19 Dicembre 2018

Il Natale nel profondo Nord

Liliana Cerqueni

Tempo di lettura: 5 minuti

Il Natale è profondamente legato alle immagini tipiche del Nord, con le conifere che riposano sotto manti nevosi, le finestre illuminate nel lungo buio della giornata, il silenzio della natura e della fauna, il mare ghiacciato, quasi immobile nei fiordi, il rallentare degli esseri umani che si rifugiano al caldo di un camino, lontani dal rigore del freddo.

E il sapore del Natale emerge in tutta la sua intensità dalla penna di una grande scrittrice svedese, Selma Lagerlȍf (1858-1940), un’autrice d’altri tempi, ma sempre magicamente attuale. Una maestra di scuola elementare, che a 33 anni balza agli onori della letteratura con il suo primo romanzo, ‘La saga di Gȍsta Berling’, ritenuto uno dei capolavori della letteratura europea, pubblicato il giorno di Natale del 1891 a Stoccolma. Marguerite Yourcenar definì l’autrice “la più grande scrittrice dell’Ottocento” e quest’opera “un libro che brucia di un’immaginazione ardente, uno dei romanzi su cui costruiamo i castelli imperituri del sogno e della fantasia”. Selma Lagerlȍf fu la prima donna alla quale venne assegnato, nel 1909, il Premio Nobel per la letteratura con il quale la scrittrice riscattò e ristrutturò la casa di famiglia, venduta per un dissesto finanziario del padre. La medaglia d’oro del riconoscimento, fu da lei donata ai combattenti svedesi all’inizio della Seconda Guerra mondiale. Un personaggio molto amato, Selma, la cui effigie compare sulle banconote da 20 corone svedesi e a cui è stato perfino intitolato l’asteroide Lagerlȍf.

Esistono due opere, di questa originale e fantasiosa scrittrice, che accompagnano il Natale: ‘La notte di Natale’ e ‘La leggenda della rosa di Natale’. Nella prima raccolta di racconti, l’autrice attinge a fiabe svedesi, miti, leggende e perfino vangeli apocrifi, racconti raccolti nei suoi viaggi in Italia e in Oriente. Nelle sue storie convivono l’Impero di Augusto, la Giudea, Erode e Pilato, la regina di Saba e re Salomone, le crociate di Gerusalemme e la Firenze di Dante, un carosello vivace di vicende e narrazioni in un continuo entrare e uscire dai meandri della fantasia e le sottili pieghe dell’animo umano. Perché sono proprio le condizioni dell’animo umano che appassionano la Lagerlȍf e costituiscono le fondamenta del suo raccontare. Storie che attingono a epoche diverse, ma amalgamate sapientemente e rivisitate con grande abilità. Novelle poco ortodosse e molto moderne che dimostrano come la capacità narrativa non conosca confini spazio-temporali. In ‘La notte di Natale’ la vecchia Sibilla dal Campidoglio vede nascere in Palestina un bambino che cambierà il mondo; i tre Re Magi seguono la stella cometa come poveri emarginati e scoprono che la felicità non è nell’oro, nell’incenso o nella mirra; Tiberio, colpito dalla lebbra a Capri intraprende un lungo viaggio per raggiungere Gesù e chiedere la guarigione; Raniero de’ Pazzi porterà grandezza a Firenze e San Pietro in Paradiso, protesta per la sofferenza nel mondo. Gesù è il punto di partenza, gli uomini i veri protagonisti nel loro mondo dissestato in cui non può mancare la speranza, la solidarietà, l’amore. Novelle che invitano a distogliere gli occhi dalla terra per rivolgere uno sguardo al cielo e chiedere al cielo che non ignori la terra.

Nella seconda raccolta di novelle, ‘La leggenda della rosa di Natale’, è il paesaggio che fa da sfondo e rende affascinanti le vicende. Una foresta innevata che si trasforma a Natale in un meraviglioso giardino; impervie montagne che rivelano miniere d’argento; anime perdute tra le distese di ghiacci eterni, sorvegliate e accudite da una vecchietta abbandonata che non si rassegna alla solitudine. In questi racconti c’è tutta l’anima della Svezia, con le sue antiche tradizioni, le fiabe tramandate di generazione in generazione a lume di candela nelle lunghe notti nordiche. Un vecchio abate fa nascere un fiore nel buio inverno del Nord, una giovane che perde il suo amore in mare, lo porta in vita nei sogni, il violinista presuntuoso impara l’umiltà dalla musica di un ruscello. Una continua indagine dell’animo umano, dei sentimenti, dei valori, che non ha mai, in tutti i racconti di Selma Lagerlȍf, un “…e vissero felici e contenti”. Il lieto fine, semmai, è segnato da una redenzione, una sofferta conquista, l’accettazione del limite, il superamento di una paura, la fiducia ritrovata. Ma nonostante quella vena di realismo che troviamo nei suoi libri, chissà cosa scriverebbe Selma Lagerlȍf oggigiorno, osservando fatti e avvenimenti della nostra epoca con atteggiamento indagatore: chissà se le piacerebbe lo sguardo tra le donne per le quali il Natale significa un altro giorno di violenze, oppure i senzatetto costretti per strada tra l’indifferenza dei passanti o tra le tante manifestazioni di una società arrabbiata, incattivita, vendicativa e ancora, tra fatti di cronaca di ogni genere che lasciano ben poco spazio a fantasia e freschezza narrativa.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Liliana Cerqueni

Autrice, giornalista pubblicista, laureata in Lingue e Letterature straniere presso l’Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano. E’ nata nel cuore delle Dolomiti, a Primiero San Martino di Castrozza (Trento), dove vive e dove ha insegnato tedesco e inglese. Ha una figlia, Daniela, il suo “tutto”. Ha pubblicato “Storie di vita e di carcere” (2014) e “Istantanee di fuga” (2015) con Sensibili alle Foglie e collabora con diverse testate. Appassionata di cinema, lettura, fotografia e … Coldplay, pratica nordic walking, una discreta arte culinaria e la scrittura a un nuovo romanzo che uscirà nel… (?).
Liliana Cerqueni

Ti potrebbe interessare:

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi