Home > BORDO PAGINA / RUBRICA > BORDO PAGINA
Sandro Battisti, “Stateless”: microversi di un Avatar quantico

BORDO PAGINA
Sandro Battisti, “Stateless”: microversi di un Avatar quantico

Tempo di lettura: 3 minuti

Per la ferrarese (a cura di R. Guerra, autore della postfazione) libri ebook Asino Rosso (network Street Lib), è on line nelle principali librerie store italiane e internazionali, “Stateless” di Sandro Battisti.
Più noto come esponente di spicco della nuova fantascienza italiana cosiddetta Connettivista, diverse pubblicazioni rilevanti, già anche Premio Urania Mondadori, Sandro Battisti presenta ora seminedite sperimentazioni linguistiche e semplicemente sorprendenti. Anche, infatti, blogger creativo (scrive anche su Fantascienza com) nel suo personal universo parallelo nella Rete, oltre a cartografare puntualmente il divenire della science fiction contemporanea, da tempo innesta parole diversamente poetiche compresse come un microchip quantico…
In tale scansione ed esplorazione letteraria, Battisti conferma certa peculiarità storica ormai sia del Connettivismo sia soggettiva nello specifico che della grande fantascienza: Parafrasando anche il compianto Marvin Minsky, padre dell’AI: “I veri filosofi del nostro tempo sono gli scrittori di fantascienza”, Battisti segnala e persino crea la fisica qualitativa o essentia della fantascienza, nata apparentemente tanti “universi microversi fa” come letteratura d’evasione ed invece, molto probabilmente se non statisticamente…., la vera non solo Sofia per la precisione ma Letteratura dell’era industriale e scientifica.
E qua, vista anche la complessità che caratterizza il vero libero pensiero conoscitivo contemporaneo (almeno dalle parti della Fisica postquantica e delle Computer Science), come poi già in primo piano nei suoi romanzi squisitamente postcyberpunk, nella cifra poetica specifica, fiorisce l’Altro della Scienza matrice storica, ovvero certo immaginario e come accennato ultracompresso o – se si vuole – ultraminimale colmo di dilatazioni anni luce distante da qualsivoglia scientismo.
In una manciata letterale di versi dilatati come coriandoli lanciati nello spazio, la parola esita come in assenza di gravità, sembrano messaggi criptati di una specie aliena inviati sulla Terra con password prossime alla pubblicità d’avanguardia ancora non creata oppure a ideogrammi Zen o geroglifici o persino Haiku d’Oriente.
Ulteriormente, parla l’oracolo fanciullo di Delfi con postversi enigmi in versione Ologramma o finalmente AI, il non detto di Hal 9000 stupendamente “regredito” all’infanzia con la filastrocca “Girotondo”, il bisbiglio sempre più inquieto e ammaliante di un Webmind di un Sawyer.
Insomma, non una novità, ma la fantascienza come Poesia e Oltre Poesia, non solo Letteratura narratologica, conferma con uno dei suoi “astronauti” onirici italiani di punta, Sandro Battisti, la sua profonda sonda felicemente in viaggio nel futuro:
Microversi di un Avatar quantico.

INFO:
https://it.wikipedia.org/wiki/Sandro_Battisti
https://www.kobo.com/it/en/ebook/stateless-1

Commenta

Ti potrebbe interessare:
frattale complessità
Uscire dalla dualità giusto-sbagliato:
lo scontro sul green pass e la lezione della complessità.
aereo aliante volo alba
Daniele Del Giudice (Roma 1948-Venezia 2021).
Le parole, il silenzio, il volo di un grande scrittore
robot
Ottobre  2060: Maia-111
Una volta libere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi