Home > PARTITI & DINTORNI > Bondeno: bilancio triennale approvato dalla maggioranza, respinti gli emendamenti del PD

Bondeno: bilancio triennale approvato dalla maggioranza, respinti gli emendamenti del PD

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Organizzatori

Il bilancio di previsione triennale 2020-2022 ha passato l’esame dell’aula, nel consiglio comunale di giovedì sera. Un bilancio che l’assessore Emanuele Cestari ha presentato come all’insegna della riduzione dell’indebitamento, ridotto di 7 milioni dal 2011 al 2019, ma anche con uno slancio verso la ricostruzione post-sisma: con 700mila euro per il restauro del municipio, 517mila euro per il nuovo stralcio della Rocca Possente, 2 milioni e 260mila euro per la ricostruzione di Ponte Rana, senza dimenticare la manutenzione dei plessi scolastici e culturali: 75mila euro per scuole per l’infanzia e le primarie, 110mila euro per il museo civico di Stellata, 80mila euro per il rinnovamento degli spogliatoi del centro sportivo Bihac, 150mila euro per la bocciofila. Inoltre, ci saranno 120mila euro per i cimiteri, finanziamenti per i ponti dell’Argine Diversivo e Santa Bianca (circa 900mila euro per il ponte Bailey, finanziato in gran parte con fondi statali). «Puntiamo anche sul commercio – ha detto l’assessore al bilancio, Emanuele Cestari – con il bando “vetrine”, il lavoro, l’agricoltura e l’inserimento occupativo degli over 40. Il tutto, a fronte di un governo che cancella la “cedolare secca” sugli affitti dei negozi e cancella il regime dei minimi». Secca la critica di Tommaso Corradi (Pd): «Esiste una situazione di gestione ordinaria dell’amministrazione comunale, al tempo stesso emergono criticità dal punto di vista economico e sociale. La più importante della quale è il lavoro. Vedremo in seguito se il nuovo insediamento produttivo che è arrivato nell’area ex zuccherificio avrà un impatto importante, anche sul patrimonio locale. Credo che un rilancio cui possiamo ambire nel medio periodo – puntualizza Tommaso Corradi – è quello di investire sul patrimonio, per consentire ai cittadini di risiedere nel territorio. Elementi che non trovano adeguato spazio nel Dup che abbiamo approvato in fase di bilancio di previsione. Occorre, insieme agli enti di livello superiore (Stato centrale e Regione), mettere in campo un piano di spesa che vada oltre le possibilità del Comune». Si passa quindi ai voti sui singoli provvedimenti: i sei emendamenti del Pd (sulla ciclabile e il baby-parco di Borgo Scala, Spazio 29, le misure sul patrimonio e la manutenzione viaria) vengono respinti dall’aula e la manovra economica passa con i voti della maggioranza.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi