Home > COMUNICATI STAMPA > Cia Ferrara: i pensionati agricoli italiani tra i più poveri d’Europa

Cia Ferrara: i pensionati agricoli italiani tra i più poveri d’Europa

Da: Ufficio stampa e comunicazione Cia – Agricoltori Italiani Ferrara

Quarant’anni di lavoro in campagna, settanta di età, contributi versati regolarmente all’INPS
e una pensione che si aggira mediamente intorno ai 507 euro mensili. Questa la carta identità del
pensionato agricolo italiano, che vive con una cifra inferiore di 143 euro rispetto ai 650 stabiliti come
“soglia minima” dalla Carta sociale europea. E che lo rende, appunto, uno dei più poveri d’Europa.
Anp – Cia Ferrara (Associazione Nazionale Pensionati) si unisce alla forte preoccupazione espressa
dall’associazione a livello nazionale per un trattamento pensionistico che continua a essere iniquo e, cosa
ancora più grave, sarà quasi certamente inferiore alla pensione di cittadinanza, concessa a chi non ha mai
versato contributi.
“La situazione pensionistica degli agricoltori – commenta Rolando Tuffanelli, presidente Anp-Cia Ferrara –
è di una gravità senza precedenti. I dati elaborati da Anp e patronato Inac, mostrano che, grazie al sistema
contributivo, sono diventati, negli anni, il fanalino di coda tra i lavoratori autonomi, molto indietro rispetto
a commercio (assegno medio 817 euro) e artigianato (882 euro). E non solo chi ha lavorato una vita intera
nei campi, facendo crescere il nostro agroalimentare d’eccellenza e preoccupandosi di tutelare l’ambiente,
riceve un assegno da fame. Con le nuove norme ci sarebbe una platea di “non-contribuenti”, che non
hanno mai lavorato o lo hanno fatto in nero, che riceverebbe una “pensione di cittadinanza” superiore a
quella del pensionato agricolo. Oggi le persone che vivono in povertà assoluta sono 5 milioni, mentre sono
9 milioni quelli in povertà relativa e nessuno della nostra associazione pensa che non sia giusto intervenire.
Ma non a discapito di una categoria che è penalizzata su tutti i fronti, anche a livello di Ape sociale. Sembra,
infatti, che gli agricoltori non possano accedervi – dunque andare in pensione a 63 anni di età con 36 di
contributi – perché il loro lavoro non è considerato gravoso e usurante. Un altro paradosso tutto italiano.”
Assegni pensionistici sotto la soglia di povertà, inoltre, costringono gli agricoltori over 65 che potrebbero
ritirarsi dal lavoro a continuare a condurre l’azienda, impedendo così il ricambio generazionale.
“Nel nostro settore le giovani generazioni stanno facendo molta fatica a trovare uno spazio, perché il
sistema previdenziale ci costringe a lavorare la terra oltre i settant’anni per arrivare a fine mese. Stiamo
condannando intere generazioni a non svolgere un lavoro meraviglioso, perché accedervi è a dir poco un
percorso a ostacoli. Noi confidiamo che si agisca – conclude il presidente Anp – a livello nazionale per
sollecitare il Governo a concedere almeno una pensione “di base” minima garantita di 650 euro, come
indicato a livello europeo. Parliamo comunque di un assegno di “sopravvivenza”, ma sarebbe almeno un
piccolo passo avanti verso una maggiore equità, dignità della persona e la possibilità che il vero ricambio
generazionale in agricoltura inizi.”

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi