5 Giugno 2020

FERRARA: PARTONO I CENTRI ESTIVI

COMUNE DI FERRARA

Tempo di lettura: 7 minuti

Da: Organizzatori

Lunedì 8 giugno 2020 si parte con la formazione a insegnanti, operatori e famiglie, per martedì 9 giugno sono in programma i test sierologici, dal 10 si comincia l’allestimento degli spazi delle scuole e da lunedì 15 giungo via libera alle attività con i bambini. Tutto nel massimo rispetto dei protocolli sanitari e della sicurezza. Questo, in sintesi, il crono programma per i Centri estivi comunali di Ferrara..

“Ripensare interamente un servizio storico e consolidato alla luce delle nuove esigenze è stata una sfida importante, raccolta con entusiasmo e responsabilità da tutti per far fronte alle necessità di supporto espresse dalla comunità, in particolare dalle famiglie del territorio – ha sottolineato l’assessore alle Politiche Sociali, Cristina Coletti, che si è occupata del progetto -. Abbiamo dovuto mettere insieme due aspetti non semplici da conciliare: il bisogno di ricreare la socialità dei più piccoli dopo mesi di isolamento e l’esigenza di tutelare il lavoro delle tante educatrici ed educatori impiegati nelle attività. Per questo abbiamo ritenuto necessario partire con una prima settimana dedicata alla formazione di tutti i partecipanti, a partire dagli operatori per arrivare alle famiglie, che fruiranno di un servizio diverso da quello che hanno sempre conosciuto. Già da domani cominceranno i contatti con i genitori che verranno chiamati per calendarizzare appuntamenti e attività”.

Dopo lo stop dettato dalla pandemia, grazie all’input arrivato dal Tavolo Ferrara Rinasce convocato dal sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, in città ha preso il via un intenso lavoro di riprogettazione dell’offerta che ha visto coinvolti, dopo la sottoscrizione di un protocollo di intenti in data 13 maggio 2020 e attraverso un Comitato e un Tavolo operativo, il Comune di Ferrara, le cooperative afferenti a Legacoop e Confcooperative e i rappresentanti delle sigle sindacali di Funzione Pubblica Cgil, Cisl e Uil, oltre alle cooperative sociali del Consorzio Res (che gestisce i Centri Estivi del comune in convenzione), Cidas, Il Germoglio, Le Pagine e Serena.

“Il confronto e la condivisione hanno consentito di predisporre tutto quanto necessario per tornare ad accogliere i bambini, i ragazzi e le loro famiglie, e per consentire ad educatrici ed educatori di riprendere il lavoro in sicurezza prima possibile”, ha aggiunto Coletti .

Il Comune di Ferrara ha messo a disposizione 150 posti al mese per i Centri Ricreativi Infanzia dedicati alla fascia 3-6 anni, e 170 posti al mese per i Centri Ricretivi Educativi rivolta alla fascia 6-14 con ulteriori posti aggiuntivi per i bambini e ragazzi disabili. Il numero di posti è quello massimo raggiungibile per l’anno in corso, in applicazione alle nuove disposizioni sanitarie, che hanno sensibilmente ridotto il rapporto numerico tra educatori e bambini (un educatore ogni cinque bambini nella fascia 3-5 anni, un educatore ogni sette bambini nella fascia 6-11 anni, un educatore ogni 10 nella fascia adolescenti), al fine di contenere e contrastare la diffusione del virus, prevedendo nei casi di fragilità anche il rapporto uno a uno. Le domande di iscrizione pervenute all’Istituzione scolastica sono: Cri giugno 246, Cri luglio 222, Cre giugno 198, Cre luglio 229.Ai posti messi a disposizione dai Centri Estivi comunali si aggiungono le disponibilità delle realtà private e cooperative con le quali il Comune ha condiviso il progetto.

I plessi utilizzati per il Centri Estivi comunali sono: Infanzia Mille Gru, Infanzia Neruda, Infanzia Satellite, Scuola Primaria Manzoni, Infanzia Aquilone, Infanzia Le Margherite, Scuola Secondaria Cosmè Tura, Scuola Primaria Villanova, Infanzia Ponte, Infanzia Casa del Bambino, Infanzia La Mongolfiera , Scuola Primaria Poledrelli, Infanzia Pacinotti, Infanzia Gobetti, Scuola Primaria Bruno Ciari , Scuola Primaria E. Mosti.

Ecco cosa prevede, nel dettaglio, il crono programma:

1) Tra 8 e 10 giugno: entrata del personale nei plessi con formazione specifica sulla sicurezza sanitaria e l’utilizzo degli spazi e delle attrezzature

2) 9 giugno: screening sierologico al personale su base volontaria

3) tra il 9 e l’11 giugno collettivi di formazione sul progetto educativo e pedagogico, con allestimento degli spazi e dotazioni

4) tra il 9 e il 17 giugno: video riunioni con i gruppi di famiglie (36 incontri in totale) per illustrare e condividere il nuovo approccio al servizio

5) tra il 10 e il 18 giugno: incontro con genitori in plesso in condizioni di sicurezza per consegna documentazione necessaria all’iscrizione

6) a partire dal 15 giugno avvio delle attività in presenza con i bambini

Particolare rilevanza assumerà per i Centri Estivi 2020 la gestione degli aspetti sanitari e di rapporto interpersonale. Ecco elencati alcuni dei principali punti di attenzione, che saranno oggetto della formazione del personale e delle famiglie.

1) L’accoglienza: il triage, come previsto dalla regione, prevede che i bambini vengano lasciati dai genitori al punto di accesso e che ognuno di loro si sottoponga a sanificazione scarpe e lavaggio mani

2) Durante le attività particolare attenzione sarà posta al lavaggio mani o in alternativa all’uso di gel appositi

3) La sanificazione degli ambienti è prevista due volte al giorno. A seconda della tipologia dei locali potranno essere utilizzati sistemi di refrigerazione (solo se sterilizzati), ma non con ricircolo d’aria

4) Il pranzo verrà organizzato in spazi separati, garantendo il mantenimento di una distanza tra i bambini, e la ventilazione costante del locale adibito

5) Per il riposo è previsto l’uso di brandine lavabili (settimanalmente) con il rispetto della distanza tra i lettini e l’uso di lenzuoli bianchi lavabili in struttura a 90° con varechina

6) I giochi saranno utilizzati, puliti e sanificati, come da indicazioni regionali

7) In caso di presenza di sintomi è necessaria l’individuazione di una zona riservata di isolamento fino alla consegna ai genitori, l’utilizzo di un kit di sicurezza per l’operatore, e il rientro del soggetto (bambino o adulto) esclusivamente con certificato medico

8) Uso della mascherina è obbligatorio per gli operatori che possono toglierla per ristoro se stanno mantenendo azione di vigilanza

9) Per ogni altro aspetto non specificato fanno fede le indicazioni regionali.

Anche Legacoop e Confcooperative intervengono sull’avvio delle attività.

“La collaborazione seguita alla sottoscrizione del Protocollo tra le parti, come da noi suggerito durante il tavolo Ferrara Rinasce, ha dato una risposta tempestiva e concreta al bisogno delle famiglie di avere in tempi rapidi servizi educativi e ricreativi per i propri figli, indispensabili in questa fase di ripartenza. Il nostro ringraziamento va alle cooperative sociali che, a seguito della firma del Protocollo, si sono immediatamente attivate per progettare proposte che garantiscano ai bambini, alle operatrici e agli operatori di poter svolgere le attività nel pieno rispetto delle misure di sicurezza anti Covid. Grazie alla cooperazione sociale e all’Amministrazione comunale, che hanno lavorato fianco a fianco durante queste settimane, per genitori e bambini il ritorno alla normalità è, oggi, più vicino”, dichiara Chiara Bertelli (coordinatrice territoriale Legacoop Estense).

“Il grande sforzo corale ha reso evidente come le sinergie tra pubblico e privato sociale possono portare ad ottimi risultati anche in una fase di assoluta ed inedita emergenza. Risultati che sono indispensabili per la realizzazione di attività ad alta valenza per la tenuta sociale della comunità. Siamo soddisfatti dello sforzo congiunto che ci ha visto collaborare a stretto contatto con le Istituzioni del territorio, per valutare prima i nuovi bisogni emersi e costruire in seguito le migliori proposte” ha dichiarato Elias Becciu, presidente del Consorzio RES e responsabile del Settore Educativo di CIDAS. “Siamo impazienti di tornare a dedicarci alla nostra missione di cura e sostegno alla crescita dei giovani di questa città”
(Chiara Bertolasi Confcooperative)

 



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

COMUNE DI FERRARA

COMUNE DI FERRARA

Ti potrebbe interessare:

  • Il treno di Margherita
    …un racconto

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi