Home > COMUNICATI STAMPA > Attuando vite nuove: teatro, carcere e città nel progetto europeo di Teatro Nucleo

Attuando vite nuove: teatro, carcere e città nel progetto europeo di Teatro Nucleo

Da: Ufficio Stampa di Teatro Nucleo

Parte da Ferrara e da Teatro Nucleo il nuovo partenariato strategico Erasmus+ Attuando vite nuove, dedicato a creare un ponte tra il carcere e la città attraverso il teatro. Ferrara diventa così centro di attività e riflessioni sull’educazione con il teatro in carcere, con la presenza di Teatro del Norte (Spagna), della Compagnia tedesca Z3 (Berlino) e degli ungheresi Ures Ter di Pecs, coinvolti in una settimana di convegni condotta da Teatro Nucleo. In particolare, giovedì 30 gennaio presso la Casa Circondariale G. Satta di Ferrara – dove Teatro Nucleo opera dal 2005 – si terrà una giornata di studio con la partecipazione dei detenuti-attori impegnati nella produzione di Album di famiglia, spettacolo ispirato all’Amleto di Shakespeare, una cui prima versione è stata presentata nell’ambito del Festival di Internazionale nello scorso ottobre.

«Il teatro è un catalizzatore efficacissimo per l’alfabetizzazione e l’acquisizione di nuove competenze per il reinserimento dei detenuti, rappresentando un ponte straordinario tra il carcere e la società civile a fine pena, quando è necessario trovare casa e lavoro, superando lo stigma», racconta Horacio Czertok co-fondatore di Teatro Nucleo, attivo da più di quindici anni presso la Casa Circondariale di Ferrara con progetti di teatro carcere che rappresentano ormai un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale e che gli hanno valso la nomina a Ambasciatore per la Regione Emilia Romagna della piattaforma EPALE- Electronic Platform for Adult Learning in Europe.

Con questa nomina e con il progetto Attuando vite nuove, Ferrara vede riconosciuta l’esperienza più longeva dell’Emilia Romagna, quella di Teatro Nucleo, che ha suscitato la nascita del coordinamento regionale dei teatri-carcere dando vita ad una rete regionale e ha quindi generato progetti attraverso i quali la rete regionale agisce in parallelo con quella internazionale, che risulta dai vari progetti sviluppatisi negli anni in Francia, Belgio, Germania, Spagna, Portogallo, Cipro, Grecia, Ungheria, Lituania, Russia, Svezia, Danimarca, Malta, Inghilterra, Paesi Bassi, Argentina, Cile, Colombia, Messico. «In questo modo, i risultati delle esperienze hanno modo di confrontarsi e interagire, assunto estremamente rilevante in quanto non esistono Istituti nei quali si possa acquisire la formazione necessaria al teatro in carcere».

Per informazioni su Teatro Nucleo: http://www.teatronucleo.org/

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi