COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Cedimento dell’argine
Tempo di lettura: 3 minuti

Da: Confagricoltura

Confagricoltura Ferrara sul cedimento dell’argine:
“basta rincorrere le emergenze, dobbiamo prevenire”
La falla di 15 metri che lo scorso sabato si è aperta sull’argine del Canale Navigabile, allagando la campagna tra Migliarino ed Ostellato, è solamente l’ultimo dei disastri annunciati dagli agricoltori. A Confagricoltura Ferrara si registrano i danni delle Aziende associate; a subire l’allagamento la società agricola Bruni Andrea e Riccardo e le Aziende Agricole Bruni Roberto e Massimo, e Rizzo Antonio. “Non se ne può più, basta rincorrere le emergenze e mai prevenire! La colpa è delle nutrie e delle tane di volpi, ma anche dell’incuria. Sa quanto costerà il ripristino dell’arginatura e quanto il costo sarebbe stato inferiore se si fosse provveduto a mantenere puliti gli argini e quanti rovi si potevano trinciare?” – Queste le dichiarazioni dei titolari della Società Bruni Andrea e Riccardo, azienda di 50 ettari dei quali ben 16 allagati da almeno 40 cm di acqua, coltivati a erba medica e mais. La società Agricola comprende un allevamento di suini, di bovini e l’annessa rivendita carni. “Sono un coadiutore – prosegue Andrea – troppe sono le limitazioni che impediscono il nostro operato, inoltre l’incuria ha creato negli anni una vera foresta di alberi e di rovi, impedendo i sopralluoghi per l’individuazione delle tane. Sabato è stato difficile trovare la rottura dell’argine e quasi impossibile arrivare sul posto per intervenire con immediatezza. Nel primo mattino abbiamo visto che tutti i canali cominciavano a tracimare, così abbiamo avvisato il Consorzio di Bonifica; alle 15 è arrivato l’escavatore e, tra mille pericoli, è riuscito a farsi strada e creare un varco, ripulendo la vegetazione per circa 200 metri per poter arginare la falla. Appena in tempo per salvare l’allevamento, infatti in tarda serata l’acqua era arrivata a lambire le nostre porcilaie. Gli argini vanno bonificati e mantenuti puliti, oggi si può parlare di soli danni, peraltro ancora non quantificabili, ma il pericolo poteva essere ben più grave. Tutto il personale della Bonifica si è adoperato fin dal primo mattino, provvedendo all’abbassamento del livello dell’acqua facendola defluire nei canali; ora serve che le Istituzioni competenti si attivino per garantire la messa in sicurezza degli argini del Canale Navigabile”. “Abbiamo avuto l’ulteriore conferma del fatto che occorre attuare immediatamente un efficace piano di contenimento della nutria”. Lo afferma il Direttore di Confagricoltura Ferrara, che prosegue, “Le attuali disposizioni del piano regionale di controllo non sono sufficienti a debellare una piaga che sta flagellando il nostro territorio, mettendo a rischio non solo le produzioni agricole, ma soprattutto l’incolumità di tutti quei lavoratori autonomi e dipendenti che quotidianamente rischiano la vita alla guida dei loro mezzi meccanici, a causa delle gallerie che le nutrie scavano compromettendo la tenuta delle arginature dei corsi d’acqua. Occorre che vengano attivate risorse sufficienti per mettere in sicurezza i nostri corsi d’acqua e per attenuare il fenomeno della diffusione della popolazione della nutria, prima che sia troppo tardi”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi