Home > COMUNICATI STAMPA > Cgil Cisl Uil Ferrara: Comune di Comacchio e confronto con le associazioni di categoria e i sindacati

Cgil Cisl Uil Ferrara: Comune di Comacchio e confronto con le associazioni di categoria e i sindacati

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Ufficio comunicazione

Nei giorni scorsi il Comune di Comacchio ha convocato Associazioni Datoriali e Organizzazioni Sindacali, al fine di analizzare il contesto e valutare alcune linee di intervento per adattare il Bilancio dell’Ente con l’obiettivo di favorire la ripartenza delle attività (Fase 2) e dare alcune risposte alle fasce di cittadini maggiormente esposte dagli effetti negativi della pandemia.
Oltre all’avvio di cantieri e di opere pubbliche, di manutenzioni, di parcheggi o di ipotesi di abbattimento delle tasse locali (COSAP, ICP e TARI, ecc..) sono stati affrontati anche i temi sociali.
CGIL CISL e UIL hanno apprezzato l’attenzione assumendo l’impegno di accelerare la ripartenza delle opere pubbliche come volano economico e aiuto alle aziende ad uscire dalla crisi, nel rispetto della legalità quale valore imprescindibile anche a tutela del contenimento del contagio.
Il confronto con l’Amministrazione ha permesso alle Parti sociali coinvolte di dare un contributo significativo alla definizione di misure utili a contrastare gli effetti di una emergenza, in un territorio già fragile. Tutti hanno convenuto che molta attenzione dovrà essere rivolta oltre che alle imprese, anche al welfare, incrementando le risorse per soddisfare le nuove esigenze.
Il Sindacato ha rivolto un particolare apprezzamento per alcune misure quali: la mancata richiesta di pagamento per servizi non fruiti (trasporto scolastico, rette nido, mensa, post scuola, palestre ecc.) e del relativo rimborso delle somme già anticipate; la scelta di rimodulare i servizi socio educativi, di inclusione scolastica ed extrascolastici, salvaguardando così i posti di lavoro.
Non meno importanti le scelte di acquistare dispositivi tecnologici finalizzati a favorire il diritto allo studio riducendo così le disuguaglianze sociali, l’ampliamento della platea dei beneficiari nel sostegno per il pagamento delle utenze e degli affitti, l’elargizione di ulteriori buoni spesa oltre a quelli previsti dall’ordinanza ministeriale.
E’ da apprezzare la scelta di favorire la partecipazione agita dal Comune di Comacchio nel confronto con le associazioni di categoria e i Sindacati: scelta che ha permesso un primo piano di azioni condiviso per rivedere il bilancio nell’interesse dei cittadini.

CGIL CISL UIL Ferrara
Cristiano Zagatti, Bruna Barberis e Massimo Zanirato

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi