Home > INTERVISTE > ALTRI SGUARDI > Buffa mette in scena lo sport “che porta speranza dove nessun altro arriva”

Buffa mette in scena lo sport “che porta speranza dove nessun altro arriva”

Acrobazie narrative che vanno – letteralmente – dalla terra alla Luna, quelle di Federico Buffa, cronista-storyteller che mercoledì 13 novembre 2019 ha intrattenuto una platea affollata di pubblico al Teatro Nuovo di Ferrara. “Il rigore che non c’era” è l’ultimo spettacolo teatrale del giornalista-narratore, tanto amato da chi segue le reti sportive di Sky. La narrazione prende l’avvio da vicende calcistiche romanzesche per poi diventare affresco storico, poetico, musicale. “Il rigore che non c’era” è qualcosa di più di un dettaglio sportivo. È piuttosto quell’evento, magari improvviso, che va a cambiare la storia di una partita; e, ampliando lo sguardo fin fuori dagli spalti, può essere anche quel fatto o quell’incontro, quasi sempre imprevisto e poco prevedibile, che cambia la storia di una vita.

Federico Buffa in scena con Marco Caronna ne “Il rigore che non c’era” (foto Luca Pasqualini)

Lo spettacolo di Buffa si apre con il racconto letterario di Osvaldo Soriano“Il rigore più lungo del mondo”. Il rigore è quello fischiato da Herminio Silva a favore della piccola squadra della Patagonia – l’Estrella Polar – che contende il titolo, l’ultima giornata di campionato, al glorioso Deportivo Belgrano.

Federico Buffa in una scena de “Il rigore che non c’era” (foto Luca Pasqualini)

Buffa comincia lo spettacolo così, con la palla bianca di cuoio appoggiata in un dischetto di luce al centro del palco, per andare a finire la narrazione salendo in cima al cielo, su quell’altra immensa palla chiara, che alla fine illumina lo schermo della sala. Perché il pallone e l’astro rotondi condividono la ricorrenza del cinquantenario di un anno cruciale: il 1969, che è quello dello sbarco sulla Luna, ma anche del millesimo gol segnato da Pelè.

E sulla Luna ci si arriva con un pezzo di storia dopo l’altro, con il supporto pure di musica e canzoni, da “La pianta del tè” di Ivano Fossati [clicca sul titolo per ascoltarla] a “Come è bella la luna” di Giorgio Conte [clicca sul titolo per ascoltarla]. Ad interpretare i brani ci sono Marco Caronna, che è anche regista, insieme con Alessandro Nidi al pianoforte e l’attrice-cantante Jvonne Giò.

Federico Buffa

Alessandro Nidi con Federico Buffa

Jvonne Giò nello spettacolo di Federico Buffa “Il rigore che non c’era” (foto Luca Pasqualini)

Le storie mettono insieme l’irruenza anticonformista di un capo di Stato come Winston Churchill, che testardamente decide di non firmare il patto di non belligeranza con la Germania nazista, fino alla consegna agli americani da parte dell’ingegnere Wernher Von Braun, una delle figure principali nello sviluppo della missilistica nella Germania nazista, che diventa poi risorsa strategica negli Stati Uniti, dove è ritenuto il capostipite del programma spaziale americano.

Jvonne Giò nello spettacolo di Federico Buffa “Il rigore che non c’era” (foto Luca Pasqualini)

Le acrobazie di narrazione epica di Buffa non dimenticano Nelson Mandela, che dopo gli anni di prigionia suggella l’unità del Sudafrica seguendo in tribuna la vittoria della Coppa del Mondo di Rugby nella storica finale di Johannesburg. Diventato presidente dello Stato sudafricano, al termine della partita è lui, nero, che scende in campo con la maglia verde della squadra per ricevere il trofeo dalle mani di François Pienaar, il capitano bianco degli Springbocks. Perché comunque, come Buffa fa notare citando le parole di Mandela, il bello è quando “lo sport porta speranza dove nessun altro arriva”.

Fotoservizio di Luca Pasqualini

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PER CERTI VERSI
La mia lotta col cancro
PER CERTI VERSI
Il calco leggero
Il boom degli indici di borsa e la distanza tra finanza e vita reale
PER CERTI VERSI
Ilia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi