9 Marzo 2017

Avanti a sinistra con Pisapia e Boldrini, sboccia Campo Progressista. Zedda: “Un progetto politico per il futuro del Paese”

Simona Gautieri

Tempo di lettura: 7 minuti

Si profila una primavera calda per la politica italiana. In particolare, c’è fermento a sinistra. Dopo la scissione nel partito Democratico e la nascita del ‘Movimento dei democratici e progressisti’, attorno al quale ruotano Roberto Speranza, Massimo D’Alema, Pierluigi Bersani ed Enrico Rossi, a cercare di riannodare i fili delle idealità e dell’impegno dei delusi ci stanno provando anche l’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia, la presidente della Camera Laura Boldrini, il sindaco di Genova Marco Doria, che, con  ‘Campo progressista’ (su cui potrebbe confluire anche ‘Possibile’ di Pippo Civati), vorrebbero ridare linfa vitale a un’area delusa ma non rassegnata. Con loro c’è pure il giovane e stimato sindaco di Cagliari, Massimo Zedda, con il quale abbiamo analizzato l’attuale scenario politico e ragionato del futuro della sinistra.

Iniziamo parlando di primati: lei è stato il sindaco più giovane di un capoluogo di Regione, il primo sindaco dal dopoguerra ad aver vinto sostenuto esclusivamente da una coalizione di centrosinistra, l’unico sindaco tra le città capoluogo ad aver vinto al primo turno nelle scorse elezione: mi può raccontare di come e quando è nata la sua passione per la politica e della sua gavetta prima di essere eletto primo cittadino?
Ho sempre respirato politica, sin da bambino. In quel periodo mio padre era dirigente nazionale del Pci, anche se lui non ha mai influito sulle mie scelte. La passione vera e propria nasce durante gli studi al liceo e all’Università. Nel 1996 sono diventato segretario cittadino della Sinistra Giovanile. In mezzo tanti lavori da precario, con praticamente ogni tipologia di contratto. In seguito, con i Democratici di Sinistra, sono stato il responsabile della comunicazione, quella che un tempo si sarebbe chiamata stampa e propaganda del partito. Nel 2006, a 29 anni, sono stato eletto consigliere comunale a Cagliari e nel 2009 consigliere regionale. Nel maggio del 2011 sono diventato sindaco della mia città, credo sia una delle cose più belle che possa capitare a chi si occupa di politica.

Come detto è stato subito riconfermato al primo turno: le opere pubbliche portate avanti in questi anni hanno parlato per lei?
Le opere pubbliche sono chiaramente la parte più tangibile di quanto fatto durante la prima consiliatura, quella più visibile. Ma sono anche e soprattutto il risultato di un lavoro giornaliero per spendere tutte le risorse europee, recuperarne altre, tagliare gli sprechi e le spese superflue, presentare progetti al Governo e all’Europa e realizzare gli interventi, proporre Cagliari come destinazione turistica (abbiamo vinto il premio come prima destinazione sostenibile in Europa, al secondo posto dietro di noi Barcellona), come città dove poter fare e poter respirare cultura ogni giorno (siamo stati Capitale italiana della Cultura nel 2015, dopo essere arrivati in finale per la scelta della Capitale europea 2019), dove poter fare sport (siamo Città europea dello Sport per il 2017) o dove semplicemente sentirsi a casa mentre si passeggia nelle vie riqualificate o negli spazi urbani restituiti ai cittadini. In due parole, valorizzare la qualità della vita della nostra splendida città: tutte operazioni che hanno impegnato ogni minuto dei diversi assessorati. Avevamo l’idea di riportare Cagliari a misura dei suoi abitanti e dei turisti che la visitano, restituire o far conoscere loro luoghi prima poco considerati: è un impegno che intendiamo portare avanti. Però, ed è solo un esempio, vedere il Lungomare del Poetto riqualificato, non più occupato dalle auto ma frequentato da famiglie, bambini, sportivi, anziani che passeggiano liberamente in tutti i periodi dell’anno è una bella soddisfazione.

Siamo reduci da una campagna referendaria e da un referendum costituzionale che ha diviso l’opinione pubblica: ora che è tutto finito, può sbilanciarsi e dirmi cosa pensa dell’esito referendario e quale scenario ipotizza per il dopo Renzi?
L’esito del referendum di dicembre è sotto gli occhi di tutti. Quello che mi preoccupa è la disaffezione dalla politica di una fascia sempre più larga di cittadini italiani: abbiamo il compito di riportare al centro del dibattito la discussione sul lavoro, sull’ambiente, sulle imprese, sull’istruzione e sulla ricerca e le soluzioni ai problemi delle fasce più deboli e ai bisogni concreti della popolazione devono essere al primo posto tra i nostri obiettivi. Campo progressista nasce in questa direzione: con Giuliano Pisapia, allora sindaco di Milano, altri sindaci, parlamentari ed esponenti politici ci eravamo già espressi in questo senso ben prima del referendum.

Lo scorso ottobre, Nicola Fratoianni, coordinatore nazionale Sel, ha annunciato lo scioglimento del partito: cosa pensa e che conseguenze avrà per lei?
A Nichi Vendola, a Nicola Fratoianni e a tutti i compagni con cui abbiamo fatto un pezzo importante di strada auguro un buon lavoro. Per quanto mi riguarda, resto fermo nella mia convinzione che la politica sia un’azione collettiva in cui si può dialogare senza tradire le proprie posizioni, ma per un obiettivo comune. E credo che in Italia il centrosinistra tradizionale, quello che ha vinto le elezioni in numerose città nel 2011, abbia questo compito. L’esperienza a Cagliari, a Milano, a Genova e in diverse altre realtà locali lo dimostra.

A questo proposito, si parla con sempre maggiore insistenza della creazione di un nuovo soggetto politico, con lei protagonista assieme a Pisapia e Laura Boldrini, possibile alleato di Renzi alle prossime elezioni: può dirmi a che punto siamo con la nascita di quella che da molti è salutata come una “nuova sinistra”?
Campo progressista è prima di tutto un’esigenza. C’è uno spazio che è sempre esistito, quello del centrosinistra tradizionale, che va rilanciato perché è necessario se vogliamo arginare populismi e qualunquismo e non lasciare via libera alla destra che in questi anni – a causa della crisi e della strumentalizzazione del dramma dei flussi migratori – sta riprendendo piede in tutta Europa. Per farlo serve dialogare con tutte le forze che si riconoscono nel campo democratico e progressista, in uno spazio che sia aperto e inclusivo. Parliamo di questo negli appuntamenti sempre molto partecipati che stiamo facendo in diverse città. L’appuntamento di sabato 11 marzo a Roma sarà l’occasione per fare il punto a livello nazionale.

Da sempre, essendo lei stesso molto giovane, punta la sua attenzione sul mondo giovanile e il suo coinvolgimento nel mondo della politica. A Bologna, nell’incontro tenutosi per la ricostruzione del centrosinistra, ha proposto di coinvolgere maggiormente in politica i ragazzi rappresentanti di istituto e dell’università: come pensa si possa attuare in pratica questa sua idea?
I modi sono diversi: a Cagliari abbiamo istituzionalizzato gli incontri con i rappresentanti degli studenti universitari e con quelli delle scuole. Molti sono fuorisede, ma chiaramente sono parte integrante della vita cittadina. Portano le loro proposte, discutono, diventano parte attiva e si impegnano non solo per le rivendicazioni da studenti ma come cittadini. A Lecce ho proposto, per i prossimi incontri, ovunque si faranno, di lasciare il mio posto a un rappresentante degli studenti universitari e a un rappresentante di istituto che credano nel centrosinistra: devono essere loro i protagonisti di questo rilancio. La verità è che mi auguro non di fondare un nuovo movimento politico, ma di potermi iscrivere a un partito immaginato e costruito da giovani che costituiscano un progetto politico con al centro il loro futuro e il futuro del Paese.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simona Gautieri

Simona Gautieri

Ti potrebbe interessare:

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi