Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > Ascolta il concerto delle piante
musica-piante

Quante volte abbiamo visto a teatro o nei film le piante parlare, cantare o danzare. Basta pensare al celebre cartone animato della Walt Disney “Fantasia” o ad “Alice nel paese delle meraviglie”. Questa volta però non si tratta di finzione né di magia, la musica emessa dalle piante è reale: domani pomeriggio alle 17.30 presso GiroBio, i ferraresi Andrea Pavinato e Nedda Bonini, musicista lui artista lei, faranno suonare le piante attraverso un processo che converte i segnali emessi dalle piante in suoni armonici, realizzando una vera e propria performance dal titolo “La musica delle piante“.

musica-piante

Andrea Pavinato e Nedda Bonini e l’opera ‘L’abbraccio di un albero’

“Un altro aspetto interessante è offerto dall’interazione tra gli esseri vegetali e l’ambiente che li circonda, in particolare con la vicinanza delle persone, portatrici di diversi atteggiamenti ed intenzioni, ai quali le piante reagiscono producendo impulsi diversi e, quindi, suoni diversi”, spiegano i due e aggiungono: “Particolarmente emozionante è stata la reazione di un antico albero di gelso: un giorno lo abbiamo abbracciato e lui ha manifestato sorprendenti melodie.”

Pavinato e Bonini hanno sperimentato questo fenomeno alla Gola del Furlo dove poi è stata realizzata un’opera dal titolo L’abbraccio di un albero. I loro concerti sono spesso “duetti musicali” tra alberi e strumenti a fiato o cantanti lirici. A Ferrara hanno presentato il loro lavoro nell’ambito della 24 ore di Poesia alla Biblioteca Ariostea e al Festival BioPerTutti.

Per guardare il video del Furlo clicca qui

Per guardare il video realizzato a Terraviva clicca qui

Per informazioni: andrea.pavinato@libero.it 3396943096 nedda.bonini@gmail.com 333 3947017

“La musica delle piante”, sabato 19 marzo, alle ore 17,30 presso Giro Bio, via Terranova 13 a Ferrara.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Pari opportunità ante litteram
Stratigrafie
DIARIO IN PUBBLICO
Non è triste Venezia ma Ferrara
Come rendere un’abbazia la prima d’Italia (e farla rimanere tale per otto secoli)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi