COMUNICATI STAMPA
Home > ALTRI SGUARDI > FERRARA, EUROPA > LA NOTA
Cafè Puškin, dove tutto è poesia

LA NOTA
Cafè Puškin, dove tutto è poesia

Shares

Cafe Puskin, Mosca, fotografia Simonetta Sandri

Nevica, quella candida neve leggera che, costante e paziente avvolgerà presto tutta la città, accarezzerà i suoi parchi e giardini eleganti, ammantando tetti e cortili. Un vento frizzantino sfiora alberi e guance, mentre luci di ogni colore avvolgono tronchi e antichi palazzi. I pensieri sono lievi e lontani. Siamo sul viale Tverskoy. Improvvisamente eccoci davanti a una cascata cristallina, quasi di puri, lucenti e trasparenti diamanti, sembra di avere davanti un castello delle favole, vi entriamo piano piano, con rispetto e timore quasi reverenziale, accolti da un educato cameriere che ci accoglie dall’alto della sua bella livrea sfolgorante color melagrana. Se fuori sembra tutto luce e fatto di sola luce, dentro ci accoglie un’illuminazione delicata e soffusa. C’è musica, in sottofondo, le note di un’arpa delicata e di un flauto leggero. Gli occhi vanno coccolati, la mente lasciata libera. L’atmosfera è incantata, ci si sente una bella principessa, anche in assenza del principe azzurro lontano. Tutto è imperioso, maestoso, elegante, sfolgorante, accogliente. Oggetti antichi, come librerie, volumi, cannocchiali e mappamondi affascinano subito e riportano ad altri tempi solenni, quelli magici, quelli fastosi e letterari. Più di 50 anni fa, quando il noto chansonnier francese Gilbert Bécaud si esibì a Mosca, al suo ritorno a Parigi scrisse la canzone Nathalie, dedicata alla sua guida russa, e raccontò di una cioccolata al Cafè Puškin.

Cafe Puskin, Mosca, fotografia Simonetta Sandri


La Piazza Rossa era vuota / Davanti a me marciava Nathalie / Aveva un nome carino, la mia guida / Nathalie. La Piazza Rossa era bianca /  La neve faceva un tappeto /  Ed io seguivo per quella fredda domenica / Nathalie / Parlava in frasi sobrie / Della rivoluzione di ottobre /  Io pensavo già /  Che dopo la tomba di Lenin /  Si poteva andare al Cafè Puškin /  A bere una cioccolata. /
(…) Niente più domande su frasi sobrie /  Né della rivoluzione di ottobre /  Non eravamo più là. / Finita la tomba di Lenin /  La cioccolata da Puškin /  Era già lontano. / Ora la mia vita mi sembra vuota /  Ma so che un giorno a Parigi /  Sarò io a servirle da guida / Nathalie

gilbert-becaud-nathalie-la-voce-del-padrone

La canzone divenne molto popolare in Francia, ma pochi sapevano che quel caffè non esisteva, che si trattava di una fantasia poetica del cantautore. Ma sarà più tardi quella stessa canzone a ispirare Andrei Stellos, un artista e restauratore franco-russo che aprì il Cafè Puškin, il 4 giugno 1999, sul viale Tverskoy, luogo caro al poeta da cui prese il nome. All’inaugurazione, lo stesso Bécaud cantò la sua ormai famosa Nathalie (senti). Questo luogo è ormai una leggenda, ospitato in un palazzo risalente alla fine del XVIII secolo, voluto da un nobile al servizio di Caterina la Grande, che qui si trasferì dopo interventi di architetti italiani.

Cafe Puskin, Mosca, fotografia Simonetta Sandri

Al piano terra vi era una farmacia (che oggi ne mantiene il nome), dove i clienti, in attesa della preparazione della loro medicina o pozione miracolosa, potevano gustare bevande, the, caffè o cioccolata calda. Vi sono specchi, stucchi e soffitti, tutto delicatamente affrescato ed elegantemente dipinto. I soggetti dei soffitti arrivano dal mondo della mitologia: Leda e il cigno, Apollo e le Muse, Pegaso e Perseo, Atena e Afrodite. Ci sono orologi a pendolo, globi, microscopi, porte con griglie di bronzo, copie di statue egizie del British Museum. Il bancone della farmacia è ben conservato, alle sue spalle antiche e preziose porcellane, vasi, bottiglie dalle iscrizioni latine, che, ancora una volta, ricordano pozioni, essenze, lozioni e tinture delle favole. Ci sono anche molti oggetti interessanti che ricordano i progressi tecnologici del XX secolo, come una macchina da scrivere made in Amburgo, una teiera inglese, tazze da cioccolato o un cavatappi. Busti di grandi filosofi del passato salutano il visitatore: sono Diderot, Seneca, Voltaire, Molière, Lomonosov, Socrate e Cicerone a dare il benvenuto.

Al piano superiore ci accoglie la libreria e il suo mezzanino, l’ambiente più sofisticato, con oltre tremila volumi che vanno dal XVIII al XX secolo. La letteratura russa è rappresentata da Pushkin, Gogol, Belinsky, Turgenev, Saltykov-Shchedrin, Leskov, Tolstoy, Fet, Derzhavin, Zhukovsky, Chekhov e Dostoevsky, quella inglese da Shakespeare, Dickens, Scott e Moore, la francese da Rousseau, Diderot, Maupassant, Voltaire e Montesquieu, l’italiana da Dante e Petrarca, la tedesca da Goethe, Heine, Schiller e Hegel. Ci sono tutti gli ingredienti per una splendida serata. Credetemi, è un ambiente davvero incantato, dove ci si perde facilmente fra le parole dei libri, la musica delicata, l’eleganza della clientela, l’incanto di un’atmosfera d’altri tempi. Ovviamente gustando cibo delicato tipicamente russo. La porta d’entrata, avvolta in cristalli di neve, annunciando magia, non ha mentito. Nulla qui vi deluderà. Parola di scout.

Cafe Puskin, Mosca, da sito web

Cafe Puskin, Mosca, da sito web

Cafè Puškin, Viale Tverskoy, Edificio 26-A, Mosca, http://cafe-pushkin.ru/

(Le foto del Cafe Puskin, Mosca sono di Simonetta Sandri)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
BORDO PAGINA
Mariella Valdiserri, Il clan di Giano e altri racconti (Armando editore, 2018, Libri illustrati)
La prima neve
C’era una volta il vento della pace
La Russia post-sovietica in mostra

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi