COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Bondeno: buono spesa per i cittadini.

Bondeno: buono spesa per i cittadini.

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Comune di Bondeno.

“Ci sono 74.927 euro, immediatamente disponibili per i nostri cittadini, sotto forma di “Buoni spesa”. Allo scopo di fronteggiare con uno strumento in più l’emergenza COVID-19 per le famiglie in difficoltà economica. Si è lavorato in giunta per metterli immediatamente a disposizione dei cittadini”. Lo annuncia il Sindaco facente funzioni Simone Saletti, avvertendo che i blocchi mensili sono composti da 4 buoni spesa (per 25 euro cad.) che andranno ad ogni componente familiare, salvo diverse valutazioni degli assistenti sociali. “I soggetti beneficiari dei buoni spesa” – dicono Simone Saletti e l’Assessore alle Politiche sociali, Francesca Piacentini –”saranno selezionati in base a specifiche richieste, valutando lo stato di effettivo bisogno del nucleo famigliare. Si è voluto ragionare in sinergia con il Comitato di Distretto, per uniformare il più possibile le procedure”. Le domande saranno risolte, in termini di istruttoria, quasi in tempo reale, “perché cercheremo di mettere in tasca delle famiglie in difficoltà i contributi arrivati per fronteggiare l’emergenza, anche se saranno svolti controlli successivi rispetto a quanto dichiarato rispetto al reddito”, precisa il Sindaco. I “Buoni spesa” non sono cumulabili con altre forme di sussidio (Reddito di cittadinanza, Fornitura di Pasti a domicilio, Sostegni per il pagamento delle utenze etc.). “Il Comune privilegerà la compilazione a distanza, con moduli scaricabili dal sito istituzionale dell’Ente o telefonica attraverso le assistenti sociali (attraverso i numeri: 0532-899500, 051-6843173) ma metteremo a disposizione dei cittadini in difficoltà la modulistica stampata nell’atrio del municipio, a partire da lunedì mattina” – aggiunge il Sindaco Saletti –. “Vorrei anche ribadire che i ‘Buoni spesa’ saranno nominali e potranno essere usati con la presentazione di un documento di identità nei negozi, evitando in questo modo che si possano verificare episodi di compravendita dei buoni stessi in cambio di denaro. Si tratta di uno strumento di supporto al reddito e, come tale, accerteremo che spetti effettivamente alle famiglie bisognose di aiuto del territorio comunale”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi