Home > PARTITI & DINTORNI > Bassi: “Le sardine con l’ANPI: ecco il nuovo che avanza”

Bassi: “Le sardine con l’ANPI: ecco il nuovo che avanza”

Tempo di lettura: 4 minuti

Da: Laura Bassi

Ho portato rispetto all’ANPI, anche se ormai composta da ben pochi partigiani, finchè non si è schierata contro Renzi ai tempi del famoso referendum, scegliendo così di entrare a piedi pari nella politica politicante e tradendo, a mio avviso, lo spirito unitario della Resistenza. Non a caso, a Ferrara,Diego Cavallina si dimise dall’associazione per le scelte faziose di quest’ultima.Ora, vedendo esponenti e bandiere dell’ANPI alle manifestazioni delle “sardine”, ho provato non poca delusione. Speravo in una ventata d’aria nuova e magari di vedere qualche cartello con la foto di Asia Bibi o a supporto dei ragazzi che lottano a Hong Kong…e mi sarebbe piaciuto anche veder sventolare qualche libro di Orwell… ma con l’ANPI (che a Ferrara contestò financo l’esposizione dei libri di Pansa,anche se mi piace ricordare che un intellettuale di formazione marxista e di grande dirittura morale come Fiorenzo Baratelli si dissociò da quell’iniziativa davvero illiberale oltre che impolitica) quale vento nuovo può soffiare se non è lecito, neppure per uomini di sinistra, proporre cambiamenti allo “status quo”? Gli “anpini” contestarono all’epoca pure le conclusioni della Commissione Bicamerale presieduta da D’Alema, perchè il quadro politico-istituzionale fissato nel 1948 dai padri costituenti doveva rimanere per sempre immutato…
E quanto alla novità di “Bella ciao”, cantata a squarciagola dalle sardine…Ottimo canto, per carità, ma ormai viene usato come il prezzemolo in ogni circostanza (pure come coro da stadio, con parole adattate alle circostanze) svilendone l’autentico significato. In una puntata di “Imma Tataranni, sostituto procuratore”, si vede il marito di Imma che, dinanzi a una parmigiana di melanzane, canticchia : “O parmigiana, portami via…”. Ridere o piangere? O denunciare regista,attore e RAI per vilipendio alla Resistenza?

A me piacciono le sardine (quelle vere), ma se le lasciamo a contatto per più di tre giorni con il pesce vecchio…faranno una brutta fine.
E’ facile prendere gli applausi delle star come Patti Smith o contestare Salvini come ha fatto pure Lapo Elkann (bella compagnia!).Meno facile accettare le critiche (cominciando a dettare liste di proscrizione dei giornalisti sgraditi) e formulare proposte praticabili. Fra l’altro, mi piacerebbe sapere come mai le sardine (e le sardone che le supportano) non contestavano Salvini quando era al governo e lo contestano adesso che è all’opposizione. Misteri d’Italia…o forse profumo di elezioni…
A pensar male si fa peccato, diceva Andreotti, ma spesso ci si prende.
Per conquistar voti al PD – dicono i maligni – il sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha concesso pure la cittadinanza a Sinisa Mihailovic, un tempo criticato per il suo appoggio a Slobodan Milosevic e a qualche gerarca serbo non proprio in odore di santità. D’altronde Sinisa è malato, anche i tifosi votano, Milosevic fu pure comunista e in fondo…”à la guerre comme à la guerre”, nononostante le riserve di Amelia Frascaroli e di qualche compagno dalla memoria buona. Che cosa non si fa – direbbe sempre qualche maligno – pur di allontanare lo spettro di Salvini.
Senza spingerci fino a Bologna, come spiegare ai compagni comacchiesi che l’avversario combattuto fino i eri – un certo sindaco ex-pentastellato – è divenuto improvvisamente un affidabile alleato? Qualcuno è forse caduto sulla via di Damasco? E chi, di grazia?
Tornando ai pesciolini,perchè Santori e gli altri suoi amici dai modi educati e dalle mani certamente prive di calli non vanno a parlare di antifascismo ( dopo oltre sette decenni dalla morte di Mussolini!) agli operai dell’ILVA, ai senza tetto o ai licenziati delle varie catene di supermercati? Perchè prenderebbero una caterva di fischi. D’accordo sui valori della Resistenza, ma il fascismo è morto e sepolto. Lo ha spiegato bene Bruno Vespa e lo ha detto a chiare lettere anche un intellettuale di sinistra come Massimo Cacciari, che potrà risultare antipatico a qualcuno, ma certamente è un uomo libero e parla chiaro:«Basta con questa storia del fascismo e dell’antifascismo, non se ne può più. È un dibattito di una inconcludenza totale, fondato sul nulla. Pensiamo piuttosto al fatto che i nostri ragazzi escono da scuola senza sapere bene chi erano Hitler e Mussolini». Come non essere d’accordo con il barbuto filosofo veneziano?

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi