28 Febbraio 2019

BORDO PAGINA
Il transumanesimo di Zoltan Istvan

Roby Guerra

Tempo di lettura: 5 minuti

On line un eBook tribute per il futurista americano Zoltan Istvan a cura del futurista Roby Guerra (Asino Rosso edizioni): “Made in Italy”

“I’m excited to share a book on my #transhumanism work affecting #Italy is now out by writer and futurist Roby Guerra. Interviews and essays and other interesting writings including those by Angelo Giubileo and Stefania Romito are it, as well as ideas by Mr. Guerra. Here’s how to buy it on Amazon in #Italian” Zoltan Istvan Facebook

Almeno dal 2015, con l’annuncio della sua candidatura alle oggi famosisssime Elezioni Presidenziali americane del 2016 (con la clamorosa vittoria contro ogni previsione di Donald Trump contro Hillary Clinton), Zoltan Istvan è via via diventato probabilmente il cosiddetto transumanista (o futurista scientifico o futurologo) più celebre ai Media nel mondo e tra il pubblico interessato al futuro. Ha bucato i Media almeno come i leader storici mediatici stessi e conoscitivi dell’insolito Movimento, ovvero i quasi “alieni” Raymond Kurzweil, Aubrey de Grey e lo stesso Larry Page di Google. Per le presidenziali, il suo fu in effetti un capolavoro: in tour con un Camper per tutti gli Usa, rimodellato a forma di grande bara per sfidare i cosiddetti ”mortalisti” e promuovere uno dei temi radicali transumanisti, ovvvero la longevità estrema se non persino l’immortalità futura almeno relativa. Non ultimo il Transumanesimo di Zoltan Istvan, naturalmente, ha lanciato un futuro Partito della Scienza nel mondo (scenario quanto mai auspicabile anche in Italia). In questo eBook nello specifico, segnaliamo in certo senso la penetrazione del transumanesimo di Zoltan Istvan in Italia: attraverso interviste e articoli personali pubblicati in questi 3-4 anni in media ufficiali (a volte anche all’estero) e blog d’area italiani: alcuni contributi sono firmati dal giornalista e filosofo Angelo Giubileo e dalla scrittrice e conduttrice radiofonica Stefania Romito. Infine in appendice un ebook sottomenu, Noi Robot, un omaggio simbolico al Futurismo scientifico di Zoltan Istvan. Tra gli autori, oltre agli stessi Guerra e Giubileo, aderenti futuristici ma anche “semplici” simpatizzanti futuribili alcuni di nota fama: L.Barbieri, S. Battisti, P. Casalino, D. Longoni, Bruno V. Turra.
(Roby Guerra)
Per la prima volta in Italia è uscito un libro tribute dedicato al celebre transumanista o futurologo Zoltan Istvan, figura di spicco del movimento neoprogressista sempre più in primo piano nel dibattito tecnoscientifico e culturale internazionale a anche italiano. Finora di Istvan in Italia, a livello pubblcistico editoriale si segnalano alcuni contributi in alcuni eBook e libri collettivi a cura dello stesso Guerra e anche dello scrittore Pierfranco Bruni (in alcuni casi) – Asino Rosso, D- Editore, Hyperion e Sovera, come evidenziato in questo stesso eBook. Lo stesso M. O’Connell nel suo ancora recente e fortunato “Essere una Macchina” (Adelphi) lo ha segnalato/intervistato assieme agli altri big internazionali del movimento.
Questo eBook nello specifico integra l’ottima ricognizione del giornalista scientifico irlandese, colmando alcuni bachi dell’analisi a tratti solo spettacolare. Ne emerge attraverso il futurismo transumanista peculiare di Zoltan Istvan una relativizzazione di certa supposta visionarietà dell’attuale futurologia d’avanguardia riconnessa – pur nel suo radicalismo all’Occidente più avanzato, a certo Umanesimo (o postumanesimo) scientifico secondo poi le teorizzazioni degli stessi Julian Huxley fino al più recente Marvin Minsky in una direzione fortemente ancorata alla comunità scientifica e al suo divenire contemporaneo (In Italia da anni Riccardo Campa e altri hanno promosso in tal senso il movimento transumanista prossimi anche al futurismo italiano, gli stessi Saccoccio, Conte e lo stesso Guerra – con alcuni volumi rilevanti – la rivista Divenire- coinvolgendo lo stesso Max More e molti altri protagonisti internazionali – ad esempio nel Convegno di Milano transumanista del 2010 (Transvision 2010).
Non ultimo la svolta politica di Zoltan Istvan (candidato anche nel 2018 per la California con il Partito Libertario) segnala più in generale l’urgenza di politiche del futuro più evolute e per democrazie più evolute finalmente basate sull’etica (e magari anche l’estetica della conoscenza scientifica). Più nello specifico, in fondo, il Transumanesimo o Futurologia scientifica certifica la fantascienza quando si trasforma in scienza (Transumanist Wager stesso di Istvan è un romanzo scientifico), un pensiero forte in questi tempi liquidi e di crisi occidentale: forse nel futuro prossimo, e chiara così la matrice umanista del transumanesimo “assolutamente moderna”, l’astronave Terra, finalmente, con una metafora pungente, sarà pilotata non da scimmie.. ma da uomini di scienza potenziati dalle emergenti AI (Intelligenze Artificiali).
*Zoltan Istvan: (Usa, Los Angeles, 1973), futurista, transumanista e filosofo, ha collaborato e scrive per “Psychology Today,” “Transhumanist Future, “National Geographic Channel“, …”Motherboard“, The Huffington Post.”. Autore del bestseller su Amazon di The Transhumanist Wager, (www.transhumanistwager.com ), un thriller immaginario sulla ricerca per l’immortalità attraverso la scienza e la tecnologia. Nel 2016 fu candidato come Indipendente con Transhumanist Party alle presidenziali degli Stati Uniti, 2016 e nel 2018 con il Partito Libertario (California). I suoi lavori giornalistici e televisivi sono stati presentati da The New York Times Syndicate, Fuori, San Francisco Chronicle, BBC Radio, NBC, ABC, CBS, FOX, Animal Planet, e Travel Channel. Un suo reportage sulla guerra in Kashmir è stato premiato con risonanza mondiale. Istvan è stato regista per il gruppo Conservation International WildAid, unità di pattuglia armate contro il commercio llegale di animali e fauna selvatica nel sud est asiatico. Ha lavorato e lavora con varie aziende di successo, sviluppo immobiliare, cinema,viticoltura, sotto la sigla ZI Ventures. Recentemente come transumanista ampiamente segnatato anche sulla stampa europea e internazionale. In Italia è noto anche per saggi pubblicati inAA.VV., Posthuman Time (La Carmelina, 2015) e AA.VV. Futurist Renaissance (Hyperion, 2018) a c. di R. Guerra.
https://en.wikipedia.org/wiki/Zoltan_Istvan
https://www.amazon.it/Zoltan-Istvan-Made-Italy-libri-ebook/dp/B07NVGMQCR/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1550652321&sr=1-1&keywords=9788832519433



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roby Guerra

Roby Guerra

Ti potrebbe interessare:

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi