Home > COMUNICATI STAMPA > Canile: l’amministrazione si fermi un attimo

Canile: l’amministrazione si fermi un attimo

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Ufficio Stampa Canile

Canile: l’amministrazione si fermi un attimo. I consiglieri comunali Bertolasi e Fiorentini chiedono dialogo e trasparenza.

“Canile: l’Amministrazione si fermi un attimo”. Chiedono di riflettere meglio sulla questione Canile e bando di affidamento i consiglieri comunali Davide Bertolasi (PD) e Leonardo Fiorentini (indipendente SI) rivolgendosi ad Assessora e Amministrazione per provare ad evitare “salti nel buio”. “Da un lato – dichiarano in una nota congiunta i due consiglieri – dobbiamo impedire sofferenze ai cani (sui quali pende il rischio del trasferimento), dall’altro garantire di mantenere una gestione che permetta agli ospiti della struttura comunale una vita dignitosa rispettando i diritti degli animali. In assenza di un’associazione locale del volontariato disponibile a farsi carico degli ulteriori costi evidenziati in questi anni, si rischia di aprire la strada a soggetti privati interessati più al lucro che ai diritti dei cani ospiti della struttura.”

“E’ necessario – continuano i consiglieri -un percorso di dialogo con gli attuali gestori (l’associazione AVEDEV) per capire meglio la struttura dei costi dell’attuale gestione, di come eventualmente migliorarla per renderla sostenibile e se necessario per capire come trovare nuove risorse pubbliche. Va convocata la consulta delle associazioni animaliste dopo questo confronto e comunque prima della pubblicazione deI bando in un’ottica di trasparenza. Un bando che se necessario dovrà garantire, a chiunque se lo aggiudichi, le risorse necessarie a mantenere la buona qualità di vita degli animali da un lato ed il rispetto dei diritti dei lavoratori dall’altro.”

“Quando abbiamo presentato l’emendamento – ricordano Bertolasi e Fiorentini – che ha garantito nuove risorse al canile (votato da PD e Sinistra Italiana, val la pena di ricordare ancora una volta) eravamo ben consci che a quelle risorse sarebbero dovuto aggiungersene almeno altrettante a carico del gestore, che del resto non ha mai lesinato impegno per raccogliere fondi a sostegno dell’attività del canile e per questo va ringraziato ancora una volta. E’ anche comprensibile che dopo molti anni di crisi (anche delle donazioni), si faccia fatica a reggere il passo. L’amministrazione non può far finta di niente e andare avanti a occhi chiusi rischiando di buttare all’aria oltre 30 anni di virtuosa gestione del canile comunale.”

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi