Home > COMUNICATI STAMPA > Aumento dei prezzi dei biglietti dei musei è una seconda tassa di soggiorno.

Aumento dei prezzi dei biglietti dei musei è una seconda tassa di soggiorno.

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Comune di Ferrara.

Il Castello Estense ha superato nel 2019 quota 200.000 visitatori.
La Giunta Fabbri, spalleggiata dal presidente di Ferrara Arte Vittorio Sgarbi, ha deliberato di portare il prezzo del biglietto del Castello dagli attuali 8 euro ai futuri 12 euro.
4 euro di aumento che moltiplicati per i 200.000 visitatori fanno 800.000 euro in più all’anno.

Praticamente una seconda tassa di soggiorno.

A questo aumento si aggiungono anche quelli di Palazzo Schifanoia (da 3 a 10 euro), del PAC (da 4 a 5 euro) e della MyFe Card (dai 3 ai 4 euro di aumento a seconda di giorni di permanenza).
Questi sono gli aumenti previsti, deliberati dicendo che “la cultura si deve pagare il giusto”. Ma sono aumenti fatti anche per giustificare, come bene hanno sottolineato nei giorni scorsi Ilaria Baraldi e Nicola Minelli, la decisione della Giunta Fabbri di firmare una convenzione con la fondazione Cavallini-Sgarbi che garantisce a quest’ultima il 20% per ogni ingresso al Castello.

Gli aumenti dei biglietti dei musei cittadini (a iniziare da Castello) vanno bloccati.
Vanno bloccati perché passata questa fase di emergenza (che sicuramente tutti, io per primo, avevamo preso troppo sottogamba) bisognerà pensare (e bisognerà pensarlo fin da subito) al rilancio turistico di Ferrara. Una città dove, come nel resto d’Italia oggi fioccano le disdette nelle strutture ricettive, e che vede bloccato tutto il comparto economico che gravita attorno al turismo.

Bisogna pensare, fin da subito e di concerto con la Regione, a un piano straordinario e complessivo di investimenti e di promozione per il rilancio di Ferrara e della sua attrattività turistica, da attivare non appena l’emergenza sanitaria lo renderà possibile.
Buona parte degli sforzi per far ripartire la nostra economia andranno concentrati lì. Buona parte delle risorse pubbliche, come ha scritto ieri Riccardo Cavicchi, vanno messe lì.
E il significativo aumento del costo dei biglietti del Castello e dei principali musei di Ferrara non è sicuramente il modo giusto per affrontare a questo rilancio.
Ed è per questo che va bloccato.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi