6 Agosto 2019

Arena le pagine: dal 5 al 25 agosto!

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 32 minuti

Da: Arci

Lunedì 5 Agosto ore 21.30

7 uomini a mollo, regia di Gilles Lellouche
(Francia, 2018 – 122′)

Lunedì 5 agosto, alle ore 21.30, l’Arena Estiva Le Pagine presso il Parco Pareschi ospita la proiezione di 7 Uomini a mollo, primo film diretto in solitaria da Gilles Lellouche che racconta la storia di insoddisfazione di un gruppo di uomini alle prese con una comune crisi di mezza età.

Il protagonista è Bertrand, un quarantenne depresso, che riesce a dare finalmente un senso alla sua vita quando entra far parte di una squadra di nuoto sincronizzato maschile. Per ognuno dei componenti, gli allenamenti rappresentano una valvola di sfogo e un rifugio sicuro. Col passare del tempo, insieme si sentiranno sempre più forti fino a volere intraprendere un traguardo pazzesco: la partecipazione ai campionati mondiali di nuoto sincronizzato maschile in Norvegia.
Ad allenare la squadra c’è Delphine, ex campionessa di nuoto sincronizzato a coppia, che come gli altri cerca di passare il tempo e chiudere col passato: una carriera interrotta bruscamente dall’incidente della sua partner. I suoi allievi non stanno molto meglio: Bertrand è rassegnato, Laurent è adirato, Marcus indebitato, Simon complessato, Thierry stonato. Ma insieme si sentono finalmente liberi e utili.

Prima delle riprese, gli attori si sono allenati con Julie Fabre, allenatrice della squadra femminile olimpica francese di nuoto sincronizzato.
Uscito in Francia lo scorso 24 ottobre, 7 uomini a mollo (in originale Le grand bain) ha portato al cinema già oltre 4 milioni di spettatori ed è stato scritto, oltre che dallo stesso Lellouche, da Ahmed Hamidi e Julien Lambroschini.

L’Arena cinematografica estiva Le Pagine è resa possibile dalla collaborazione tra l’Associazione Ferrara Sotto Le Stelle e Arci Ferrara, la manifestazione ha il Patrocinio del Comune di Ferrara e dell’Università di Ferrara.

INGRESSO Intero 6 € / Ridotto 4,50 € (Soci Arci, Soci Coop, studenti universitari, over 60, under 12).

Martedì 6 agosto ore 21.30

Green Book , regia di Peter Farrelly
(USA, 2018 – 130′)

Martedì 6 agosto, alle ore 21.30, torna in programmazione all’Arena Estiva Le Pagine nel Parco Pareschi GREEN BOOK di Peter Farrelly. Il film narra della vera storia dell’amicizia, durata tutta la vita, nata nel 1962 fra un virtuoso afroamericano del pianoforte, Don Shirley (Ali) e il buttafuori italo americano Tony Vallelonga (Mortensen), ingaggiato dal musicista per fargli da autista e ‘risolviguai’ durante un tour negli Stati Usa del sud, dove il razzismo era ancora profondamente radicato.

New York City, 1962. Tony Vallelonga, detto Tony Lip, fa il buttafuori al Copacabana, ma il locale deve chiudere per due mesi a causa dei lavori di ristrutturazione. Tony ha moglie e due figli, e deve trovare il modo di sbarcare il lunario per quei due mesi. L’occasione buona si presenta nella forma del dottor Donald Shirley, un musicista che sta per partire per un tour di concerti con il suo trio attraverso gli Stati del Sud, dall’Iowa al Mississipi. Peccato che Shirley sia afroamericano, in un’epoca in cui la pelle nera non era benvenuta, soprattutto nel Sud degli Stati Uniti. E che Tony, italoamericano cresciuto con l’idea che i neri siano animali, abbia sviluppato verso di loro una buona dose di razzismo.

Il titolo del film si riferisce alla guida “The Negro Motorist Green Book”, pubblicata negli anni ’50, scritta da Hugo Green per segnalare ai viaggiatori afroamericani motel e ristoranti che li avrebbero accettati, nell’America segregazionista.
In merito alla storia del film Viggo Mortensen ha detto: “Green Book non ti dice cosa devi pensare, ascoltare o vedere. Secondo me è piuttosto un invito a fare un viaggio, a ridere, a piangere e se vuoi forse a riflettere sui limiti delle prime impressioni. Non è una lezione forzata, è una bella storia condivisa del passato che può aiutarci a capire il presente”.

mercoledì 7 agosto ore 21.30

Sulla mia pelle, regia di Alessio Cremonini
(Italia, 2018 – 100′)

Prosegue la programmazione cinematografica dell’Arena Le Pagine nella cornice di Parco Pareschi, con tante proposte per chi resta in città nel periodo estivo. Mercoledì 7 agosto alle ore 21.30 l’appuntamento è con Sulla mia pelle di Alessio Cremonini, il film che racconta gli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi e la settimana che ha cambiato per sempre la vita della sua famiglia.

Il regista porta sullo schermo una delle vicende giudiziarie più discusse e controverse dell’Italia contemporanea, quella che si cela dietro la morte del trentenne romano Stefano Cucchi (interpretato dal credibile Alessandro Borghi, che per il ruolo ha perso 18 kg), morto il 22 ottobre 2009 nel reparto protetto dell’ospedale Sandro Pertini, sette giorni dopo essere stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti. Ha avuto così inizio la lunga battaglia della famiglia e soprattutto della sorella Ilaria (Jasmine Trinca nel film) per ottenere verità e giustizia su quanto accaduto al giovane geometra prima del tragico epilogo.
La narrazione minimale e cruda segue in maniera obiettiva quanto emerso dagli atti processuali cercando di offrire una ricostruzione la più veritiera possibile di quanto accaduto a Stefano dopo il pestaggio avvenuto in caserma la notte dell’arresto, senza omettere le fragilità e gli sbagli del giovane.

“Non è certo un lavoro che vuole giudicare, ma casomai solo raccontare. E questo attraverso lo studio accurato dei verbali e delle testimonianze”. Per il regista, che ha anche scritto la sceneggiatura con Lisa Nur Sultan,”i film non sono un’aula di giustizia – ha sottolineato – quello che è successo ce lo devono dire i magistrati”.

Giovedì 8 agosto 21.30

Il gioco delle coppie  regia di Olivier Assayas
(Francia, 2018 – 100′)

Giovedì 8 agosto alle ore 21.30 sullo schermo dell’Arena Estiva Le Pagine al Parco Pareschi arriva Il gioco delle coppie, commedia francese firmata da Olivier Assayas che racconta con sguardo leggero e ironico il mondo che cambia e il modo in cui reagiamo a questi cambiamenti.

Alain, un editore parigino di successo che lotta con i pro e i contro della sua vita professionale e privata, e Leonard, uno dei suoi autori storici, sono riluttanti a comprendere appieno e ad abbracciare il mondo dell’editoria contemporanea, fatta di e-book e shop online.
Quando si incontrano per discutere del nuovo manoscritto di Leonard – l’ennesimo romanzo autobiografico incentrato sulla sua storia d’amore con una celebrità minore – Alain non può che confessare all’amico ciò che pensa del libro: che è un’opera troppo datata e banale e non può pubblicarla. Ma la moglie di Alain, Selena, star delle serie tv, è invece convinta che si tratti di un vero e proprio capolavoro, sicuramente il miglior libro che Leonard abbia mai scritto.

L’obbiettivo di Assayas è quello di mettere in scena personaggi che discutono senza sosta di molte delle le questioni centrali affrontate dal suo pubblico di riferimento: la rivoluzione digitale e il suo impatto sul mondo della cultura, dell’economia della politica, l’affermarsi dei populismi. A riguardo il regista dichiara:

“Il nostro mondo è in continuo cambiamento, è sempre stato così. La questione è la nostra capacità di tenere d’occhio tale flusso, di capire che cosa è veramente in gioco e poi di adattarci o meno. Dopo tutto, questo è il senso della politica e dell’opinione pubblica. La digitalizzazione del nostro mondo e la sua riduzione ad algoritmi è il vettore moderno di un cambiamento che ci confonde e ci travolge inesorabilmente. L’economia digitale viola le regole e spesso le leggi. Inoltre, mette in discussione ciò che sembrava più stabile e solido nella società e nella realtà che ci circondava, per poi dissolversi in un semplice contatto. Il gioco delle coppie non consiste nell’analizzare il funzionamento della new economy. Il suo intento più modesto è quello di osservare, a volte in modo divertente, le domande che assillano ciascuno di noi.”

Venerdì 9 agosto ore 21.30

Bohemian Rhapsody regia di Bryan Singer
(Usa, 2018 – 134′)

Venerdì 9 agosto, alle ore 21.30, verrà proiettato all’Arena Estiva Le Pagine presso il Parco Pareschi Bohemian Rhapsody, uno dei maggiori successi della stagione cinematografica 2018/2019, valso alla produzione circa 890 milioni di dollari di incassi al botteghino nei primi cinque mesi e vincitore di 4 premi Oscar, nonché acclamato a livello globale.
La pellicola ripercorre i primi quindici anni del gruppo rock dei Queen e del suo celebre frontman Freddie Mercury, dalla nascita della band nel 1970 fino al concerto Live Aid del 1985.

Da qualche parte nelle periferie di Londra, la star di fama planetaria Freddie Mercury è ancora Farrokh Bulsara e vive con i genitori in attesa che il suo destino diventi eccezionale. Perché Farrokh lo sa che è fatto per la gloria. Contrastato dal padre, che lo vorrebbe allineato alla tradizione e alle origini parsi, vive soprattutto per la musica che scrive nelle pause lavorative. Dopo aver convinto Brian May (chitarrista) e Roger Taylor (batterista) a ingaggiarlo con la sua verve e la sua capacità vocale, l’avventura comincia. Insieme a John Deacon (bassista) diventano i Queen e infilano la gloria malgrado (e per) le intemperanze e le erranze del loro leader.

Il fortunato biopic porta sullo schermo luci e ombre dell’ascesa al successo di quel mix di carisma e virtuosità che era Freddie Mercury. Pianista, chitarrista, compositore, tenore lirico, designer, atleta, artista capace di tutti i record (di vendita), praticamente uomo-orchestra in grado di creare e di crearsi. Impersonato dall’apprezzato Rami Malek, ildemiurgo che in scena non temeva rivali viene mostrato nel suo lato più umile e fragile, a fare i conti con le discriminazioni del suo tempo circa l’etnia e l’identità sessuale.

Sabato 10 agosto ore 21.30

Il traditore, regia di Marco Bellocchio
(Italia, 2019 – 148′)

Sabato 10 agosto alle ore 21.30 torna in programmazione all’Arena Estiva Le Pagine nel Parco Pareschi Il Traditore di Marco Bellocchio, film che racconta la storia di Tommaso Buscetta, primo grande pentito di mafia che per primo consegnò le chiavi per avvicinarsi alla “piovra”, cambiando così le sorti dei rapporti tra Stato e criminalità organizzata.

La Sicilia dei primi anni 80 è teatro di un’aspra guerra tra le cosche mafiose, Totò Riina e i Corleonesi sono intenti a liberarsi delle vecchie famiglie. In palio c’è il controllo sul traffico di droga. Alla festa di riconciliazione delle ‘famiglie’ Tommaso Buscetta, a capo della Cosa Nostra vecchio stile, avverte il pericolo e decide di emigrare in Brasile per seguire i suoi traffici e allontanarsi dai Corleonesi che si accaniscono su due dei suoi figli e il fratello rimasti in Sicilia. Lui stesso viene braccato in Brasile, ma prima della mafia è la polizia brasiliana ad arrestarlo. Ora ci sarà l’estradizione e la morte sicura in Italia per mano di Riina. Il giudice Giovanni Falcone gli offre un’alternativa: collaborare con la giustizia. Per il codice d’onore della mafia equivale a tradire. Grazie alle sue rivelazioni viene istruito il Maxi-Processo con 475 imputati. Le sentenze decimano la mafia, ma Totò Riina è ancora latitante. La risposta è l’attentato a Falcone e alla sua scorta. Buscetta diventa “la prima gola profonda della mafia” e rivela un sistema di relazioni tra criminalità organizzata e istituzioni, facendo molti nomi di personaggi eccellenti della politica, diventa così per una parte il traditore e per l’altra il testimone chiave in numerosi processi.

Il traditore è un film doppio fin dal titolo, perché il tradimento è tale dal punto di vista di Cosa Nostra, ma non lo è dal punto di vista del riscatto umano del “primo pentito”. La doppia lettura è intrinseca alla vicenda di Buscetta, per alcuni un eroe, per altri un infame, un opportunista di comodo ma anche una cartina di tornasole dell’ipocrisia del sistema di giustizia.

Domenica 11 agosto ore 21.30 – v.o. sott. ita
Rocketman, regia di Dexter Fletcher

Prosegue la programmazione cinematografica dell’Arena Le Pagine nella cornice di Parco Pareschi, con tante proposte per chi resta in città nel periodo estivo. Nella serata di domenica 11 agosto, l’appuntamento alle 21.30 è con ROCKETMAN di Dexter Fletcher in versione originale sottotitolata in italiano.

Dopo il successo di Bohemian Rahpsody – ereditato e concluso da Fletcher – il regista dirige un altro film biografico, questa volta sulla storia non censurata degli anni d’oro nella carriera di Sir Elton John, a partire dalla Royal Academy of Music fino agli anni ’80.
Il film racconta la storia e il percorso di trasformazione del protagonista da timido pianista a superstar internazionale e icona pop.
La bellissima colonna sonora composta dalle canzoni più famose della carriera di Elton John accompagna tutto il percorso – la stessa Rocketman da cui prende il nome il film, ne è parte integrante.
Il ruolo dell’icona pop è affidato a Taron Egerton, che canta in prima persona tutte le canzoni del musicista presenti nel film.
Spettacolarità cinematografica e cura del dettaglio sono le parole chiave di questo biopic.

Lunedì 12 agosto ore 21.30

Juliet, Naked – tutta un’altra musica regia di Jesse Peretz (USA, 2018 – 105′)

Lunedì 12 Agosto alle ore 21.30 verrà proiettato presso l’Arena Estiva Le Pagine in Parco Pareschi il film Juliet, Naked – Tutta un’altra musica, commedia romantica interpretata da Ethan Hawke e Rose Byrne.

Duncan e Annie vivono una relazione abitudinaria da 15 anni: lui è ossessionato da un musicista ritiratosi misteriosamente dalle scene, Tucker Crowe, mentre lei vorrebbe un figlio ma non osa insistere. Quando emerge un album inedito di Crowe e il musicista entra di fatto nelle loro vite, le crepe tra i due diventano insanabili.

Tutta un’altra musica è il titolo del romanzo dello scrittore Nick Hornby, di cui la pellicola si rivela un adattamento piuttosto fedele. La commedia di Jesse Peretz si concentra soprattutto sui personaggi. Nel ruolo di Annie, Rose Byrne si carica sulle spalle il peso della storia. Annie è una quarantenne stanca della routine, priva di stimoli, infastidita da un lavoro poco soddisfacente e da un fidanzato disattento, egoista e ossessivo. Ma soprattutto, la donna sente girare le lancette dell’orologio biologico e sogna di avere un figlio mentre l’immaturo Duncan è assolutamente contrario. La Annie di Rose Byrne sa essere brillante, impacciata, comprensiva alla bisogna, ma anche ironica. L’attrice australiana adotta un look poco appariscente e sfodera un credibilissimo accento inglese, riuscendo a risultare sempre piacevole e convincente.

martedì 13 agosto ore 21.30
L’amour flou – Come separarsi e restare amici,
regia di Romane Bohringer e Philippe Rebbot
(Francia, 2018 – 97′)

Martedì 13 agosto alle 21.30 presso L’Arena Estiva Le pagine, verrà proiettato IN ANTEPRIMA il film L’amour flou – come separarsi e restare amici, commedia francese della coppia Bohringer-Rebbot che porta sullo schermo la vera separazione dei due registi in un mix di finzione e vita reale.

Romane e Philippe dopo dieci anni di vita in comune, due figli e un cane, decidono in armonia di separarsi. Non si amano più, o meglio, si amano ancora molto ma non sono più innamorati. Per preservare l’affetto e la voglia di crescere i figli insieme, traslocano in quello che definiscono un “sépartement”, ovvero due appartamenti autonomi collegati dalla camera dei bambini. Tra le incomprensioni e lo scetticismo di amici e parenti, la coppia persegue questo suo utopico obbiettivo romantico.

Uno sguardo fresco, inedito su un avvenimento naturale e diffuso come la separazione, solitamente oggetto di una narrazione che lo inserisce in un contesto di litigi, scontri e distanze. Possibile separarsi restando insieme? La risposta è un audace progetto sentimentale e immobiliare che non vuole demolire quello che è stato costruito.

Il corriere – the mule regia di Clint Eastwood
(USA, 2018 – 116′)

Mercoledì 14 agosto alle ore 21.30, torna in programmazione all’Arena Estiva Le Pagine Il corriere – The mule di Clint Eastwood. Il film è basato sulla storia vera di Leo Sharp, un veterano della guerra di Corea che divenne un corriere per il cartello di Sinaloa, raccontata dal giornalista Sam Dolnick nell’articolo del The New York Times The Sinaloa Cartel’s 90-Year-Old Drug Mule. il protagonista è interpretato dallo stesso Eastwood.

Earl Stone, floricoltore appassionato dell’Illinois, è specializzato nella cultura di un fiore effimero che vive solo un giorno. A quel fiore ha sacrificato la vita e la famiglia, che di lui adesso non vuole più saperne. Nel Midwest, piegato dalla deindustrializzazione, il commercio crolla e Earl è costretto a vendere la casa. Il solo bene che gli resta è il pick-up con cui ha raggiunto 41 stati su 50 senza mai prendere una contravvenzione. La sua attitudine alla guida attira l’attenzione di uno sconosciuto, che gli propone un lavoro redditizio. Un cartello poco convenzionale di narcotrafficanti messicani, comandati da un boss edonista e gourmand, vorrebbe trasportare dal Texas a Chicago grossi carichi di droga. Earl accetta senza fare domande, caricando in un garage e consegnando in un motel. La veneranda età lo rende insospettabile e irrilevabile per la DEA. Veterano di guerra convertito in ‘mulo’, Earl dimentica i principi di fiero difensore del Paese per qualche dollaro in più. Ma la strada è lunga.

“Il corriere – The Mule” rappresenta il ritorno come attore di Clint Eastwood per la prima volta dopo “Di nuovo in gioco” del 2012, e la sua ultima esperienza nella doppia veste di regista e attore dopo “Gran Torino” nel 2008. Il film è uscito negli Stati Uniti d’America il 14 dicembre 2018 distribuito dalla Warner Bros.

Old Man & the Gun, regia di David Lowery
(USA, 2018 – 93′)

Giovedì 15 agosto alle ore 21.30, l’Arena Le Pagine ospiterà la proiezione di Old Man & the Gun di David Lowery. Il film è ispirato alla storia vera di Forrest Tucker, un criminale in carriera e artista delle evasioni. La sceneggiatura è basata sull’omonimo articolo scritto da David Grann, pubblicato nel 2003 sul New Yorker e successivamente incluso nella raccolta di Grann The Devil and Sherlock Holmes.

Old Man & The Gun è ispirato alla storia vera di Forrest Tucker (Robert Redford), un uomo che ha trascorso la sua vita tra rapine in banca ed evasioni dal carcere. Da una temeraria fuga dalla prigione di San Quentin quando aveva già 70 anni, fino a una scatenata serie di rapine senza precedenti, Forrest Tucker disorientò le autorità e conquistò l’opinione pubblica americana. Coinvolti in maniera diversa nella sua fuga, ci sono l’acuto e inflessibile investigatore John Hunt (Casey Affleck), che gli dà implacabilmente la caccia ma è allo stesso tempo affascinato dalla passione non violenta profusa da Tucker nel suo mestiere, e una donna, Jewel (Sissy Spacek), che lo ama nonostante la sua professione.

Per il suo addio alle scene Robert Redford ha scelto di farsi dirigere da David Lowery, conosciuto al Sundance Film Festival, e vestire i panni del rapinatore Forrest Tucker, i cui colpi in banca, in una carriera durata un’intera vita, lasciarono di stucco le forze dell’ordine ed affascinarono molti cittadini americani.

Venerdì 16 agosto ore 21.30

Momenti di trascurabile felicità regia di Daniele Lucchetti

Nella serata di venerdì 16 agosto, l’appuntamento all’Arena estiva Le Pagine è con MOMENTI DI TRASCURABILE FELICITÀ di Daniele Lucchetti.
Il film è tratto dall’omonimo libro di Francesco Piccolo e richiama il cinema di Nanni Moretti, di cui Lucchetti è stato allievo e Piccolo spesso sceneggiatore.

Palermo. Paolo è un ingegnere, vive una vita tranquilla con la moglie e due figli. Non sono il calcio e la tifoseria per la squadra del cuore, né le relazioni extraconiugali che ogni tanto si concede a scuotere la sua vita ordinaria. Sì, perché quello che rende davvero felice Paolo è l’attraversare in motorino gli incroci quando i semafori sono rossi. Ed è proprio da un semaforo mancato che si sviluppa la vicenda. Paolo si trova catapultato in un purgatorio terrestre che precede di 1 ora e 32 minuti il momento dell’incidente. Sarà in grado di risolvere e restituire dignità e verità alla sua vita?
L’interpretazione di Paolo, affidata a Pierfrancesco Diliberto (in arte Pif), è stralunata e incongrua, soggetta a fissazioni e paranoie. Paolo è un personaggio infantile, ma la sua interpretazione trasmette tenerezza e bonarietà anche grazie all’indolenza “siciliana” dell’attore, caratteristiche che portano lo spettatore ad accettare e ad immedesimarsi in questo eroe umanizzato.

Dolori y Gloria – regia, di Pedro Almodovar

Sabato 17 agosto alle ore 21.30, verrà proiettato presso l’Arena Estiva Le Pagine al Parco Pareschi il film Dolor y Gloria del regista Pedro Almodovar.

Salvador Mallo si trova in una crisi sia fisica che creativa. Tornano quindi nella sua memoria i giorni dell’infanzia povera in un paesino nella zona di Valencia, un film da cui aveva finito per dissociarsi una volta terminato e tanti altri momenti fondamentali della sua vita.

Almodóvar (come si definisce ormai in forma icastica da tempo nei titoli di testa dei suoi film) torna ad essere Pedro (anche se sotto le mentite spoglie di Salvador Mallo) e ci parla di sé, del proprio malessere, della difficoltà di portare avanti il pavesiano mestiere di vivere sotto il cielo di Madrid. Lo fa tenendo sotto controllo quel tanto di automanierismo che progressivamente si era insinuato nel suo cinema e, soprattutto, lasciandosi andare sul piano emotivo. Ciò che non era accaduto in La mala educaciòn, film anch’esso legato al suo vissuto giovanile, avviene qui. Grazie anche alla scelta del giusto alter ego.

Come Federico Fellini aveva trovato in Marcello Mastroianni chi poteva tradurre al meglio il se stesso cinematografico, così Pedro Almodóvar ha nell’amico e attore Antonio Banderas una persona a cui può trasferire il proprio sentire più intimo con la certezza di non essere mai tradito, neppure in un incontrollato battere di ciglia.
Sicuramente quest’ultimo lavoro rappresenta una matura e complessa riflessione sul cinema e sulla sua possibilità di esprimere ciò che può sembrare quasi indicibile.

Domenica 18 agosto ore 21.30

IL VERDETTO – THE CHILDREN ACT, regia di Richard Eyre

Nella serata di domenica 18 agosto sullo schermo dell’Arena Le Pagine torna IL VERDETTO – THE CHILDREN ACT di Richard Eyre.
Il film – basato sul romanzo La ballata di Adam Henry, scritto da Ian McEwan – racconta l’ambivalenza dell’animo umano nel ritratto di una donna travolta da quello che è chiamata a giudicare.
Fiona Maye (Emma Thompson), è un Giudice dell’Alta Corte britannica che si trova a dover decidere del destino del giovane Adam Henry – un diciassettenne affetto da leucemia che in accordo alla sua confessione religiosa e sostenuto dalla famiglia, ha deciso di non sottoporsi alle trasfusioni essenziali per la salvaguardia della sua vita.
Fiona – abituata nella vita lavorativa e privata a confrontarsi con situazioni opposte conflittuali e a compiere sempre la scelta giusta – trova il suo animo diviso tra cuore e ragione.
La difficoltà di decidere tra i precetti religiosi della fede del giovane Adam e l’obbligo di accettare il trattamento medico, si intreccia con la sua sfera matrimoniale andando a sconvolgere un delicato quanto fragile equilibrio.
Se la vicenda è incentrata sul conflitto tra moralità e giustizia, il vero palcoscenico è quello privato di Adam e Fiona che prendono dolorosamente coscienza di sé stessi e ribaltano la prospettiva sulla propria esistenza dando un nuovo senso alla parola “responsabilità”.

ROMA, regia di Alfonso Cuarón
(Messico, USA, 2018 – 135′)

Lunedì 19 agosto, alle ore 21.30, verrà proiettato presso l’Arena Estiva Le Pagine al Parco Pareschi ROMA di Alfonso Cuarón, 3 Premi Oscar, Leone d’oro al Festival del Cinema di Venezia.
Ambientato negli anni ’70 a Città del Messico, Roma racconta un anno turbolento della vita di una famiglia borghese. Cuarón, ispirato dalle figure femminili della sua infanzia, tesse un’ode al matriarcato che ha caratterizzato la sua esistenza.
Un vivo ritratto del conflitto domestico e della gerarchia sociale in un momento di disordini politici, raccontato attraverso le vicende della domestica Cleo (Yalitza Aparicio) e della sua collaboratrice Adela (Nancy García García), entrambe di discendenza mixteca, che lavorano per una piccola famiglia borghese nel quartiere Roma a Città del Messico. Sofia (Marina de Tavira), madre di quattro figli, deve fare i conti con l’assenza del marito, mentre Cleo affronta una notizia devastante che rischia di distrarla dal prendersi cura dei bambini di Sofia, che lei ama come se fossero i propri. L’affresco che ne viene fuori non è quello di una famiglia qualsiasi, ma di una molto simile a quella in cui lo stesso regista è cresciuto. Cuarón risiedeva, infatti, nel quartiere borghese Roma, e ha fatto tutto il possibile per ricreare gli stessi ambienti della sua infanzia: a partire dalla casa e dalle strade che frequentava da bambino fino all’arredamento dell’epoca. Tutto accuratamente selezionato e ricostruito con un unico scopo: rendere giustizia al suo passato e alle donne che l’hanno reso l’uomo che è oggi.
Girato in un moderno bianco e nero, Roma è un ritratto di vita vera, intimo e toccante, raccontato attraverso le vicende di una famiglia che cerca di preservare il proprio equilibrio in un momento di lotta personale, sociale e politica.
Afferma il regista: “Ci sono periodi nella storia che lasciano cicatrici nelle società, e momenti nella vita che ci trasformano come individui. Tempo e spazio ci limitano, ma allo stesso tempo definiscono chi siamo, creando inspiegabili legami con altre persone, che passano con noi per gli stessi luoghi nello stesso momento. ROMA è il tentativo di catturare il ricordo di avvenimenti che ho vissuto quasi cinquant’anni fa. È un’esplorazione della gerarchia sociale del Messico, paese in cui classe ed etnia sono stati finora intrecciati in modo perverso. Soprattutto, è un ritratto intimo delle donne che mi hanno cresciuto, in riconoscimento al fatto che l’amore è un mistero che trascende spazio, memoria e tempo.”

A STAR IS BORN, regia di Bradley Cooper
(Usa, 2018 – 135′)

Martedì 20 agosto alle ore 21.30, l’appuntamento all’Arena Estiva Le Pagine nel Parco Pareschi è con A star is born, film che sancisce il debutto come regista di Bradley Cooper. Il film è il remake dell’omonimo musical del 1937. La pellicola ha ricevuto 8 candidature ai Premi Oscar del 2019 e grazie al brano Shallow ha vinto il premio per miglior canzone. Avendo incassato circa 434 milioni di dollari, ha raggiunto il record storico tra i film con protagonista una cantante.

Ally fa la cameriera di giorno e si esibisce come cantante il venerdì sera, durante l’appuntamento en travesti del pub locale. È lì che incontra per la prima volta Jackson Maine, star del rock, di passaggio per un rifornimento di gin. E siccome nella vita di Jack un super alcolico tira l’altro, dalla più giovane età, i due proseguono insieme la serata e Ally si ritrova a prendere a pugni un uomo grande il doppio di lei, reo di essersi comportato da fan molesto. Il resto della storia la conosciamo: la favola di lei comincia quando lui la invita sul palco, rivelando il suo talento al mondo, poi sarà con le sue mani che scalerà le classifiche, mentre la carriera e la tenuta fisica e psicologica di lui rotolano nella direzione opposta, seguendo una china oramai inarrestabile.

Tutti i brani presenti nel film sono stati scritti da Lady Gaga e Bradley Cooper con la collaborazione di altri artisti. Il film vede anche il debutto della cantante come attrice protagonista in un lungometraggio.

GREEN BOOK, regia di Peter Farrelly
Mercoledì 21 agosto alle ore 21.30, l’Arena Estiva Le Pagine ospita la proiezione del pluripremiato Green Book in versione originale sottotitola in italiano. Il film narra della vera storia dell’amicizia, durata tutta la vita, nata nel 1962 fra un virtuoso afroamericano del pianoforte, Don Shirley (Ali) e il buttafuori italo americano Tony Vallelonga (Mortensen), ingaggiato dal musicista per fargli da autista e ‘risolviguai’ durante un tour negli Stati Usa del sud, dove il razzismo era ancora profondamente radicato.

New York City, 1962. Tony Vallelonga, detto Tony Lip, fa il buttafuori al Copacabana, ma il locale deve chiudere per due mesi a causa dei lavori di ristrutturazione. Tony ha moglie e due figli, e deve trovare il modo di sbarcare il lunario per quei due mesi. L’occasione buona si presenta nella forma del dottor Donald Shirley, un musicista che sta per partire per un tour di concerti con il suo trio attraverso gli Stati del Sud, dall’Iowa al Mississipi. Peccato che Shirley sia afroamericano, in un’epoca in cui la pelle nera non era benvenuta, soprattutto nel Sud degli Stati Uniti. E che Tony, italoamericano cresciuto con l’idea che i neri siano animali, abbia sviluppato verso di loro una buona dose di razzismo.

Il titolo del film si riferisce alla guida “The Negro Motorist Green Book”, pubblicata negli anni ’50, scritta da Hugo Green per segnalare ai viaggiatori afroamericani motel e ristoranti che li avrebbero accettati, nell’America segregazionista.
In merito alla storia del film Viggo Mortensen ha detto: “Green Book non ti dice cosa devi pensare, ascoltare o vedere. Secondo me è piuttosto un invito a fare un viaggio, a ridere, a piangere e se vuoi forse a riflettere sui limiti delle prime impressioni. Non è una lezione forzata, è una bella storia condivisa del passato che può aiutarci a capire il presente”.

Wild Rose, regia di Tom Harper

L’Arena estiva Le Pagine, immancabile appuntamento estivo con il cinema, continua il suo ricco programma. Nella serata di giovedì 22 agosto verrà proiettato uno dei titoli in anteprima della seconda parte della rassegna: WILD ROSE di Tom Harper.

Rose Lynn è una mamma single di Glasgow appena uscita di prigione, e questa è la storia delle vicissitudini per riuscire a realizzare il suo sogno. Riuscirà a diventare una superstar del mondo della musica country e ad approdare nelle scintillanti luci di Nashville?
Senza abbandonare i doveri di mamma nei confronti dei figli, Rose intraprenderà un viaggio che le farà scoprire la sua vera voce.

Il film – in anteprima al cinema nel parco – gode di un’importante colonna sonora con brani originali scritti appositamente per l’occasione e con la partecipazione di artisti country affermati e star della musica folk. Tra questi nomi spiccano Emmylou Harris, Wynonna Judd, Chris Stapleton, Hank Snow, John Prine e Patty Griffin e la rock band indipendente Primal Scream.

Le canzoni sono eseguite dall’attrice e cantante irlandese Jessie Buckley (che interpreta Rose Lynn), la cui carriera in ascesa è iniziata nel 2008 sul podio di I’d Do Anything, talent show firmato BBC TV.

LA FATTORIA DEI NOSTRI SOGNI, regia di John Chester
(Documentario – USA, 2018 – 91′)

Venerdì 23 agosto alle 21.30 verrà proiettato – in anteprima – presso l’Arena Estiva Le Pagine al Parco Pareschi, il documentario autobiografico La fattoria dei nostri sogni di John Chester. Girato nell’arco di otto anni, il film è diventato un caso eclatante al box office americano, registrando incassi da record nelle prime settimane di programmazione.

John è un cameraman che gira per il mondo per riprendere grandi scenari naturali. Sua moglie Molly è una cuoca e blogger specializzata in cucina salutare a base di materie prime coltivate e allevate nella maniera migliore possibile. Il loro sogno è costruire una fattoria da fiaba, dove far crescere animali e piante in perfetto equilibrio con la natura: acquistano 200 acri di terreno abbandonato a un centinaio di chilometri da Los Angeles e decidono di diventare coltivatori e allevatori, puntando alla massima varietà e diversificazione delle specie animali e vegetali in un habitat – la California rurale – rassegnato alle monoculture intensive. Grazie al mentore Alan York, un consulente-guru che impartisce loro lezioni di ecocompatibilità, iniziano questi otto anni alla ricerca di un equilibrio tra soddisfazioni e difficoltà, in armonia e in lotta costante con la natura: siccità, parassiti, animali predatori. John e Molly combattono a botte di consigli zen del loro maestro e di ricerche su Internet, anche se le sfide a volte si rivelano superiori alle loro forze.

BOHEMIAN RHAPSODY, regia di Bryan Singer
(Usa, 2018 – 134′)

Sabato 24 agosto alle ore 21.30, torna in programmazione all’Arena Estiva Le Pagine presso il Parco Pareschi, Bohemian Rhapsody, uno dei maggiori successi della stagione cinematografica 2018/2019, valso alla produzione circa 890 milioni di dollari di incassi al botteghino nei primi cinque mesi e vincitore di 4 premi Oscar, nonché acclamato a livello globale.
La pellicola ripercorre i primi quindici anni del gruppo rock dei Queen e del suo celebre frontman Freddie Mercury, dalla nascita della band nel 1970 fino al concerto Live Aid del 1985.

Da qualche parte nelle periferie di Londra, la star di fama planetaria Freddie Mercury è ancora Farrokh Bulsara e vive con i genitori in attesa che il suo destino diventi eccezionale. Perché Farrokh lo sa che è fatto per la gloria. Contrastato dal padre, che lo vorrebbe allineato alla tradizione e alle origini parsi, vive soprattutto per la musica che scrive nelle pause lavorative. Dopo aver convinto Brian May (chitarrista) e Roger Taylor (batterista) a ingaggiarlo con la sua verve e la sua capacità vocale, l’avventura comincia. Insieme a John Deacon (bassista) diventano i Queen e infilano la gloria malgrado (e per) le intemperanze e le erranze del loro leader.

Il fortunato biopic porta sullo schermo luci e ombre dell’ascesa al successo di quel mix di carisma e virtuosità che era Freddie Mercury. Pianista, chitarrista, compositore, tenore lirico, designer, atleta, artista capace di tutti i record (di vendita), praticamente uomo-orchestra in grado di creare e di crearsi. Impersonato dall’apprezzato Rami Malek, il demiurgo che in scena non temeva rivali viene mostrato nel suo lato più umile e fragile, a fare i conti con le discriminazioni del suo tempo circa l’etnia e l’identità sessuale.

LA DONNA ELETTRICA, regia di Benedikt Erlingsson
(Francia, Islanda, Ucraina 2018 – 101′)

Domenica 25 Agosto alle ore 21.30 si conclude l’edizione 2019 dell’Arena Estiva Le Pagine con la proiezione de “La donna elettrica” di Benedikt Erlingsson, presentato alla Settimana della Critica del Festival di Cannes 2018 e vincitore del Premio Lux del Parlamento europeo.

Il film si svolge nelle Highlands islandesi, dove Halla, una donna single di circa cinquant’anni e all’apparenza come le altre, dirige un coro di paese. Ma dietro la routine di ogni giorno, si nasconde una vita segreta: armata di arco e frecce, Halla porta avanti la sua battaglia contro il capitalismo sabotando i fili elettrici di un’enorme fabbrica di alluminio appartenente ad una grande multinazionale che sta distruggendo la sua terra. Per il governo e per la stampa nazionali, “la donna elettrica” è un’ecoterrorista a cui dare la caccia, ma Halla porta avanti coraggiosamente la sua guerra contro i potenti, contro lo Stato, contro l’evoluzione cieca e cinica. Il suo è un atto di resistenza ambientalista, in apparenza solitario, che ricerca la complicità della natura per garantire la reciproca salvaguardia: la donna elettrica compie le sue azioni sfruttando ripetutamente cespugli, animali e zolle di terra per nascondersi dagli insistenti inseguimenti della polizia. Prati, vallate e montagne danno colore al film così come al mondo stesso. Il verde dell’erba che si confonde col blu del cielo contribuisce a restituire una fotografia fredda e naturale, radicata nell’Islanda che non vuole scendere a compromessi con il grigio delle industrie e delle città.

Benedikt Erlingsson colpisce al cuore con un ritratto di donna memorabile ed un omaggio alla struggente bellezza del paesaggio islandese, mentre racconta della Terra come metafora della maternità.

Il regista, come già nel suo precedente film Storie di cavalli e di uomini cerca una fortissima connessione con la natura, che diventa quasi la seconda protagonista di questa storia avvincente. L’autore, infatti, ha deciso di orientare la sua carriera cinematografica proprio verso l’argomento, convinto del fatto che i diritti della Natura debbano essere considerati al pari di quelli dell’uomo.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi