6 Ottobre 2016

BORDO PAGINA
Baudrillard e l’età virtuale

Roby Guerra

Tempo di lettura: 5 minuti

Da tempi recenti in Italia non si crede più nel Comunismo (subito al potere effimero o ridicolo una volta riciclato in homo consumens…), ma in tutto l’Occidente si crede ancora nel cristianesimo e nel capitalismo (Gesù, poeta cosmico, e Voltaire, poeta della Ragione, archetipi di scienza contemporanea!). L’arte contemporanea non crede più da un pezzo nell’avanguardia storica: ma nell’era della scienza (Jacques Monod) o dei simulacri (Baudrillard), quando i media elettronici confermano l’idea surreale e l’Intelligenza Artificiale quella futurista, non è forse necessario ghigliottinare i nuovi gesuiti “postmoderni” e gli umanologi passatisti irriducibili? Vogliamo dire… soltanto la testa!
…Assai meglio la protesi cerebrale del Dottor Marinetti e i software onirici del Dottor Breton (brain machine?) per animare i nuovi corpi iperrealisti, un sogno nuovo deve entusiasmare gli uomini-robot: la Nouvelle Machine deve archiviare i fossili! “Gioia di vivere e in-differenza” (anche con Derrida), domanda l’era virtuale al suo creatore, l’Uomo, simulacro o meno che sia!
Cosicché, alla luce “finale” della VR (Realtà Virtuale) e le nuove generazioni internaute, Cyberpunk-postcyberpunk, da William Gibson a Tarantino (folle poeta del cinema “postmoderno”) anche neofuturiste, neosurrealiste, neodadaiste, di matrice tecnoanarchica, il clone Cartesio… non pronuncia più un “tranquillo” cogito ergo sum e né ritorna al “tranquillante” conosci te stesso, ma l’inquietante digito ergo sum: dall’Uomo ai Robot nel 2000? Da Dio al Computer nel XXI secolo?
La domanda dell’oracolo è superflua, simulacro ante litteram, lo stesso straordinario errore dell’attuale costellazione “postmoderna”: il problema è… la Terra o il Sistema Solare? Qual è l’orbita errata del Postmoderno? La pretesa d’annullare tutta la forza di gravità, esattamente come gli anarchici. Qual è la verità degli anarchici e dei postmoderni? Essere nel vortice del movimento storico, vale a dire tra l’aurora e il crepuscolo del capitalismo. Anarchia e postmoderno sono due fratture parallele e alineari nel funambolismo moderno: dalla presa della Bastiglia (modernità) alla scomparsa dell’Urss e di Saddam (postmodernità)… questo è il rendez-vous tra l’anarchia del XIX secolo e il postmoderno del XX secolo.
Gli anarchici rifiutarono Voltaire (e… Robespierre), i postmoderni l’utopia positiva: è il tempo d’immaginare, di progettare non soltanto il No creativo al mondo, ma l’ al di là del No, il Sì al futuro. Al di là dell’anarchia ci fu il marxismo, al di là del postmoderno il Grande Fratello? O il canto della Scienza felice? La mutazione elettronica attraversa oggi l’asse terrestre:
Distinguiamo due software “anarcocibernetici” possibili per il terzo millennio: l’uno effimero e regressivo, fondato sulla distruzione della grande macchina sociale, l’altro rivoluzionario, critico, eretico e pre-post-moderno, fondato sulla manipolazione e l’educazione delle Macchine, l’etica della conoscenza e dell’immaginazione scientifiche. Monod, Popper, Feyarabend, Asimov, Clarke, McLuhan, Negroponte, anche Freud e Jung. L’enigma si pone urgentemente per le attuali società postindustriali: dal XX/XXI secolo: la tradizione nuova del futuro, dal futurismo e le avanguardie nell’arte alla scienza contemporanea, è progetto possibile. Chi ha il coraggio di scommettere su l’ al di là dell’anarchia e del postmoderno “tradizionali”?
(* ..prima versione, poi leggermente riveduta in La Revoltes des Chutes, Parigi, originale in francese, trad. di Marc Kober, 1992)

*2016 Dagli anni ’90 al nostro tempo, la scommessa invocata appare sempre più avveniristica letteralmente, alla luce della ormai simbiotica virtualizzazione del Reale, post Web e post Social Network. L’agghiacciante teoria dei Simulacri di Baudrillard (come fu ospitato.. da Natta in persona a un convegno quasi ultimo del fu PCI) si rivela, piaccia o meno, la mappa o stella poco polare, folle del divenire storico attuale. Il tutto complicato dalla risposta interventista semifallimentare dell’Occidente al terrorismo islamico, post 11 9, per incredibile assenza di visioni lungimeranti e non effimere, mera farmacologia militare senza poi i complimentari post conflitti in Iraq e Afghanistan piani Marshall 2.0 e evoluzioni dell’Onu come sovrastato planetario e quindi con potenzialità decisionali inrinviabili per pilotare i processi di umanizzazione economica globale anche nel terzo mondo. Non ultimo, proprio cronache recenti, i fallimenti analoghi dell’Unione Europea e la strana guerra orwelliana anche scatenata dall’Isis. Oggi la scommessa, anche per l’evaporizzazione di qualsivoglia almeno piccola grande politica, dominano l’antipolitica quasi new age e la mediocrazia finale dei governi, appare letteralmente Retro: tra sopravvivenza della veramodernità occidentale, magari anche rivitalizzata da sottomenu afroasiatici emergenti come potenze economiche e inevitabile interfaccia transculturale, o nuovi medioevi, un poco come certa science fiction cinematografica apocalittica, con raggi laser e predoni vari allo stato brado, città neomurate con scudi terrestri e terre di nessuno dai confini sempre variabili. Forse, un Change è all’orizzonte paradossalmente dal pozzo senza fondo prossimo venturo, da un colpo di reni della storia, attraverso le generazioni ex novo internautiche, nati tecnologici, nati globali, senza la pesantezza dell’essere e delle sinapsi di secoli interi che si sono forse esauriti nel Novecento stesso, come le antiche miniere d’oro (o come il petrolio entro il XXI secolo). Forse.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roby Guerra

Roby Guerra

Ti potrebbe interessare:

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

  • NON SERVE “IL DOCENTE ESPERTO”.
    Fare scuola è come fare il ragù: competenza e passione

  • lotus

    Parole a capo /
    Giovanni Drogo: Haiku di vita quotidiana

  • Addio Sandy!

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi