COMUNICATI STAMPA
Home > BORDO PAGINA / RUBRICA > BORDO PAGINA
Intervista a Elia Felisati e il “Dark Pop”, protagonista a “Rosa d’Inchiostro”

BORDO PAGINA
Intervista a Elia Felisati e il “Dark Pop”, protagonista a “Rosa d’Inchiostro”

Tempo di lettura: 4 minuti

Elia Felisati, ancor giovane artista contemporaneo e noto anche curatore (con L. Guio) di Blackstar, circolo Arci dedicato a David Bowie, tra i piu brillanti e innovativi attualmente in città, ha esposto (2016) a Milano alla Terrazza Martini: il celebre Martini Red party, con altri artisti emergenti anche nella Moda, sfilata inclusa, un superevento. Inoltre, l’estate scorsa ha partecipato con diverse opere a Bologna, Dynamo location per la mostra “Incontri Informali”. Suoi lavori sono esposti ed ospitati nello stesso Blackstar di Via Ravenna e proprio in questi giorni – nel weekend -è protagonista nell’evento “ferrarese” collettivo “Rosa d’Inchiostro”, a cura di Jam Ink Tattoo Family , Area Acquedotto: presenti molti artisti di diverse tendenze artistiche, nell’ambito della rassegne nazionali in corso “Contro la violenza sulle donne”.

D1: Elia, da qualche tempo protagonista della new wave artistica ferrarese e non solo, un autoritratto?
R – Sono nato a Ferrara il 22 maggio ’88 e nipote di Giovanni Lovetti, pittore famoso di Ferrara, anche noto gallerista in città per tutta la sua brillante vita… Sono inserito nell’arte fin da piccolo e c’è l’ho pure nel sangue..,, non ho mai preso in mano un pennello fino a febbraio 2016 e non ho mai studiato nulla riguardo le tecniche di pittura. L’arte è per me una terapia di sfogo per urlare il malessere interiore di una persona che si sente totalmente esclusa da quello che dovrebbero essere i concetti attuali sociali. Tendo sempre a volermi elevare verso qualcosa di ultraterreno, qualcosa che ha un valore vero rispetto a tutte le cazzate che viviamo ogni giorno. Non mi accontento e detesto non avere risposte o vivere come tutti senza farmi domande su cosa ci sia oltre a noi e dopo di noi..

D2: …Tra neoastrattismo e neopop, a quanto pare, il tuo giovanissimo ma potente percorso d’arte, un approfondimento?
R – Come dicevo prima, ho cominciato a dipingere a Febbraio come uno sfogo mio che ho avuto dopo una crisi esistenziale non indifferente. Ho preso in mano il pennello e ho semplicemente “sputato” fuori istintivamente quello che sentivo dentro lanciando colori a “caso”: a caso lo dico tra virgolette perchè in ciò che l’istinto creativo ti muove, non è mai mera casualità. Mi sono “usciti” lavori astratti niente male; come la chiamano ora, tipo arte postmoderna o arte minimale.. poi piano piano ho affinato le tecniche e diventava sempre più pensato ciò che facevo. Da lì sono passato a fare pop art.. che ho denominato – la mia – Dark Pop, dato che scelgo sempre personaggi molto dark come soggetti. Ho infatti una visione della vita molto dark, mi è sempre piaciuta questa dimensione fin da bambino grazie al nonno che in casa, a suo tempo, mi ha fatto conoscere degli Schifano e dei Franco Angeli originali, oltre a molte “stampe” di Warhol che adoro da morire..

D3: Ferrara artistica e no nel 2030, il tuo Sogno?
R – Beh io spero non solo per Ferrara ma a livello mondiale che per l’arte torni ad esserci ispirazione e spazio. Purtroppo, ora come ora, è un periodo sia di stallo – è difficile creare un nuovo movimento o una nuova tecnica perche tutto si è gia visto – e sia perchè con la tecnologia e sopratutto nel caso dell’Italia della crisi economica… le persone tendono a non dare valore a un bene materiale come può essere un quadro, ma preferiscono investire i priopri soldi in oggetti – appunto tecnologici, vestiti automobili ecc.. Spero si posa tornare ad apprezzare l’arte come la si è apprezzata e ricercata fino agli anni 90.. epoca in cui io mi ritengo appartenere. Avrei voluto avere la mia attuale età in quegli anni..

Info
Elia Felisati Facebook
Blackstar Facebook

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Emozioni
Ego, ergo sum
Alberto Poli, esploratore dell’inconscio
Un viaggio nell’arte surrealista di Ferrara
CRISI PANDEMIA: LA VERA SFIDA E’ LA COMPLESSITA’
Invece l’informazione e la scienza hanno prodotto confusione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi