Home > IL QUOTIDIANO > Bruxelles Requiem
attentati-bruxelles

di Roberto Dall’Olio

Da adesso
le cose di prima
non esistono più
se sono esistite
non esistono più
Bruxelles
il cuore d’Europa
è fermo
la pioggia
scolora
l’arcobaleno
dei popoli
da adesso
le cose di prima
non esistono più
Bruxelles
il sogno
d’Europa
è smembrato
in blocchi
di terrore
il sogno
dell’Europa
libera
solidale
è sparito
nel buio
remoto
delle cose
di ieri
da adesso
non esistono più
Bruxelles
cuore incenerito
di tristezza
non possiamo cantare
le cose di prima
non esistono più
Bruxelles
i piedi
sul cuore
i piedi
non sono stranieri
i piedi
sono di genti
tue
che non ti riconoscono
più
non possiamo cantare
le cose di prima
non esistono più
Bruxelles
chi incendia
il tuo silenzio
con fiamme
di odio
nel fuoco dell’odio
chi strepita
di serrare
confini
terre
chiese
arido ha perso
il seme del pianto
adesso
è l’ora del pianto
da adesso
le cose di ieri
non esistono più
Bruxelles
nostro cuore
chi vuole
spezzare
la violenza
con la violenza
oggi tribale
non sa cosa sia
quella fila di salici
quella fila lunga
infinita fila
di salici
canti di cigni
piove quaggiù
da adesso
le cose di prima
non esistono più

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Poesie di strada
I continui autogol nella partita degli interessi sul debito
L’unione (europea) non fa la forza
Capitalisti, progressisti e populisti: il caso Aquarius e il duello tra l’Italia e l’Europa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi