Home > COMUNICATI STAMPA > Canapa: serve più ricerca colturale e maggiore chiarezza legislativa

Canapa: serve più ricerca colturale e maggiore chiarezza legislativa

Da: Ufficio stampa e comunicazione Cia – Agricoltori Italiani Ferrara

Buona la partecipazione al convegno organizzato da Cia Ferrara a Portomaggiore. Grande
interesse per la coltura, nonostante la poca chiarezza legislativa e scarse scelte varietali

Grande interesse e partecipazione, con agricoltori provenienti da tutta la regione, al convegno
organizzato da Cia – Agricoltori Italiani Ferrara in collaborazione con la società C-Led (Gruppo Cefla), dal
titolo “La canapa: nuove opportunità di coltivazione”, che si è tenuto lo scorso 4 dicembre a Portomaggiore
(Fe). Un incontro informativo per conoscere le ultime novità legislative e colturali e capire se conviene
investire su questa coltura che dominava l’agricoltura delle campagne italiane cinquant’anni fa.
Ad aprire l’evento Massimo Piva, vicepresidente di Cia Ferrara, che ha spiegato gli obiettivi di un
convegno proprio sulla canapa. “Questo incontro – ha spiegato Piva – risponde a una richiesta arrivata dai
nostri associati, che hanno mostrato curiosità e interesse nei confronti di una possibilità produttiva
“nuova”. D’altra parte nel ferrarese ci sarebbero il clima e il terreno adatto e c’è già un certo know-how
sulla coltura, che alcuni imprenditori stanno già coltivando. L’obiettivo della nostra associazione non è
quello di promuoverla, ma di capire, grazie alla presenza di esperti, se può essere un’alternativa reddituale
in un momento di crisi delle principali produzioni, penso ad esempio alla barbabietola da zucchero.”
Nel corso dell’incontro il prof. Giampaolo Grassi del CREA-CIN (Centro di ricerca di Cerealicoltura e
Colture Industriali) di Rovigo – uno dei pochi centri dove si fa ricerca sulla canapa – ha spiegato quali sono
difficoltà e potenzialità della coltura. “A livello legislativo due leggi, una del 2014 e una del 2016, hanno
reso la canapa coltivabile a livello vivaistico e non viene più considerata una sostanza stupefacente in
senso stretto – ha spiegato il ricercatore – a patto, naturalmente, che il livello di THC – il principio attivo
della Cannabis prodotto dal fiore ad azione stupefacente e quindi illegale – rimanga ad un livello dello
0,2%, con una tolleranza fino allo 0,6%. Altre limitazioni riguardano la ricerca varietale, perché le aziende
private non possono lavorare per selezionare nuove varietà, e attualmente si possono utilizzare solo quelle
certificate, che in Europa sono una cinquantina e in Italia circa nove, nessuna delle quali è davvero adatta
a produrre fiori, la parte della canapa che il mercato richiede maggiormente. Ma questo non significa che
non si possa coltivare canapa in Italia. Perché – continua Grassi – le nostre varietà ammesse hanno un
buon contenuto di CBD (cannabidiolo), uno dei metaboliti della Cannabis che ha incredibili effetti
terapeutici, e può essere usato come antinfiammatorio, antistress, e pare abbia effetti positivi contro
morbo di Parkinson, Alzheimer e tumori. Il cannabidiolo viene pagato molto bene, quindi potrebbe essere
remunerativo per le aziende, ma bisogna porre comunque molta attenzione alla quantità di THC per non
produrre, ovviamente, canapa considerata illegale. A livello produttivo la canapa è una coltura rustica che
si adatta facilmente e somiglia alla coltivazione del pomodoro. Il problema sono i costi delle piantine che
si trovano anche selezionate – separate dai maschi perché sono le femmine quelle produttive – ma possono
arrivare a costare anche 3-4 euro ciascuna, e con una densità consigliata di circa 20.000 piantine per
ettaro, possiamo tranquillamente parlare di considerevoli costi di impianto. Speriamo – ha concluso Grassi
Via Bologna 592/A – Chiesuol del Fosso – Ferrara FE – tel. 0532-978550 || stampaferrara@cia.it || www.ferrara.cia.it
– che ci sia presto più chiarezza legislativa e una maggiore attenzione per la ricerca, che andrebbe
concessa alle aziende sementiere, per immettere sul mercato varietà più produttive, che rispondano
maggiormente alle richieste di mercato”.
Un aiuto prezioso per la coltivazione della canapa e delle altre specie florovivaistiche arriva da un innovativo
uso della luce, come ha spiegato Mirco Berti, tecnico della società C-Led (Gruppo Cefla).
“Quando il sole non può attivare la fotosintesi, viene naturalmente utilizzata nelle serre la luce artificiale –
spiega Berti – ma non tutte le luci sono uguali. Le lampade tradizionali, da quelle a fluorescenza, fino a
quelle al sodio (HPS), comunemente utilizzate nel florovivaismo, hanno uno spettro statico che non
individua i colori, e sono solitamente concepite per la risposta dell’occhio umano non delle piante, che
reagiscono alla luce nella regione dello spettro del rosso e blu. Le lampade al led, invece, hanno uno
spettro dinamico con lunghezze d’onda diverse che agiscono sulla clorofilla e, quindi, contribuiscono al
miglior sviluppo della pianta. I led, inoltre, sono efficienti, durano a lungo e sono di piccole dimensioni e
quindi non ombreggiano le piante. La loro efficacia è stata provata anche sulla canapa, su due installazioni
sperimentali dove abbiamo ottenuto buoni risultati con la lo spettro rosso-blu per incrementare la fioritura
e la dimensione fogliare”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi