Home > COMUNICATI STAMPA > Cgil Ferrara: riaperture CIE
Tempo di lettura: 2 minuti

Da ufficio stampa

CGIL di Ferrara, in sintonia con il Comunicato unitario di CGIL-CISL e UIL Emilia Romagna, ribadisce che:

La circolare del 30 dicembre u.s, del Capo della Polizia F. Gabrielli inviata a tutte le Prefetture, Questure e Forze dell’Ordine del Paese, con cui si annunciano misure forti sul terreno del respingimento dei migranti e l’apertura in ogni regione italiana dei CIE, (centri di identificazione ed espulsione), non rappresenta la giusta risposta alla gestione dei flussi migratori in Italia e in Europa.

I CIE sono vere e proprie carceri, luoghi nei quali vengono continuamente violati i diritti umani e la dignità delle persone, lungamente e inutilmente detenute, spesso senza nemmeno risolvere il problema dell’identificazione.

Emigrare è e deve essere un diritto di ogni essere umano, non un reato.

L’immigrazione irregolare, sia economica che per motivi di protezione internazionale, non costituisce la causa della corruzione, dell’illegalità e della criminalità, e non si risolve o si evita mediante la detenzione nei CIE, ma attraverso, per esempio, politiche europee ed internazionali che promuovano lo sviluppo della democrazia e migliori condizioni di vita in tutti i Paesi del mondo.

L’immigrazione irregolare si contrasta uscendo dalla logica dell’emergenza e avviando in tutta Europa efficaci politiche di accoglienza, che puntino sulla valorizzazione del dialogo, della convivenza, del rispetto reciproco.

A questo scopo è indispensabile la collaborazione, lo sforzo e l’impegno di tutti, a partire da uno stretto rapporto tra istituzioni, forze sindacali e sociali.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi