nel piano trasporti dell’Emilia Romagna. Completamento della tratta ferroviaria Ravenna-Venezia, costruita in parte e attualmente non utilizzata.
3)- Incentivazione dell’uso della Romea, così alleggerita, per il traffico locale e turistico.
4)- Ripristino della stabilità strutturale nel tratto appenninico della E-45 con interventi decisivi, senza appesantire la struttura dell’arteria.
5)- Potenziamento del sistema di porti Civitavecchia-Ravenna-Venezia, secondo le direttive del piano europeo TEN-T per lo sviluppo del traffico marittimo, incentivato con contributi.
6)- Potenziamento del trasporto ferroviario ordinario, in controtendenza all’incentivazione del trasporto su gomma. Ad esempio nei tratti Venezia-Chioggia-Ravenna e Civitavecchia-Orte.
7)- Una politica di sviluppo di un trsporto urbano ed extra urbano su gomma, realizzato con veicoli a bassissime emissioni.

SI CONFIDA NELL’ATTENZIONE DELLE SS. VV. ALLE NOSTRE ARGOMENTAZIONI. UN VS. ORIENTAMENTO NEL SENSO DA NOI AUSPICATO RAPPRESENTEREBBE UN’OTTIMA OCCASIONE PER AVVICINARE LE AMMINUSTRAZIONI ALLA PARTE PIU’ SENSIBILE DELLA POPOLAZIONE E ALLE SUE ISTANZE.

Comitato StopOrme Ferrara

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi