Home > BORDO PAGINA / RUBRICA > BORDO PAGINA
Guido Tagliati, il fondatore della poesia cosmica

BORDO PAGINA
Guido Tagliati, il fondatore della poesia cosmica

guido-tagliati

Poesia cosmica? Apparentemente nella scia di certe neoavanguardie apparentemente minori, fine secondo Novecento: e da Ferrara, oltre al veneziano Ugo Stefanutti, inventorecon il dr. Vanzelli a suo tempo del Premio di poesia cosmica nazionale, in quel di Canaro, Rovigo, fin dagli anni ’80, e altri, Guido Tagliati è il nome certamente più significativo e – prima o poi – da evidenziare, tra i più grandi della parola futuribile contemporanea.
A Ferrara, anche Emilio Diedo [vedi], poeta e critico letterario, tra i seguaci e promotore oggi principale (che recentemente l’ha segnalato sulla rivista di Roma, PoliticaMente) e più recentemente le stesse poetesse Sylvia Forty e KK (Caterina Costanzo).
Custode in certo senso della sua opera, è l’Associazione Umanità Nova Ad Sidera, curata anche dalla pittrice di Ferrara ben nota Paola Braglia Scarpa, essa stessa in tale scia poetico-cosmica.
Stranamente appena discreta la sua notorietà a Ferrara, nonostante – a suo tempo – autore di raccolte ben conosciute e presentate anche nel tempio della video avantgarde ferrarese (Sala Polivalente) opere straordinarie come “Vuoti d’aria” (Quinta Generazione) “Ad sidera, Quasi Quasars fino a God’s trade” (Il marchio di Dio). Non ultimo, Guido Tagliati anche rilanciato da programmi Rai o dai media a livello nazionale, persino dai media vaticani.

guido-tagliati

Guido Tagliati

Un’avanguardia, quella di Tagliati, molto nelle idee, ma anche nella parola, pur nel bordo quasi
neolirico della contemporaneità
più rilevante e tecno scientifico-letteraria: la noosfera di un certo Tehilard de Cahrdin è il Dna azzurrissimo del poeta, un canto dal futuro e dalle stelle, in un volo basato sull’archetipo di certo Cristo cosmico, quasi un’animazione cibernetica senza bulloni o valvole elettroniche, ma squisitamente immateriale e di unanime attrazione quasi molecolare per il nascente Homo sapiens… ma sapiens di luce del prossimo venturo.

Per saperne di più, un articolo di Emilio Diedo pubblicato su L’asino Rosso 3.0 [leggi].

* da Roby Guerra, “Dizionario della letteratura ferrarese contemporanea”, Este Ediiton-La Carmelina ebook 2012 [vedi]

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Potere al Popolo pensa alle Regionali e intanto si insedia in Gad. I militanti: “Spazio aperto a tutti”
“Elogio della democrazia” l’ultima conferenza ferrarese di Remo Bodei, il filosofo che coniugò ragione e passione: il video integrale
I giorni dell’abbandono: pensionati in piazza per difendere la propria dignità
P.P.P.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi