Home > COMUNICATI STAMPA > Bando da 472 mila euro per accogliere in strutture alternative al carcere 90 detenuti con specifici requisiti e prossimi al termine della pena

Bando da 472 mila euro per accogliere in strutture alternative al carcere 90 detenuti con specifici requisiti e prossimi al termine della pena

Tempo di lettura: 3 minuti

Da: Organizzatori

A disposizione le risorse assegnate da Cassa delle Ammende e dall’Ufficio interdistrettuale per l’esecuzione penale esterna,per far accedere a misure alternative al carcere chi ha requisiti ma non ha domicilio, con progetti di formazione professionale e inclusione sociale dei detenuti. Destinatari del bando, in scadenza il 4 maggio, Enti e Associazioni del Terzo settore

Contrastare e prevenire la diffusione del Coronavirus negli istituti penitenziari dell’Emilia-Romagna, alleggerendo il sovraffollamento,e dare la possibilità ai detenuti con particolari requisiti e prossimi al termine della pena da scontare, ma privi di risorse economiche, una casa e un lavoro, di accedere a misure alternative alla detenzione per un periodo di sei mesi e, comunque, non oltre i diciotto mesi.

Sono gli obiettivi che la Regione Emilia-Romagna e l’Ufficio interdistrettuale per l’esecuzione penale esterna vogliono raggiungerecon il bando da 472 mila euro – in scadenza il prossimo 4 maggio – destinato a Enti e Associazioni del Terzo settore per accogliere nelle proprie strutture o in quelle messe a disposizione dalle amministrazioni comunali circa 90 detenuti. Nella decisione del trasferimento verrà data priorità alle donne con figli.

Le risorse messe a disposizione provengono in parte da Cassa delle Ammende, ente del ministero della Giustizia che ha destinato all’Emilia-Romagna 410mila euro per realizzare il progetto “Territori per il reinserimento – emergenza Covid-19” finalizzato al contenimento del rischio di contagio da Coronavirus nelle carceri; cifra a cui si aggiungono 62mila euro resi disponibili dall’Ufficio interdistrettuale di esecuzione penale esterna (Uiepe) per il progetto “Inclusione sociale per le persone in misura alternativa senza fissa dimora in Emilia-Romagna”.

“Uno sforzo corale quello che vedrà la collaborazione tra Regione, sia per la componente sociale che sanitaria, e tutte le realtà, istituzionali e non, che si occupano di carceri- sottolinea la vicepresidente con delega al Contrasto alle disuguaglianze, Elly Schlein-. L’idea di fondo delle misure messe in campo, in attuazione delle indicazioni del decreto Cura Italia, è che sia prioritaria l’esigenza di tutelare la salute pubblica, contrastando la diffusione del contagio nelle carceri sovraffollate, attraverso le diverse opzioni messe a disposizione dalla legislazione per ridurre la popolazione penitenziaria. Ma il nostro impegno una volta terminata la fase emergenziale- aggiunge la vicepresidente- sarà quello di garantire la continuità delle azioni che stiamo per realizzare per rendere il carcere l’ultima ratio e perseguire, attraverso le misure alternative alla detenzione, l’attuazione piena dell’articolo 27 della Costituzione, ovvero il reinserimento nella società”.

I due progetti, grazie ad un Accordo sottoscritto nei giorni scorsi da Regione e Uiepe, si integreranno tra loro come previsto dal bando, che oltre al trasferimento dei detenuti che ne hanno i requisiti in strutture alternative alla detenzione in carcere, prevede l’attuazione di percorsi individualizzati di reinserimento sociale e lavorativo per le persone che non hanno commesso reati gravi e sono a non più di 18 mesi dal fine pena.

Per rispondere al bando

Gli Enti e le associazioni interessate a risponde al bando in scadenza il 4 maggio, potranno trovare tutte le informazioni necessarie al seguente link

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi