Home > IN EVIDENZA > ARTE
“L’ingegno di Eva”, dieci artiste per cent’anni di pittura al femminile

ARTE
“L’ingegno di Eva”, dieci artiste per cent’anni di pittura al femminile

Giornata della donna nel segno dell’arte quella dell’8 marzo alla galleria Fabula Fine Art (via del Podestà 11, Ferrara), dove è stata inaugurata la mostra ‘L’ingegno di Eva’ a cura del critico Lucio Scardino. In mostra le opere di dieci artiste che coprono un arco di tempo di oltre cent’anni, dal dipinto di Adriana Bisi Fabbri (cugina di Boccioni), datato 1912, fino alla scultura di Laura Govoni, datata 2019, dove nel cerchio e nel quadrato d’ispirazione leonardesca compaiono scarpe di un verde ambientalista che allude al destino dell’uomo e alla necessità di un recupero umanistico e rigenerante.

“Bambino vitruviano” e “Donna vitruviana” (2019) di Laura Govoni

La scelta del curatore spazia volutamente tra generazioni e tecniche molte diverse tra loro, che mettono a confronto il classico e il contemporaneo, la pittura a olio e la scultura con oggetti trovati e inseriti in una nuova armonia visiva. Si va dalla piccola sequenza di opere su carta del 2017 della 22enne Priscilla Scalvi al dipinto a olio con due donne sullo sfondo di una marina in Egitto (1913) di Maria Chailly, nata nel 1861.

[Cliccare sulle immagini delle opere per ingrandirle]

Generazioni diverse e tecniche pittoriche varie ancora nel grande arazzo intitolato ‘Etiopia’ (2018) di Nedda Bonini, dove si inseriscono ricami di fili dorati, stampa elettrografica e inserimenti vegetali e l’incisione a colori del ‘Ferrariae Castrum’ (1927) realizzata da Mimì Quilici Buzzacchi  con il castello estense immerso in un immaginario paesaggio medievale sognante e sperduto in una valle in mezzo a una radura campestre.

Un classico del genere pittorico come la natura morta floreale (1923) di Ada Santini e un ritratto realizzato da Beryl Hight (1963) si accompagnano a un paesaggio innovativo ed essenziale come ‘La nevicata’ (1955) di Giovanna Baruffaldi, amica di De Chirico e attenta agli sviluppi dell’arte dell’epoca, fino all’anticonformista Leonor Fini con un ‘Ritratto di Felicita Frai’ (1933), che Scardino definisce di “felice sintesi quasi alla De Pisis”.

“Ritratto di Felicita Frai”, 1933, Leonor Fini

‘L’ingegno di Eva’, galleria  Fabula Fine Art, via del Podestà 11, Ferrara. Fino a sabato 23 marzo 2019, visitabile martedì, giovedì e sabato ore 16-19 o su appuntamento telefonando al 347 7159748

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi