Home > PARTITI & DINTORNI > Breda: interrogazione in Regione Emilia-Romagna – Calvano e Caliandro: “Basta con le false promesse del Governo”

Breda: interrogazione in Regione Emilia-Romagna – Calvano e Caliandro: “Basta con le false promesse del Governo”

Da: Ufficio Stampa Gruppo Partito Democratico – Assemblea Legislativa Emilia-Romagna

«Se ci fosse da ridere si potrebbe dire “Mamma…li turchi”, ma purtroppo non c’è niente da ridere. Il Governo ha disatteso le promesse di nazionalizzare la Breda, la quale diventa di proprietà estera con una partecipazione parapubblica priva di una reale capacità di pesare e incidere nella nuova governance. In sostanza siamo di fronte all’ennesimo grande bluff». Commenta così il segretario e consigliere regionale PD Paolo Calvano la ricapitalizzazione della Industria Italiana Autobus, gruppo in crisi di cui fa parte l’ex Bredamenarinibus di Bologna.

«Gli slogan “prima gli italiani” e “nazionalizzaziamo la Breda” hanno portato a far sventolare da oggi su quello stabilimento la bandiera della nazione turca. Si deve agire, come ha fatto la nostra Regione per quanto di propria competenza, pensando prima di tutto ai lavoratori. Hanno fatto presidi, scioperi, mobilitazioni e si sono fidati delle promesse che sono state fatte loro. Oggi invece sono stati traditi dal Governo e si trovano di fronte a soluzioni confezionate in segrete stanze, senza condivisione e soprattutto lasciando incognite grandi come una casa sul loro futuro».

Commenti duri quelli del segretario regionale Calvano a cui si aggiungono le parole del capogruppo PD in Regione Stefano Caliandro.

«Il ministro Di Maio dice che sta dedicando giorno e notte per trovare una soluzione definitiva per rilanciare l’azienda, per dare garanzie. Eppure, cosa fa? Cerca soluzioni tampone all’estero che cancellano la storia di un’azienda che ha scandito l’evoluzione tecnologica dell’autobus italiano ed europeo dal 1919 a oggi. Di Maio e company hanno iniziato il mandato, riempiendo le pagine dei giornali e i social, con gli incontri con i lavoratori più deboli, i rider, ora non trovano nemmeno un minuto per parlare ai dipendenti di un’azienda storica del nostro territorio. Eppure, ad Industria Italiana Autobus in campagna elettorale aveva assicurato garanzie. Ora invece sotto gli occhi increduli di centinaia di lavoratori promette favole. Dalla Regione Emilia-Romagna continueremo a pretendere risposte per le famiglie coinvolte in questa crisi aziendale e soprattutto alziamo la voce contro un Governo di false promesse a cui chiediamo serietà».

A conferma dell’impegno nei confronti dell’ex Bredamenarini Calvano e Caliandro annunciano: «depositeremo un’interrogazione in Regione proprio per sostenere i lavoratori nella loro battaglia e proseguire il pressing al Governo per garantire un futuro concreto a questa azienda e a questo territorio e non favole e prese in giro».

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi