Home > COMUNICATI STAMPA > Avviato progetto didattico “Quando la Comunità fa rima con Civiltà e Legalità” per la prevenzione della criminalità mafiosa

Avviato progetto didattico “Quando la Comunità fa rima con Civiltà e Legalità” per la prevenzione della criminalità mafiosa

da: ufficio stampa Comune di Comacchio

Il Comune di Comacchio, in rete con le istituzioni scolastiche e con l’associazionismo locale, aderisce al progetto di contrasto della criminalità mafiosa e si fa promotore della cultura della legalità.

Ha preso avvio un importante progetto di prevenzione della criminalità mafiosa e di promozione della cultura della legalità, denominato “Quando Comunità fa rima con Civiltà e Legalità”, rivolto alle scuole del territorio, frutto di un accordo di programma tra l’Amministrazione Comunale e la Regione Emilia Romagna.
Sono sotto gli occhi di tutti i frequenti fenomeni di corruzione e di illegalità che i media ci documentano quotidianamente e solo con un’educazione alla legalità a partire dalla scuola, si può cambiare, promuovendo una cultura improntata sui valori di giustizia ed equità.
Il progetto consiste nella realizzazione di azioni educative e formative, con particolare riferimento al mondo della scuola, per fornire ai giovani studenti elementi conoscitivi su fenomeni complessi quali corruzione, mafia, criminalità organizzata, attraverso una rete di collaborazioni e sinergie tra istituzioni società civile.
Le azioni e le iniziative sono volte ad informare e a sensibilizzare anche la cittadinanza, oltre che il mondo scolastico sulle tematiche della legalità, della democrazia e sull’importanza del rispetto delle regole, contro ogni forma di corruzione ed ingiustizia.
Nel mese di ottobre sono partiti presso le scuole secondarie di 1° grado degli Istituti Comprensivi di Comacchio e Porto Garibaldi i “Laboratori della legalità” condotti dall’Associazione Pereira. Avvalendosi di documentari e testimonianze, l’associazione ha ricostruito i meccanismi delle mafie sotto i suoi numerosi e molteplici aspetti. Le scuole hanno la possibilità di incontrare un testimone di giustizia in carne ed ossa, che, con il suo vissuto, li fa calare in una realtà sempre più concreta.
Nelle scuole primarie partirà nel mese di novembre l’azione denominata “La legalità nel piatto”: il progetto si inserisce all’interno dell’esperienza di “Libera Terra”, cooperativa sociale che ogni anno impegna migliaia di giovani e volontari nei campi di lavoro che, liberano terreni ed energie che erano state imprigionate dalla mafia.
Gli alunni grazie alla collaborazione della ditta Camst, fornitrice del servizio di refezione scolastica e della cooperativa sociale Girogirotondo , approfondiranno l’argomento della lotta alla mafia durante il momento della refezione stessa e potranno assaggiare cibi coltivati nelle terre confiscate alla mafia.
Il 26 novembre 2015 alle ore 18 presso il Circolo Culturale e Ricreativo “Laguna” ripartiranno le attività del Teatro Comunitario, a cura del Teatro Nucleo di Pontelagoscuro, sotto la regia di Natasha Czertok. Nell’ambito di questo progetto i laboratori saranno due, uno dei quali in continuità con l’esperienza iniziata nel 2014 con il progetto regionale Community Lab e il gruppo teatrale locale comunitario Temperamenti, nato da quell’esperienza ed un secondo laboratorio “A voce Alta”, presso l’Istituto di istruzione secondaria di secondo grado “Remo Brindisi” del Lido degli Estensi. Le due attività, accomunante dallo stesso filone e canovaccio con tematiche legate alla lotta per la legalità e all’antimafia, si intersecheranno e promuoveranno lo scambio intergenerazionale con portavoce gli stessi attori. Entrambi i laboratori teatrali saranno operativi anche in condivisione, per dare origine ad uno spettacolo finale. Da sottolineare che il laboratorio teatrale comunitario è aperto a tutti, dai 12 ai 90 anni ed è gratuito.
Anche il Consiglio Comunale dei ragazzi lavorerà sul tema specifico “La lotta contro la mafia raccontata con gli occhi dei ragazzi agli adulti.”
Il percorso chiuderà nella primavera 2016 con un evento aperto alle scuole e a tutta la cittadinanza: un incontro pubblico con la testimonianza del giovanissimo gruppo di ragazzi de “Il Tappeto di Iqbal”, compagnia teatrale del quartiere Barra di Napoli che con musica, acrobazie e giocoleria, testimonieranno come, in prima persona, hanno affrontato il tema della camorra e della dispersione scolastica. L’evento vedrà il susseguirsi di attività quali rappresentazioni teatrali e proiezioni cinematografiche.
L’Amministrazione Comunale ringrazia la rete attiva di soggetti, che rappresentano la vera forza ed originalità del progetto, dalla scuola, alle associazioni femminili locali, l’Udi-Spazio donna di Comacchio dalla Cooperativa Teatro Nucleo di Pontelagoscuro, all’Associazione Pereira di Bagnacavallo , sino al laboratorio teatrale comunitario TemperaMenti, dall’Associazione Libera Terra , alla ditta Camst di Ravenna.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi