Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > C’era una volta il diario…
Shares

di Federica Mammina

Qualche giorno fa mi è ritornato alla mente un ricordo, un oggetto per la precisione, che credo oggi non esista quasi più: il diario segreto. Più o meno nascosto, con lucchetto o senza, era il custode di pensieri, sogni, dubbi e in generale di tutto ciò che si aveva in qualche modo bisogno di esternare, di rendere reale, senza però renderlo pubblico. Il diario segreto era a volte anche una sorta di limbo di ciò che non si era ancora sicuri di voler confessare ad altri, in attesa di trovare il coraggio o semplicemente di cambiare idea.
Oggi no, non è più così. Ciò che si pensa si comunica in tempo reale e al maggior numero di persone, per il mero soddisfacimento di un ego esibizionista.
Ma al contrario, mantenere una sfera privata, e ancor di più conservare qualcosa nel segreto del proprio cuore, ci rende più forti e coraggiosi, perché consapevoli custodi di un tesoro da preservare.

“Tutti gli esseri umani hanno tre vite: pubblica, privata e segreta.”
Gabriel Garcia Marquez

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
I DIALOGHI DELLA VAGINA
Ricordo di due lettori… amori clandestini, sfacciati, rimpianti
Se questa è informazione
Aggiornamenti sul debito globale
Saper essere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi