COMUNICATI STAMPA
Home > BORDO PAGINA / RUBRICA > BORDO PAGINA
Intervista a Marcello Darbo sul suo eBook “Il mio Dio non è morto…”

BORDO PAGINA
Intervista a Marcello Darbo sul suo eBook “Il mio Dio non è morto…”

Shares

Già noto ampiamente anche fuori mura come pittore, il ferrarese (originario di Codigoro) Marcello Darbo (anche sociologo, suoi alcuni dei primi saggi e ricerche sul triste fenomeno contemporaneo del bullismo e ciberbullismo) ha recentemente esordito come scrittore. Un libro digitale già evoluto e controculturale, secondo lo stile mai convenzionale di Darbo, dedicato alla Genesi, a Dio e l’umanità…
Ecco ora un’intervista di approfondimento sul suo “Il mio Dio non è morto. Frammenti da una Bibbia apocrifa” edito dalla ferrarese Asino Rosso (a cura di Roby Guerra).

Marcello Darbo, più noto come sociologo e pittore, ora esordio letterario, un approfondimento?
Ho scritto dopo il mio “tentato omicidio” del 2004 con 7 coltellate, ho scritto per non morire, per gridare sommessamente che ero ancora vivo.

Darbo, nel romanzo – quasi di fantascienza – un linguaggio molto pop e satirico sociale, esatto?
Linguaggio ironico per parlare di un dio arrogante e insieme umile che cerca di mettere pace tra gli uomini che ha creato ingenuamente, senza pensare al male che sarebbe scaturito, un dio schifato e insieme speranzoso, mai cinico, non credo nel cinismo, porta al canismo.

Darbo, le religioni, oppio dei popoli… il tuo romanzo appare anche iconoclastico?
Iconoclastico? Sì ma anche iconospastico, dato che il mio dio è imbranato e depresso, pensa di non farcela e si addolora per questo, alla fine però un suo angelo gli rivela la strada per salvare il mondo dai Cani Disumani, per quanto riguarda l’oppio dei popoli, mi sembra che oggi la religione venga usata al contrario come Cocaina dei popoli, come Ideologia da scagliare contro gli altri; credo che ognuno abbia diritto alla sua spiritualità personale da non condividere con nessuno; religione e politica sono come fuoco e dinamite, devono essere separate. io credo che l’uomo debba aiutare se stesso e gli altri per comune appartenenza di specie, a prescindere dal suo credo.

Info
https://www.amazon.it/dp/B0754ZKKT7/ref=sr_1_26/258-2647001-2409858?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1503933411&sr=1-26&keywords=BIBBIA
http://it.blastingnews.com/opinioni/2017/08/la-fanta-bibbia-di-marcello-darbo-il-suo-primo-romanzo-001969921.html

Commenta

Ti potrebbe interessare:
MEMORABILE
La mia vita. Diario di guerra di Benito Mussolini
Elezioni: qualcosa di nuovo… per una nuova Ferrara
Dal bagno alla stanza da letto la strada non sempre è breve
LA VIGNETTA
Una sana economia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi