Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > Chi trova un libro trova un tesoro!

Chi trova un libro trova un tesoro!

di Federica Mammina

A volte mi domando come sia possibile che esistano persone a cui non piaccia leggere.
I libri sono abissi di emozioni, di esperienze, di domande e di risposte. Sono oggetti vivi, che ci parlano, ci consolano, ci fanno compagnia e lasciano in noi una traccia, sempre.
Ogni libro letto ha il potere di riportarci ad un periodo della vita, ad un luogo, magari ad una persona, e così la nostra libreria diventa come un grande album fotografico.
Leggere crea dipendenza, ma è l’unica droga al mondo che fa solo del bene.
Leggere è lo sport dell’anima e non esiste età in cui devi smettere di praticarlo.
Leggere è una medicina potente, ma sul suo bugiardino non ci sono controindicazioni.
Il libro è il miglior compagno che ci sia: parla quando hai voglia di ascoltare e tace quando glielo chiedi, senza mai rifiutarsi di passare del tempo con te.
E se divori libri come una scatola di cioccolatini assortiti, sai che per fortuna non la vedrai mai vuota.

“Quando penso a tutti i libri che mi restano ancora da leggere, ho la certezza di essere ancora felice”
Jules Redard

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Le buone pratiche dei luoghi virtuosi (e quel pizzico di necessaria fantasia)
L’ignoranza non ha più scuse
Giocare con la cultura: “Mamma, papà: portatemi al museo”
Ferrara-Antica
DIARIO IN PUBBLICO
Ferrara e quel fervore d’arte e di cultura

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi