1 Settembre 2014

L’OPINIONE
Buskers, una certa Ferrara sbraita e s’indigna poi getta la spugna con gran dignità

Raffaele Mosca

Tempo di lettura: 5 minuti

buskers

Puntuale come le piene del Nilo, che per secoli hanno fatto dell’Egitto il granaio del mediterraneo, anche quest’anno Ferrara è stata ‘sorpresa’ dall’invasione dei Buskers ed immancabilmente, come capita da 27 anni a questa parte, la città si è divisa. Come mossi da una forza aliena, i due schieramenti contrapposti si sono ricostituiti ed hanno ripreso a combattersi con foga immutata, rilanciandosi le stesse polemiche e gli stessi insulti. Come se nulla fosse cambiato, come se nulla cambi mai. Al di là dei torti e delle ragioni di ciascuno, su cui tornerò più avanti, questa battaglia all’ultimo insulto e senza esclusione di colpi è interessante perché consente di capire meglio l’animo dei ferraresi.
Fiumi di parole sono stati spesi per discutere dei caratteri degli italiani ed anche se questa analisi non può certo dirsi esaurita, mi sembra interessante provare ad identificare gli elementi che, oltre a quelli più generali, caratterizzano comunità più piccole e più omogenee dal punto di vista storico e culturale. E poiché siamo a Ferrara…
Dunque, il carattere dei ferraresi, che tutti quelli che arrivano in questa città, semmai avendo un po’ girato l’Italia, trovano subito diversi dai vicini emiliani doc (quelli cioè che vivono lungo l’asse della via Emilia), ma anche dai romagnoli. Per tacer dei veneti. Dicono più o meno tutti: gente cortese, ma riservata; generosa, ma anche diffidente e gelosa delle proprie abitudini. I primi a parlar male della loro città, ma poi guai se qualche “forestiero” si azzarda. Ossequiosi delle forme, dei ruoli sociali e delle convenzioni, ma di costumi assai liberi nella sostanza. Estremamente attenti alle mode, da ostentare durante lo struscio “in piazza”, perché qui più che altrove apparire e farsi vedere è importante.
A Ferrara ci si lamenta perché nulla cambia, per poi lamentarsi di più ad ogni timido tentativo di cambiamento. La politica non c’entra, o c’entra poco, perché qui si lamentano tutti: sia chi sostiene la parte politica che governa la città da 70 anni, sia chi inutilmente la osteggia. E’ come se noi ferraresi fossimo da tempi immemorabili assuefatti al declino lento ed inesorabile della nostra città – vissuto quasi come una maledizione, che ci porta a sminuire ed a guardare con sospetto quanto succede di nuovo. Perché ben altro ha da essere quello che dovrebbe arrivare.
Città d’arte e di artisti; soprattutto di artisti “andati via” a cercar fortuna, che la città regolarmente dimentica in fretta con indifferenza quasi sdegnosa. Perché Ferrara chiede ai suoi figli dedizione totale e non tollera il tradimento: ai transfughi al massimo si riserva un formale omaggio postumo.
E quando arrivano i musicisti di strada, con il solito contorno di maghi, clown, cartomanti, mangiafuoco e giocolieri, i ferraresi si dividono. Per alcuni è proprio un rifiuto: come per quei ciclisti che imperterriti si ostinano a voler passare in sella al fidato velocipede per le strade che percorrono ogni giorno. Fa nulla se sono intasate da centinaia di persone. Altri se la prendono con le tribù di saccopelisti o campeggiatori abusivi e le poche decine di sbandati (squatter, punkabbestia ed assimilati) che “puzzano”, sporcano e “fanno casino” fino a tarda notte; anche se c’è da dire che il fenomeno già da diversi anni appare in nettissimo calo. C’è poi chi dice che il ritorno economico per la città sarebbe pressoché nullo, anche se negozianti, ristoratori e baristi del centro non la pensano proprio allo stesso modo. Ci sono infine gli “intellettuali”, quelli per intenderci con abbonamento a vita a Ferrara Musica, che giudicano tanto cacofonico bailamme inappropriato per una città d’arte (poffare!).
Dall’altra parte, molti sono ferraresi d’adozione, ci sono invece quelli che di questa manifestazione colgono soprattutto l’allegria e la voglia di divertirsi delle migliaia di coloro che vi partecipano. L’occasione di conoscere altre persone. Anche la possibilità di ascoltare veri e propri artisti, strumenti inusuali e musiche tradizionali di luoghi lontani, come è il caso quest’anno con la Mongolia; ma per questo ci vuole un po’ di orecchio. Ora che le sagre e le feste di partito si sono da molto tempo trasformate in eventi interamente ritualizzati: ristorante, ballo, lotteria, bar e due bancarelle di merce varia, i Buskers a Ferrara sono quanto di più somigliante ad una festa antica si possa trovare in circolazione. La gente si muove, ascolta quello che gli capita o quello che è venuta apposta ad ascoltare, balla, chiacchiera, beve una birra, si siede su un marciapiede, mangia una piada: senza percorsi obbligati o tempi prefissati. Un fluire lento colorato e caotico di persone allegre che si mescolano, si perdono, si ritrovano e si perdono di nuovo. Una magia per i tantissimi bambini, che ballano felici e guardano con stupore la meraviglia fuori dallo schermo.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Raffaele Mosca

Raffaele Mosca

Ti potrebbe interessare:

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • Vertenza ex Gkn.
    Tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

  • Gli azzeccagarbugli servi dei padroni dell’energia

  • conchiglie mare sabbia

    PRESTO DI MATTINA
    Il pellegrino e la conchiglia

  • CHI TOCCA UNA TOCCA TUTTE

  • CI SIAMO ANCHE NOI …
    Save The Park, dove migliaia di uccelli hanno la loro casa

  • Cos’è la destra, cos’è la sinistra
    Il boomer, il ragazzo e il bambino senza memoria

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi