Home > COMUNICATI STAMPA > Camera di commercio: 97 le assunzioni a tempo indeterminato messe a segno dal bando promosso insieme ai comuni della provincia

Camera di commercio: 97 le assunzioni a tempo indeterminato messe a segno dal bando promosso insieme ai comuni della provincia

Da: Organizzatori
97 (55 uomini e 42 donne) le assunzioni – a tempo indeterminato – messe a segno dal Bando multidisciplinare per lo sviluppo e la competitività promosso dalla Camera di commercio e dai Comuni della provincia in stretta collaborazione con le Associazioni economiche e le Organizzazioni sindacali. È il bilancio, davvero incoraggiante, reso noto dall’Ente di Largo Castello che già annuncia, per bocca del suo presidente, Paolo Govoni, che la Giunta camerale valuterà ogni possibile soluzione al fine di poter rispondere positivamente alle tante richieste di imprenditori ferraresi escluse dalla procedura per esaurimento delle risorse disponibili.

“Abbiamo compiuto una precisa scelta di valori e di priorità – ha dichiarato il presidente della Camera di commercio di Ferrara – e tra i primi posti di queste priorità c’è il lavoro. Il lavoro è essenziale per integrarsi pienamente nella società, per vivere a testa alta nella propria comunità. Non è modernità quella che immagina lo sviluppo come inevitabile creazione di fasce di emarginati, di territori di esclusi, di aree di dimenticati. Guardando al nostro Paese – ha proseguito Govoni – lo sviluppo sostenibile è l’obiettivo al quale bisogna tendere. La sostenibilità non riguarda soltanto i necessari equilibri dell’ambiente ma sostenibile è una crescita che include, che rafforza la coesione nella società, che riduce le diseguaglianze e che allarga la rete della integrazione e della cooperazione”.

13, delle 97 assunzioni messe in cantiere dalle imprese ferraresi, riguardano giovani tra i 18 e i 29 anni, chiamati dunque a fare la propria parte e ad inserirsi nel mondo del lavoro con opportunità adeguate alle loro qualifiche e aspirazioni. “Tanti, troppi ragazzi – ha concluso il presidente della Camera di commercio – lasciano la nostra provincia per necessità e non per scelta. Siamo consapevoli che è una enorme ricchezza la mobilità dei giovani, il loro sentirsi cittadini italiani ed europei, la loro voglia di conoscere e di costruire amicizie con coetanei di altri Paesi, utilizzando quello strumento straordinario che è la libera circolazione delle persone. Ma in questo scambio di umanità e di intelligenze, Ferrara non deve impoverirsi”.

Proseguono, intanto, le attività della speciale Task force di comunicazione istituita da Camera di commercio ed associazioni di categoria con l’obiettivo di agevolare il più possibile gli imprenditori ferraresi nell’ottenimento dei finanziamenti previsti dal Bando dell’Ente di Largo Castello per la diffusione della cultura e della pratica digitale. Fino a 10mila euro a fondo perduto per introdurre nelle aziende soluzioni per la manifattura avanzata e additiva, la sicurezza informatica, sistemi di e-commerce e di pagamento mobile, la fidelizzazione della clientela, l’automazione dei processi e, per la prima volta, l’acquisto, nel limite massimo del 50% delle spese ammissibili, di beni e servizi strumentali al progetto di innovazione.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi