COMUNICATI STAMPA
Home > ACCORDI - il brano della settimana > Car**mba! Che sorpresa
Tempo di lettura: 3 minuti

Mai e poi mai avrei immaginato dei Servitori dello Stato protagonisti di un caso di cronaca di questo livello.
Io ero convinto che fossero tutti come li si vede in tv tipo Nino Frassica o Manuela Arcuri.
Quando mi raccontavano di qualche Servitore dello Stato che infilava coltelli e/o pezzi di fumo in tasca a qualche ragazzino solo per fargli fare un giro in macchina io sono sempre stato scettico e/o convinto di una cosa, proprio come Homer Simpson in quella scena: MELE MARCE.
E se la vita ti ha dato delle mele marce tu prendi allora un bel coltellino e inizi a praticare delle incisioni così da estirpare l’estirpabile e fare una bella marmellatina con quel che rimane.
Magari ci inventi poi una bella barzelletta da aggiungere al nutrito catalogo che da chissà quanti anni ormai fa ridere grandi e piccini qui, in questo bel Paese.
Mettendo però da parte il mio affetto per questi Servitori dello Stato – ci tengo a precisare che è solo per le barzellette – crescendo, ho smesso di chiedermi a cosa serve quella riga rossa che hanno sui pantaloni per passare a chiedermi a cosa possa servire oggidì una forza di polizia già autoinfangatasi – in modo per me indelebile – ai tempi del Golpe Piano Solo.
Sarò io che sono paranoico ma forse, come disse un altro Servitore dello Stato, “tutto ha una fine”, proprio come il compact disc, “la Prova del Cuoco”, la tv col tubo catodico, la carriera sciistica di Tomba la bomba, “Carràmba! Che sorpresa” e chi più ne ha più ne metta.
Non so se questa storia metterà fine a tutti questi anni di carrambate ma forse a questo punto sarebbe il caso di metterci una pezza una volta per tutte.
In fondo ci fanno da anni una testa così con “l’unificazione dei due rami del Parlamento” e forse – chi lo sa – magari – in questo strano 2020 – avrebbe più senso snellire/unificare/tagliare qualcos’altro.
Io sono certamente un povero stronzo (e le mie possono sembrare farneticazioni buone giusto come scusa per mettere di nuovo su gli Impact mentre scrivo queste righe) ma è interessante notare che parole con un tono abbastanza affine al mio vengono anche da persone molto più amiche delle guardie (cit.) di me.
Ma vabbé, buona settimana.

Eroi (Impact, 1984)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Credo negli esseri umani…
Maria Fragolina
Come dormire bene (metodo infallibile)
Il polacco

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi